Paul Baccaglini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paul Mario Baccaglini[1] (Chicago, 31 gennaio 1984) è un ex cestista, imprenditore e personaggio televisivo statunitense naturalizzato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto negli Stati Uniti, a Pittsburgh, da padre americano (Eric Frank) e madre italiana (Paola Baccaglini), terminate le scuole elementari, si è trasferito a Padova, città in cui abita la madre. Sempre a Padova ha frequentato le scuole medie, presso la Scuola Media G. Pascoli, e le superiori, presso il Liceo Scientifico Cornaro. Baccaglini ha giocato a basket, nel ruolo di guardia[2], inizialmente nel Petrarca Basket, per poi debuttare a livello agonistico nella Patavium, a Padova, di cui è stato anche capitano[2] e dove ha svolto tutta la trafila giovanile fino all'approdo in B2 nel 2000-2001 per poi accasarsi all'Elvox in Serie B[2]. Ha concluso la carriera agonistica nelle serie C1 e C2 con il Solesino[2].

Carriera nello spettacolo[modifica | modifica wikitesto]

Lasciato lo sport, intraprende una carriera in radio, lavorando dapprima per Radio Padova in cui ha condotto il programma The Groove[2], quindi ha lavorato per quasi tre anni per RTL 102.5[2].

Si è successivamente distinto in televisione anche per essere stato un inviato del programma televisivo in onda su Italia 1 Le Iene, in cui intervistava in maniera scherzosa ed ironica numerosi politici; è comparso anche su MTV nel programma condotto da Pif, Il testimone[3].

Carriera nella finanza[modifica | modifica wikitesto]

Terminata questa sua esperienza televisiva, Baccaglini si è interessato al mondo della finanza studiando i mercati finanziari e divenendo un trader. Infatti, ha dapprima gestito un proprio capitale e dunque ha fondato il suo primo family fund[3]. Ha successivamente creato il suo primo fondo commerciale, Keystone Group[3]. Infine ha cofondato il fondo Integritas Capital con due soci, uno britannico ed uno australiano[3], attraverso il quale ha fatto un precontratto per l'acquisto della società di calcio del Palermo, militante in Serie A.

È parte del consiglio di amministrazione e segretario finanziario della Foundation International, una società americana che si occupa di progetti a sfondo umanitario a livello mondiale[4][5].

Presidenza del Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Il 6 marzo 2017 avviene la presentazione ufficiale alla stampa nella quale viene presentato il piano di acquisto: gli accordi con il suo predecessore Maurizio Zamparini comprendono il completamento dell'iter burocratico ad aprile dello stesso anno prima con l'acquisto del 100% delle quote azionarie e dunque il closing della trattativa entro fine mese, "closing" slittato al 31 maggio per problemi burocratici[3][4][5][6]. La notizia viene riportata anche sul sito ufficiale della società finanziaria con annuncio da parte di uno dei soci fondatore dell'azienda, Paul Fleming[7].

Il 19 aprile, confermando il cronoprogramma da lui steso stilato il giorno della presentazione ufficiale come nuovo presidente, indica tramite il sito ufficiale del Palermo Calcio la SPV (Special Purpose Vehicle) che acquisirà il 100% delle quote societarie entro fine mese: la società, registrata presso il Companies House (registro delle imprese britannico) per l'occasione il 14 giugno, si chiama YW & F Global Limited[8]. Il 1º luglio Maurizio Zamparini rifiuta la sua offerta per l'acquisto del Palermo, ritenendola priva di sufficienti garanzie[9][10]. Il 4 luglio si dimette dalla carica di presidente del Palermo[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Profilo su Companies House
  2. ^ a b c d e f Dal canestro alla televisione Baccaglini diventa una Iena - il mattino di Padova, in Archivio - il mattino di Padova. URL consultato il 04 luglio 2017.
  3. ^ a b c d e PAUL BACCAGLINI È IL NUOVO PRESIDENTE, in U.S. Citta' di Palermo. URL consultato il 04 luglio 2017.
  4. ^ a b Palermo, ufficiale: addio Zamparini, Paul Baccaglini nuovo presidente, in Il Sole 24 ORE. URL consultato il 04 luglio 2017.
  5. ^ a b AGI - Agenzia Giornalistica Italia, Calcio: Paul Baccaglini patron Palermo, dalle Iene alla finanza, su Agi.it. URL consultato il 04 luglio 2017.
  6. ^ Paul Baccaglini, chi è l'ex Iena che guida ìl Palermo - Calcio, in ANSA.it, 06 marzo 2017. URL consultato l'11 aprile 2017.
  7. ^ (IT) Integritas Capital, Fleming (socio fondatore): "Lieti di annunciare che Paul Baccaglini è il nuovo presidente del Palermo" - Mediagol, in Mediagol, 07 marzo 2017. URL consultato il 04 luglio 2017.
  8. ^ COMUNICATO DEL PRESIDENTE, in U.S. Citta' di Palermo. URL consultato il 04 luglio 2017.
  9. ^ (IT) Zamparini: "Baccaglini e Integritas Capital? Li ritenevo credibili, ma poi..." - Mediagol, in Mediagol, 1° luglio 2017. URL consultato il 04 luglio 2017.
  10. ^ (IT) Palermo, Zamparini rifiuta l'offerta di Baccaglini: salta il closing! - CalcioNewsWeb, in CalcioNewsWeb, 30 giugno 2017. URL consultato il 04 luglio 2017.
  11. ^ (IT) Sky Sport, Palermo, Baccaglini non è più presidente. URL consultato il 04 luglio 2017.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]