Pediculosi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. I contenuti hanno solo fine illustrativo e non sostituiscono il parere medico: leggi le avvertenze.
Pediculosi
Specialitàinfettivologia
Classificazione e risorse esterne (EN)
MeSHD010373 e D010373
MedlinePlus000840
eMedicine225013
Pidocchio del capo (Pediculus humanus)
Spidocchiare
Jan Siberechts, Scène d'épouillage, 1662
LouseBuster[1]

La pediculosi è una parassitosi che può colpire le parti della cute: soprattutto il capo, il pube (Pediculosi pubica) o, più in generale, il corpo

Eziologia[modifica | modifica wikitesto]

Si trasmette grazie a una famiglia di artropodi chiamata Anoplura, le cui tre forme sono:

  1. Variante Pediculus humanus capitis, che colpisce il cuoio capelluto (le dimensioni degli artropodi sono di 2-4 mm)
  2. Variante Pediculus humanus corporis, il cui contagio avviene anche con il cambio di abiti infetti.

Epidemiologia[modifica | modifica wikitesto]

Le forme più comuni sono quelle che colpiscono i capelli (diffusa nei bambini in età scolastica) e quella del pube (per via dei rapporti sessuali)

Sintomatologia[modifica | modifica wikitesto]

Si riscontra prurito e piccole lesioni che circoscrivono il luogo dove è avvenuta la puntura e altre per il continuo sfregamento dovuto alla ricerca di un sollievo. Solo in casi gravi si arriva a eritemi e tumefazione.

Profilassi[modifica | modifica wikitesto]

Evitare luoghi affollati, rapporti sessuali con soggetti infetti e scambio di oggetti comuni (come il pettine) sono elementi sufficienti ad evitare ricadute.

Terapia[modifica | modifica wikitesto]

Gli abiti devono essere trattati con insetticidi mentre permetrina e lindano (soluzioni all'1%) vengono utilizzate nei casi in cui interessa cuoio capelluto o pube. Si somministra anche ivermectina (una dose di 200-400 ug/kg alla quale ne seguono altre due alla distanza minima di una settimana).

In alternativa al trattamento con i farmaci neurotossici attualmente utilizzati, nel 2010 è stato proposto l'uso di una lozione al 5% di alcool benzilico, che provocherebbe l'asfissia dei parassiti.[2][3]

Inoltre esistono particolari shampoo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Brad M et al. Goates, An Effective Nonchemical Treatment for Head Lice: A Lot of Hot Air (PDF), in Pediatrics (American Academy of Pediatrics), vol. 118, nº 5, 2006, pp. 1962–1970. URL consultato il 1º agosto 2010 (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2010).
  2. ^ Nuovo metodo anti-pidocchi
  3. ^ Pubmed PMID 2019940420199404

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mauro Moroni, esposito Roberto, De Lalla Fausto, Malattie infettive, 7ª edizione, Milano, Elsevier Masson, 2008, ISBN 978-88-214-2980-4.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh85099199 · BNF (FRcb122526437 (data)
Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina