Penisola di Schmidt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Penisola di Schmidt
Полуостров Шмидта
Stato Russia Russia
Circondario federale Estremo Oriente
Soggetto federale Oblast' di Sachalin
Rajon Ochinskij
Massa d'acqua Mare di Ochotsk
Coordinate 53°48′25″N 138°23′24″E / 53.806944°N 138.39°E53.806944; 138.39Coordinate: 53°48′25″N 138°23′24″E / 53.806944°N 138.39°E53.806944; 138.39
Altitudine 623 m s.l.m.[1]
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Federazione Russa
Penisola di Schmidt
Penisola di Schmidt

La penisola di Schmidt (in russo полуостров Шмидта) è la punta settentrionale dell'isola di Sachalin e si trova nel mare di Ochotsk, in Russia. Appartiene all'Ochinskij rajon, nell'Oblast' di Sachalin (Circondario federale dell'Estremo Oriente).

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La penisola è lunga circa 50 km. Il punto più settentrionale della penisola è capo Elizaveta (мыс Елизаветы), che assieme a capo Maria (мыс Марии) delimitano il golfo Severnyj (залив Северный) a nord della penisola. Sul suo territorio ci sono molte paludi, boschi di larici e abeti. Il punto più alto è il monte Tri Brata (гора Три Брата) con i suoi 651 m.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I Nivchi (gli abitanti indigeni di questa località) chiamavano la penisola Mif-tëngr (Миф-тёнгр), "la testa della terra". Su alcune mappe inglesi e giapponesi, veniva chiamata penisola di Santa Elisabetta. L'ammiraglio Adam Johann von Krusenstern aveva dato i nomi di Mary ed Elizabeth alle punte settentrionali dell'isola il 9 agosto 1805.[2]Il nome definitivo, penisola di Schmidt, le fu assegnato dal geologo N. Tichonovič, nel 1908, in onore del primo geologo che aveva visitato Sachalin: Carl Friedrich Schmidt (1859-1863).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b N-54 (JPG), su maps.vlasenko.net. URL consultato il 15 luglio 2019.
  2. ^ (RU) Трёхтомный отчет «Путешествия вокруг света в 1803, 1804, 1805 и 1806 гг. на кораблях „Надежде“ и „Неве“», (Rapporto in tre volumi "Viaggiare per il mondo nel 1803, 1804, 1805 e 1806 sulle navi Nadežda e Neva).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Mappe: N-54 (JPG), su maps.vlasenko.net. URL consultato il 15 luglio 2019. (edizione 1990); N-54-XII, su geokniga.org. URL consultato il 15 luglio 2019.
Russia Portale Russia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Russia