Paul Shan Kuo-hsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paul Shan Kuo-hsi, S.J.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Paul Shan Kuo-hsi (cropped).jpg
Il cardinale Shan Kuo-hsi il 27 giugno 2009
Coat of arms of Paul Shan Kuo Hsi.svg
Instaurare omnia in Christo
Incarichi ricoperti
Nato 3 dicembre 1923, Puyang
Ordinato presbitero 18 marzo 1955
Nominato vescovo 15 novembre 1979 da papa Giovanni Paolo II
Consacrato vescovo 14 febbraio 1980 dall'arcivescovo Matthew Kia Yen-wen
Creato cardinale 21 febbraio 1998 da papa Giovanni Paolo II
Deceduto 22 agosto 2012, Nuova Taipei

Paul Shan Kuo-hsi 單國璽 (Puyang, 3 dicembre 1923Nuova Taipei, 22 agosto 2012) è stato un cardinale e vescovo cattolico cinese[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È nato a Puyang, in Cina, il 3 dicembre 1923. Sacerdote dal 18 marzo 1955, ha ricevuto la consacrazione episcopale il 14 febbraio 1980.

Dal 15 novembre 1979 al 4 marzo 1991 è stato vescovo di Hwalien, dal 4 marzo 1991 al 5 gennaio 2006 vescovo di Kaohsiung.

Dal 1987 al 2006 ha ricoperto anche l'incarico di presidente della Conferenza Episcopale Cinese.

Papa Giovanni Paolo II lo ha elevato al rango di cardinale nel concistoro del 21 febbraio 1998. Il 3 dicembre 2003 perde il diritto al voto al conclave per il raggiungimento degli 80 anni d'età.

È morto il 22 agosto 2012 all'età di 88 anni per un tumore ai polmoni.[2] È sepolto nel cimitero diocesano di Kaohsiung.[3]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il cardinal Shan Kuo-hsi è nato nella Cina continentale prima dell'indipendenza de facto di Taiwan ma viene indicato come taiwanese nelle statistiche del sito ufficiale della Santa Sede Archiviato il 18 ottobre 2007 in Internet Archive.
  2. ^ Morto il cardinale di Taiwan Paul Shan Kuo-Hsi | Chiesa | www.avvenire.it
  3. ^ (EN) Cardinal Paul Shan Kuo-hsi, su findagrave.com. URL consultato il 16 marzo 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN161304847 · ISNI (EN0000 0001 1106 4737