Pedro Casaldáliga Plá

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pedro Casaldáliga Plá, C.M.F.
vescovo della Chiesa cattolica
Dom.Pedro.Casaldaliga.02.jpg
Template-Bishop.svg
Nada possuir, nada carregar, nada pedir, nada calar e, sobretudo, nada matar
Titolo São Félix
Incarichi attuali Prelato emerito di São Félix
Incarichi ricoperti Amministratore apostolico di São Félix
Prelato di São Félix
Nato 16 febbraio 1928 (87 anni) a Balsareny
Ordinato presbitero 31 maggio 1952
Nominato vescovo 27 agosto 1971 da papa Paolo VI (poi beato)
Consacrato vescovo 23 ottobre 1971 dall'arcivescovo Fernando Gomes dos Santos

Pedro Casaldáliga Plá (Balsareny, 16 febbraio 1928) è un vescovo cattolico e teologo spagnolo naturalizzato brasiliano, religioso dei Missionari Figli del Cuore Immacolato di Maria.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrato nella Congregazione dei Missionari Figli del Cuore Immacolato di Maria o Congregazione Claretiana nel 1943, è stato consacrato sacerdote a Montjuïc, Barcellona, il 31 maggio 1952. Nel 1968 si trasferì in Amazzonia, Brasile.

È stato nominato amministratore apostolico della prelatura territoriale di São Félix il 27 aprile 1970 da papa Paolo VI. Nominato, successivamente, primo prelato di São Félix il 27 agosto 1971, è stato consacrato vescovo il 23 ottobre successivo.

Ha presentato, al compimento dei 75 anni di età, la rinuncia al governo della prelatura, per raggiunti limiti d'età. Il 2 febbraio 2005 Giovanni Paolo II ha accettato la rinuncia.

Impegno politico e sociale[modifica | modifica wikitesto]

Seguace della Teologia della Liberazione, ha assunto come motto per il suo stemma Nada possuir, nada carregar, nada pedir, nada calar e, sobretudo, nada matar. (Nulla possedere, nulla prendere a carico, nulla chiedere, nulla tacere e soprattutto non uccidere nessuno). È poeta e autore di vari libri.

Durante la dittatura militare in Brasile, fu minacciato di morte diverse volte (clamorosa la sera dell'11 ottobre 1976, in cui fu ucciso padre João Bosco Burnier) e minacciato di espulsione dal Brasile; in sua difesa si schierò l'allora arcivescovo di San Paolo, Paulo Evaristo Arns.

Successione[modifica | modifica wikitesto]

A Pedro Casaldáliga è succeduto Leonardo Ulrich Steiner, O.F.M., brasiliano.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pedro Casaldáliga, Nella fedeltà ribelle, Cittadella, 1985.
  • Pedro Casaldáliga, Fuoco e cenere al vento. Antologia spirituale, Cittadella, 1985.
  • Pedro Casaldáliga, José M. Vigil, Spiritualità della liberazione, Cittadella, 1995.
  • Pedro Casaldáliga, Sonetos neo-bíblicos, precisamente, Musa Editora, 1996.
  • Pedro Casaldáliga, Cerezo Barredo, Murais da libertação, São Paulo, Loyola, 2005.
  • Pedro Casaldáliga, Pedro Tierra, Ameríndia, morte e vida, Petrópolis, Vozes, 2000.
  • Pedro Casaldáliga, Pedro Tierra, Orações da caminhada, Verus Editora, 2005.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Amministratore apostolico di São Félix Successore BishopCoA PioM.svg
- 27 aprile 1970 - 27 agosto 1971 se stesso come prelato
Predecessore Vescovo titolare di Altava Successore BishopCoA PioM.svg
Alfred Bertram Leverman 27 agosto 1971 - 26 maggio 1978 Adam Dyczkowski
Predecessore Prelato di São Félix Successore BishopCoA PioM.svg
se stesso come amministratore apostolico 27 agosto 1971 - 2 febbraio 2005 Leonardo Ulrich Steiner, O.F.M.
Controllo di autorità VIAF: (EN17220283 · LCCN: (ENn78076344 · ISNI: (EN0000 0001 0874 3835 · GND: (DE118519395 · BNF: (FRcb11895396f (data)