Paul-Matthieu de La Foata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

«Eppuru, Napulione ùn hà fattu dimenticà à Paoli… chì a so memoria immurtale sera sempre benedetta, sempre onurata in la so cara patria. Li raminterà cio ch’elli funu i so figlioli à l’epica di e guerre di l’indipendenza, è cio ch’elli serebbenu sempre, si l’evenimenti i mettianu in la stessa necessità.»

(Paul-Matthieu de La Foata[1])
Paul-Matthieu de La Foata
vescovo della Chiesa cattolica
Azilone-Ampaza Statue Paul de la Foata.JPG
Template-Bishop.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Ajaccio (1877-1899)
 
Nato4 agosto 1817 a Azilone-Ampaza
Ordinato presbitero23 dicembre 1843
Nominato vescovo21 settembre 1877 da papa Pio IX
Consacrato vescovo11 novembre 1877 dal cardinale Joseph Hippolyte Guibert, O.M.I.
Deceduto3 gennaio 1899 (81 anni) a Ajaccio
 

Paul-Matthieu de La Foata, detto Monsignori di la Fuata. (Azilone-Ampaza, 4 agosto 1817Ajaccio, 3 gennaio 1899), è stato un vescovo cattolico e scrittore francese in lingua corsa.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Statua dedicata a Monsignori di la Fuata a Azilone-Ampaza

Paul-Matthieu de La Foata nacque nel 1817 a Azilone-Ampaza, nella pieve d'Ornano, in Corsica. Studiò in un piccolo seminario di Ajaccio e nel 1843 venne ordinato prete. Nello stesso anno diventò professore e insegnò a Bocognano dal 1843 al 1855, a Corte nel 1855 e per poi ritornare ad Ajaccio. Nel 1876 diventa vicario della diocesi di Ajaccio e l'anno seguente ne diventa vescovo, subentrando al defunto François-André-Xavier de Gaffory.

Era poliglotta e conosceva quattro lingue (francese, italiano, latino e corso). Nella lingua natale compose molte poesie utilizzando il corso nella variante della pieve d'Ornano. Le composizione realizzate dal 1856 al 1877 vennero riunite nel libro Poesie Giocose, in lingua vernacula di a pieve d'Ornanu.

Politicamente ammirò Pasquale Paoli, apprezzando la sua lotta per l'indipendenza dell'isola, e Napoleone Bonaparte

Morì nel 1899 ad Ajaccio a 81 anni d'età. Venne sepolto nella cattedrale di Ajaccio.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Poesie Giocose, in lingua vernacula di a pieve d'Ornanu (1856-1877)
  • Predica di a rustaghja
  • Invucazioni à a musa campagnola
  • Marducheiu
  • Preti Santu
  • Nanna di u Bambinu
  • Discrizzioni di a pievi d'Urnanu
  • Traduzione italiana delle litanie del mese di Maria
  • Recherches et notes historiques sur l'histoire de l'Eglise en Corse

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Vescovo di Ajaccio Successore BishopCoA PioM.svg
François-André-Xavier de Gaffory 1877 - 1899 Louis Olivieri
Controllo di autoritàVIAF (EN61673439 · ISNI (EN0000 0000 0046 4228 · BNF (FRcb12762296s (data) · WorldCat Identities (ENviaf-61673439