Pemphis acidula

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pemphis acidula
Pemphis acidula bushes.jpg
Pemphis acidula
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Eudicotiledoni
(clade) Eudicotiledoni centrali
(clade) Superrosidi
(clade) Rosidi
(clade) Eurosidi
(clade) Eurosidi II
Ordine Myrtales
Famiglia Lythraceae
Sottofamiglia Lythroideae
Genere Pemphis
J.R. Forst. e G. Forst., 1776
Specie P. acidula
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Sottoregno Tracheobionta
Superdivisione Spermatophyta
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Sottoclasse Rosidae
Ordine Myrtales
Famiglia Lythraceae
Sottofamiglia Lythroideae
Genere Pemphis
Specie P. acidula
Nomenclatura binomiale
Pemphis acidula
J.R. Forst. e G. Forst., 1776
Sinonimi

Lythrum pemphis
L.f.
Macclellandia griffithiana
Wight
Melanium fruticosum
Spreng.
Melanium rupestre
Zipp.
Millania rupestris
Zipp. ex Blume
Pemphis angustifolia
Roxb.
Pemphis setosa
Blanco

Nomi comuni

bois matelot (Mauritius)
miki miki (Polinesia)

Pemphis acidula (J.R. Forst. e G. Forst., 1776) è una pianta appartenente alla famiglia delle Lythraceae, diffusa nelle aree costiere dell'oceano Indiano e del Pacifico centro-occidentale[2]. È l'unica specie inclusa nel genere Pemphis (J.R. Forst. e G. Forst., 1776)[3].

In grado di tollerare condizioni di forte salinità, è una delle specie vegetali costituenti delle foreste a mangrovie.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Pemphis acidula, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020.
  2. ^ (EN) Pemphis acidula J.R.Forst. & G.Forst. | Plants of the World Online | Kew Science, su Plants of the World Online. URL consultato il 17 febbraio 2021.
  3. ^ (EN) Pemphis J.R.Forst. & G.Forst. | Plants of the World Online | Kew Science, su Plants of the World Online. URL consultato il 17 febbraio 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica