Pavel Vasil'evič Ryčagov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pavel Vasil'evič Ryčagov
NascitaMosca, 2 gennaio 1911
MorteSamara, 28 ottobre 1941
Dati militari
Paese servitoUnione Sovietica Unione Sovietica
Forza armataVoenno-vozdušnye sily SSSR
GradoTenente generale
GuerreGuerra civile spagnola
Guerra d'inverno
Seconda guerra sino-giapponese
Comandante diRoundel of the Soviet Union (1945–1991).svg Voenno-vozdušnye sily SSSR (1940-1941)
DecorazioniHero of the Soviet Union medal.png Eroe dell'Unione Sovietica
voci di militari presenti su Wikipedia
Pavel Vasil'evič Ryčagov

Deputato del Soviet dell'Unione del Soviet Supremo dell'URSS
Legislature I
Circoscrizione Oblast' di Poltava

Dati generali
Partito politico Partito Comunista di tutta l'Unione (bolscevico)

Pavel Vasil'evič Ryčagov (in russo: Павел Васильевич Рычагов?; Mosca, 15 gennaio 1911, 2 gennaio del calendario giulianoSamara, 28 ottobre 1941) è stato un aviatore sovietico.

Asso della guerra civile spagnola con 20 vittorie[1], nel 1936 fu insignito del titolo di Eroe dell'Unione Sovietica[2], la più alta onorificenza attribuita dall'Unione Sovietica. Dal 28 agosto 1940 al 14 aprile 1941 fu comandante delle Forze aeree sovietiche. Giustiziato assieme alla moglie durante la purga dell'Armata Rossa del 1941, fu riabilitato nel 1954.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo il completamento degli studi, prima a Leningrado e poi a Borisoglebsk, fu assegnato al 109º Squadrone della 36ª brigata aerea di stanza a Žytomyr. Nel 1933 divenne comandante di volo , pochi mesi dopo, comandante del gruppo di trasporto aereo. Per l'esemplare servizio nel 1936 fu insignito dell'Ordine di Lenin[1]. Nell'ottobre 1936 giunse in Spagna assieme a un primo gruppo di piloti volontari per prendere parte alla guerra civile spagnola. Combatté col nome di battaglia di Pablo Palancar, ma fu noto anche come Grinberg. Ryčagov fu a capo della Escuadrilla Palancar e rispondeva ai comandi di Petr Pumpur[1]. Nel conflitto ottenne 20 vittorie, 6 singole e 14 condivise. Tutte le vittorie furono ottenute ai comandi di un biplano Polikarpov I-15.

Vittorie singole ottenute nella guerra civile spagnola
Numero Data Ora Aereo abbattuto Zona
1 5 novembre 1936 Heinkel He 51 Area di Madrid
2 6 novembre 1936 Heinkel He 51 Area di Madrid
3 6 novembre 1936 Heinkel He 51 Area di Madrid
4 15 novembre 1936 Junkers Ju 52/3m
5 16 novembre 1936 pomeriggio Fiat C.R.32 Area di Madrid
6 16 novembre 1936 pomeriggio Fiat CR.32 Area di Madrid

All'inizio del febbraio 1937 fu richiamato dalla Spagna assieme ai piloti superstiti della sua unità. Divenuto maggiore, fu nominato comandante del 65º squadrone della 81ª brigata aerea. Nel dicembre 1937 fu eletto deputato del Soviet Supremo. Nello stesso periodo fu consulente militare di alto livello sull'uso di piloti sovietici volontari in Cina durante la seconda guerra sino-giapponese. In seguito fu assegnato a vari altri comandi. Nel 1938, su suggerimento di Stalin, fu ammesso al partito comunista senza passare per il periodo di prova. Fu raccomandato dallo stesso Stalin e da Vorošilov. In seguito ottenne incarichi sempre più elevati, e dal 28 agosto 1940 al 14 aprile 1941 fu comandante delle Forze aeree sovietiche. Il 24 giugno 1941 fu arrestato dal NKVD. Durante le indagini gli accusati furono sottoposti regolarmente a percosse e tortura. L'ex capo dell'indagine, il tenente generale Vlodzimirskij, l'8 ottobre 1953 parlò dell'arresto e dell'interrogatori, confermando l'uso di percosse sugli indagati. L'indagine subì ritardi a causa della minaccia dell'esercito tedesco, avvicinatosi a Mosca, e molti degli arrestati in vari casi furono evacuati. Il 28 ottobre 1941, in un villaggio vicino Samara, su ordine di Berija un gruppo di ufficiali, tra cui Ryčagov, fu fucilato senza processo. Insieme a Ryčagov fu uccisa anche sua moglie, il maggiore Maria Nesterenko, con l'accusa che, come moglie di Ryčagov, non poteva fare a meno di essere a conoscenza del tradimento del marito.

La memoria di Ryčagov fu riabilitata nel 1954.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Eroe dell'Unione Sovietica - nastrino per uniforme ordinaria Eroe dell'Unione Sovietica
— 31 dicembre 1936
Ordine di Lenin - nastrino per uniforme ordinaria Ordine di Lenin
Ordine della Bandiera rossa - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Bandiera rossa
Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia per il giubileo dei 20 anni dell'Armata Rossa dei lavoratori e dei contadini

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) General Leitenant Pavel Vasilevich Rychagov HSU, su surfcity.kund.dalnet.se. URL consultato il 4 giugno 2016.
  2. ^ (RU) Рычагов Павел Васильевич, su hrono.ru. URL consultato il 4 giugno 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]