Peana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il peàna è un canto corale in onore di Apollo.

Significato storico[modifica | modifica wikitesto]

Canto corale in onore di Apollo, il peana veniva intonato con funzione di propiziazione in occasione di sacrifici o di invocazione del dio per ottenerne la protezione o di ringraziamento per la vittoria conseguita. Veniva intonato dagli spartani quando muovevano all'attacco del nemico: il ritmo del canto aveva lo scopo di mantenere l'ordine della formazione e di infondere terrore nell'avversario, che sentiva il loro avvicinarsi dal canto che si faceva via via più forte. Vedi, ad esempio, il movimento in battaglia degli Spartani guidati da Brasida, ne "La guerra del Peloponneso" di Tucidide (scrittore e stratego ateniese). Con il tempo si estese ad altre divinità, tra cui Artemide.

Significato odierno[modifica | modifica wikitesto]

Il termine è oggi usato per indicare un discorso o uno scritto di vittoria o di esaltazione. Viene spesso usato inoltre per indicare un discorso in cui non sono presenti critiche, ma solo lodi.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Il termine deriva dal latino paeāna, che a sua volta viene dal greco paián–anôs, che significa "colui che guarisce", epiteto di Apollo.