Pedro Casablanc

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pedro Casablanc

Pedro Casablanc, nome d'arte di Pedro Manuel Ortiz Domínguez (Casablanca, 17 aprile 1963), è un attore, regista e doppiatore spagnolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Casablanca, in Marocco, il 17 aprile 1963, si laureò in arti visive (Bellas Artes) all'Università di Siviglia, città in cui iniziò a recitare nel contesto della compagnia del Teatro de la Jácara e nel Centro Andaluz de Teatro (CAT), in produzioni dirette, tra gli altri, da Miguel Narros e George Tabori. Nel 1991 si trasferì a Madrid e entrò a far parte della compagnia del Teatro de La Abadía, dove avrebbe lavorato per quattro anni sotto la direzione di José Luis Gómez. Fu grazie al suo ruolo in Il signor Puntila e il suo servo Matti di Brecht, prodotta nel 1998 dal Teatro de La Abadía, che vinse il premio al miglior attore non protagonista conferito dall'Unión de Actores, il sindacato spagnolo degli attori e attrici. Ha interpretato ruoli di spicco del teatro internazionale in opere quali Il gabbiano di Čechov, Casa di bambola di Ibsen, Antigone di Sofocle, Ultime parole di Fiocco di Neve di J. Mayorga, Marat/Sade di P. Weiss e Re Lear di Shakespeare.

Nel mondo del cinema ha lavorato con registi quali, tra gli altri, Steven Soderbergh in Che - Guerriglia, Jean-Jacques Annaud in Sa Majesté Minor, Imanol Uribe in Días contados e Fernando Colomo in Extraños. È stato protagonista di numerosi cortometraggi e presente nella gran parte delle serie televisive spagnole dai primi anni Novanta in poi; in particolare ricordiamo Policías: en el corazón de la calle, Motivos personales, El pantano, R.I.S. Científica, Hospital Central, Amare per sempre e, recentemente, Isabel e El Ministerio del Tiempo per l'emittente spagnola TVE, Los nuestros, trasmessa su Telecinco, e Mar de plástico, su Antena 3. Ha ottenuto premi e candidature dall'Unión de Actores al miglior attore non protagonista in produzioni televisive, teatrali e cinematografiche e, nel 2016, è stato candidato al Goya come miglior attore protagonista per il film B, la película.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Carranze, regia di José García Hernández (1994)
  • Cosas nuestras, regia di José Pascual (1999)
  • El infanticida, regia di Pilar Ruiz-Gutiérrez (2000)
  • Para pegarse un tiro, regia di Gustavo Vallecas (2000)
  • Mala espina, regia di Belén Macías (2001)
  • Las viandas, regia di José Antonio Bonet (2004)
  • Balada para un adiós, regia di Carlos Duarte (2004)
  • Nana mía, regia di Verónica Cerdán Molina (2006)
  • Monstruo, regia di Zoe Berriatúa (2007)
  • Susurros, regia di Carlos Castel (2008)
  • Burbuja, regia di Pedro Casablanc e Gabriel Olivares (2009)
  • La noche de todos los santos, regia di Gustavo Vallecas (2011)

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

  • Padre coraje, regia di Benito Zambrano (2002)
  • Sant'Antonio di Padova, regia di Umberto Marino (2002)
  • Los recuerdos de Alicia, regia di Manuel Estudillo (2005)
  • Diario de un skin, regia di Jacobo Rispa (2005)
  • Masala, regia di Salvador Calvo (2007)
  • La princesa de Éboli, regia di Matías Vázquez (2010)
  • Prim, el asesinato de la calle del Turco, regia di Miguel Bardem (2014)

Serie[modifica | modifica wikitesto]

  • ¡Ay, Señor, Señor! (1994)
  • Éste es mi barrio (1996)
  • Querido maestro (1997–1998), adattamento dell'italiana Caro maestro
  • Hermanas (1998)
  • Manos a la obra (1998)
  • Compañeros (1998–2002)
  • Periodistas (1999)
  • Policías, en el corazón de la calle (2000–2003)
  • El pantano (2003)
  • El comisario (2004)
  • Mis adorables vecinos (2004)
  • Motivos personales (2005)
  • Genesis (2006)
  • Tirando a dar (2006)
  • Los hombres de Paco (2006–2007), adattata in Italia con il titolo Tutti per Bruno
  • R.I.S. Científica (2007), adattamento dell'italiana R.I.S. - Delitti imperfetti
  • Hospital Central (2008–2011)
  • Los misterios de Laura (2011)
  • Isabel (2012–2013)
  • Amare per sempre (2014)
  • Los nuestros (2015)
  • Mar de plástico (2015–2016)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

  • Las aventuras de Don Quijote de la Mancha. Testo: Miguel de Cervantes.
  • Retablo de comediantes. Testo: Alfonso Zurro (1994)
  • ¡Ay, Carmela!. Testo: José Sanchis Sinisterra (2001)
  • El tren del holandés. Testo: Amiri Baraka (2005)
  • Antígona o la felicidad. Testo: Pedro Casablanc, Sara Illán (2006)
  • Extremities. Testo: William Mastrosimone (2012)

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Unión de actores
Anno Titolo Categoria Risultato
1998 Il signor Puntila e il suo servo Matti Premio al miglior attore non protagonista in una produzione teatrale Vincitore/trice
2000 Policías, en el corazón de la calle Premio al miglior attore non protagonista in una produzione televisiva Candidato/a
2001 Policías, en el corazón de la calle Premio al miglior attore non protagonista in una produzione televisiva Vincitore/trice
2005 Motivos personales Premio al miglior attore non protagonista in una produzione televisiva Candidato/a
2011 El mundo que fue y el que es Premio al miglior attore non protagonista in una produzione cinematografica Vincitore/trice
2012 Isabel Premio al miglior attore non protagonista in una produzione televisiva Vincitore/trice
Premios Ceres de Teatro
Anno Titolo Categoria Risultato
2015[2] Los cuentos de la peste; Hacia la alegría Premio al miglior attore Vincitore/trice
Premio Goya
Anno Titolo Categoria Risultato
2016 B, la película Premio al miglior attore protagonista Candidato/a

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (ES) Jekyll y Hyde, su rtve.es. URL consultato il 9 ottobre 2018.
  2. ^ (ES) Pedro Casablanc vince il Premio Ceres al miglior attore protagonista, su elmundo.es. URL consultato il 9 ottobre 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN169900731 · ISNI (EN0000 0001 1868 9051 · LCCN (ENno2014073380 · BNF (FRcb169599785 (data) · BNE (ESXX4697745 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2014073380