Penicillium roqueforti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Penicillium roqueforti
Immagine di Penicillium roqueforti mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Fungi
Phylum Ascomycota
Subphylum Pezizomycotina
Classe Eurotiomycetes
Sottoclasse Eurotiomycetidae
Ordine Eurotiales
Famiglia Trichocomaceae
Genere Penicillium
Specie P. roqueforti
Nomenclatura binomiale
Penicillium roqueforti
Thom, 1906

Penicillium roqueforti Thom, 1906 è un fungo appartenente alla famiglia Trichocomaceae.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una delle molte muffe commestibili ed è usata in particolare modo nelle produzioni casearie.

Questa muffa è anche alla base della produzione delle penicilline usate nell'industria farmaceutica per creare antibiotici.

Nell'industria alimentare invece si utilizza in modo controllato affinché sia commestibile e impedisca ad altre muffe nocive di attaccare l'alimento.

I prodotti caseari più famosi che si ottengono con l'introduzione di Penicillium roqueforti sono i formaggi Camembert, Roquefort, Brie, Gorgonzola, Stilton e Danablu. In base al tipo di muffa impiegata possono aversi sfumature di colori differenti che variano dal bianco al verde al blu. Il Penicillium roqueforti si utilizza per i formaggi erborinati (ma non per quelli a crosta fiorita).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Penicillium roqueforti, su Index Fungorum. URL consultato il 18 febbraio 2015.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]