Pepe the Frog

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pepe the Frog
UniversoBoy's Club
Lingua orig.Inglese
AutoreMatt Furie
1ª app. in2005
SpecieRana umanoide
SessoMaschio

Pepe the Frog è un meme di internet: si tratta di una rana antropomorfa verde con un corpo umanoide. Le origini del personaggio risalgono nel fumetto Boy's Club, scritto dallo statunitense Matt Furie nel 2005.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

È diventato un meme di Internet quando la sua popolarità è cresciuta costantemente attraverso Myspace, Gaia Online e 4chan nel 2008. Nel 2015 era diventato uno dei meme più popolari usati su 4chan e Tumblr. Diversi tipi di Pepe includono "Sad Frog", "Smug Frog" e "Angry Pepe". Dal 2014, "Rare Pepes" sono stati pubblicati sul "mercato dei meme" (sarcastico) come se fossero carte da gioco.[1][2][3][4]

Significato ed utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Pepe the Frog, contro la volontà del creatore, è diventato dal 2016 anche un meme utilizzato dal movimento di estrema destra alt-right.[5] L'Anti-Defamation League ha inserito Pepe the Frog, se usato in contesti antisemiti o razzisti (ad esempio con le fattezze di Hitler) o politici controversi (Donald Trump nelle vesti della rana) nella lista dei simboli d'odio, finendo per essere bandito anche da alcune pagine Facebook.[6]

Nel 2019, Pepe the Frog è stato utilizzato nelle proteste di Hong Kong contro l'atto di estradizione.

Bandiera del Kekistan sventolata da alcuni sostenitori di Trump
Pepe the frog usato come simbolo durante le proteste di Hong Kong del 2019

Documentario[modifica | modifica wikitesto]

Un documentario del 2020, intitolato Feel Good Man, racconta le origini del personaggio e come è diventato un simbolo dell'alt-right americano

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pepe the Frog.
  2. ^ We Asked The Art World How Much Rare Pepes Are Going For. URL consultato il 21 agosto 2018.
  3. ^ About US – Rare Pepe Directory, su rarepepedirectory.com. URL consultato il 21 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 27 febbraio 2020).
  4. ^ 4chan's Frog Meme Went Mainstream, So They Tried to Kill It, su motherboard.vice.com, 9 aprile 2015. URL consultato il 4 gennaio 2016.
  5. ^ Pepe the Frog's Creator: I'm Reclaiming Him. He Was Never About Hate
  6. ^ Megan Farokhmanesh, Facebook has an official Pepe the Frog policy, su The Verge, 25 maggio 2018. URL consultato il 20 maggio 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]