Peleliu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Peleliu
stato
Peleliu – Bandiera
Localizzazione
StatoPalau Palau
Amministrazione
CapoluogoKloulklubed
Territorio
Coordinate
del capoluogo
7°01′N 134°15′E / 7.016667°N 134.25°E7.016667; 134.25Coordinate: 7°01′N 134°15′E / 7.016667°N 134.25°E7.016667; 134.25
Superficie13 km²
Abitanti571 (2000)
Densità43,92 ab./km²
Villaggi4
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+9
ISO 3166-2PW-350
Cartografia
Mappa di localizzazione: Palau
Kloulklubed
Kloulklubed
Peleliu – Mappa

Peleliu (o Beliliou) è uno dei 16 stati in cui si divide Palau.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Mappa di Peleliu
Molo nord dell'isola di Peleliu

Lo Stato di Peleliu è costituito dall'isola omonima, la principale delle isole delle Palau, e alcune isole minori. Peleliu è situata a nord-est di Angaur e a sud-ovest di Koror.

La superficie totale è di 13 km². Nel 2004 la sua popolazione ammontava a circa 700 persone, che la rende lo Stato più popoloso di Palau. La maggior parte della popolazione vive nel villaggio di Kloulklubed, situato sulla costa settentrionale e che costituisce la capitale dello Stato. Inclusa la capitale, vi sono quattro villaggi: Kloulklubed, la capitale appunto, nella parte nord-occidentale dell'isola, Imelechol, sulla costa nord-orientale, Lademisang, il villaggio più meridionale, nella parte centrale dell'isola, e Ongeuidel, il villaggio più settentrionale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sull'isola durante la seconda guerra mondiale venne combattuta l'omonima battaglia, e da allora costituisce un memoriale sia per gli statunitensi che per i giapponesi. Furono infatti molti i caduti di entrambe le parti su quest'isola, dove si trova una spiaggia denominata dagli americani Bloody Beach (spiaggia sanguinosa, o anche maledetta).

Molte delle installazioni militari di quel periodo, tra le quali il campo di aviazione, sono ancora intatte, ed i relitti della battaglia sono visibili a poca distanza dalla costa. La US Navy ha battezzato una nave, la USS Peleliu, in ricordo di quella battaglia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bill Sloan, Brotherhood of Heroes: The Marines at Peleliu, 1944
  • Eugene B. Sledge, With the Old Breed: At Peleliu and Okinawa
  • George P. Hunt, Coral comes High, 1949, cfr. Il corallo costa caro in "Storie americane di guerra" (pp. 413–442), Fruttero & Lucentini, Einaudi, 1991

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN248713276