Pegusa lascaris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Sogliola dal porro
Pegusa lascaris.jpg
Pegusa lascaris
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Gnathostomata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Acanthopterygii
Ordine Pleuronectiformes
Famiglia Soleidae
Genere Pegusa
Specie P. lascaris
Nomenclatura binomiale
Pegusa lascaris
Risso, 1827
Sinonimi

Solea lascaris

Pegusa lascaris (Risso, 1827), conosciuta comunemente come sogliola dal porro, è un pesce osseo marino della famiglia Soleidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

L'areale di questa specie comprende l'Oceano Atlantico orientale a nord fino all'Irlanda, il mar Mediterraneo e il mar Nero. Segnalata anche nel Canale di Suez e nel mar d'Azov[1]. Nel Mediterraneo è comune solo lungo le coste del nord Africa[2]. Nei mari italiani è una specie complessivamente rara[3]

È una specie bentonica di fondi mobili sabbiosi o fangosi che di solito staziona a qualche decina di metri di profondità[1], i giovanili possono penetrare nelle lagune e nelle foci fluviali[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Come tutti i pesci piatti ha un aspetto caratteristico, asimmetrico e con entrambi gli occhi su un lato del corpo che viene denominato "lato oculare" (in questa specie il destro) mentre il lato privo di occhi viene chiamato "lato cieco". Il corpo è ovale come nella sogliola comune ma un po' più rotondeggiante. Questa specie è molto simile alla congenere sogliola adriatica da cui si distingue soprattutto per avere la pinna pettorale del lato oculare con una macchia scura al centro bordata da un alone giallastro e per avere alcuni raggi delle pinne dorsale e anale scuri disposti a distanze regolari. Come tutti i membri del genere Pegusa ha la narice del lato cieco espansa a rosetta (da cui il nome comune)[2].

Il colore del lato oculare è brunastro o rossastro pallido con piccoli punti neri e bianchi sparsi[2].

La misura media è sui 30 cm, la taglia massima è di circa 40 cm[1].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Vive fino a 15 anni[1].

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

È un animale predatore, si nutre di crostacei come misidacei, anfipodi, gamberetti ed altri decapodi di molluschi bivalvi e policheti[1].

Pesca[modifica | modifica wikitesto]

La pesca avviene con le reti a strascico e, occasionalmente, con le reti da posta. Le carni sono commestibili ma, anche per le piccole dimensioni, non ha importanza per la pesca commerciale[1][3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f (EN) (EN) Pegusa lascaris, su FishBase. URL consultato il 20.03.2014.
  2. ^ a b c d Patrick Louisy, Guida all'identificazione dei pesci marini d'Europa e del Mediterraneo, a cura di Trainito, Egidio, Milano, Il Castello, 2006, ISBN 888039472X.
  3. ^ a b Francesco Costa, Atlante dei pesci dei mari italiani, Milano, Mursia, ISBN 8842510033.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci