Patrick Küng

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Patrick Küng
Nazionalità Svizzera Svizzera
Altezza 181 cm
Peso 83 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, supergigante
Squadra Mürtschen Kerenzerberg
Ritirato 2019
Palmarès
Mondiali 1 0 0
Per maggiori dettagli vedi qui
 

Patrick Küng (11 gennaio 1984) è un ex sciatore alpino svizzero specialista delle prove veloci, campione iridato nella discesa libera ai Mondiali di Vail/Beaver Creek 2015.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Stagioni 2000-2013[modifica | modifica wikitesto]

Originario di Mühlehorn[senza fonte] di Glarona Nord e attivo in gare FIS dal dicembre del 1999, Küng ha esordito in Coppa Europa il 6 febbraio 2002 nella discesa libera di Tarvisio, piazzandosi 73º. Nel circuito continentale ha iniziato a raccogliere risultati di rilievo durante la stagione 2008-2009, quando ha ottenuto tre vittorie (tra queste la prima, che è stata anche il suo primo podio, il 17 dicembre a Patscherkofel in discesa libera), il primo posto nella classifica di discesa libera e il sesto in quella generale.

Ha esordito in Coppa del Mondo il 16 gennaio 2009 nella supercombinata di Wengen, giungendo 19º al traguardo e raccogliendo così anche i primi punti nel circuito internazionale; il 9 novembre dello stesso anno ha colto la sua ultima vittoria in Coppa Europa, a Reiteralm in supergigante, e il giorno successivo l'ultimo podio, nelle medesime località e specialità (2º). Il 10 marzo 2010 è andato per la prima volta a podio in Coppa del Mondo, giungendo 3º a pari merito con Erik Guay nella discesa libera delle finali di Garmisch-Partenkirchen. Ha esordito ai Campionati mondiali in occasione della rassegna iridata di Schladming 2013, dove si è piazzato 7º nella discesa libera e 18º nel supergigante.

Stagioni 2014-2019[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 dicembre 2013 nel supergigante di Beaver Creek ha ottenuto sulla Birds of Prey la sua prima vittoria in Coppa del Mondo e il 18 gennaio successivo ha bissato il successo imponendosi nella prestigiosa discesa libera della Lauberhorn a Wengen, sua ultima vittoria nel circuito. Nella stessa stagione ha preso parte ai suoi unici Giochi olimpici invernali (a Soči 2014 si è classificato 15º nella discesa libera e 12º nel supergigante) e ha conquistato il suo ultimo podio in Coppa del Mondo, nel supergigante di Kvitfjell del 2 marzo (2º).

Nella stagione 2014-2015 ha partecipato ai Mondiali di Vail/Beaver Creek, giungendo al 16º posto nel supergigante prima di aggiudicarsi, il 7 febbraio, la medaglia d'oro nella discesa libera. Ai successivi Mondiali di Sankt Moritz 2017, sua ultima presenza iridata, si è classificato 4º nella discesa libera e 22º nel supergigante. Si è ritirato nel corso della stagione 2018-2019: la sua ultima gara in Coppa del Mondo è stata la discesa libera di Bormio del 28 dicembre (12º) e la sua ultima gara in carriera la prova della discesa libera di Wengen disputata il 17 gennaio e non completata da Küng.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Coppa del Mondo[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 10º nel 2014
  • 5 podi:
    • 2 vittorie
    • 2 secondi posti
    • 1 terzo posto

Coppa del Mondo - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
7 dicembre 2013 Beaver Creek Stati Uniti Stati Uniti SG
18 gennaio 2014 Wengen Svizzera Svizzera DH

Legenda:
DH = discesa libera
SG = supergigante

Coppa Europa[modifica | modifica wikitesto]

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 6º nel 2009
  • Vincitore della classifica di discesa libera nel 2009
  • 5 podi:
    • 4 vittorie
    • 1 secondo posto

Coppa Europa - vittorie[modifica | modifica wikitesto]

Data Località Paese Specialità
17 dicembre 2008 Patscherkofel Austria Austria DH
28 gennaio 2009 Les Orres Francia Francia DH
28 gennaio 2009 Les Orres Francia Francia DH
9 novembre 2009 Reiteralm Austria Austria SG

Legenda:
DH = discesa libera
SG = supergigante

Campionati svizzeri[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Profilo FIS, su data.fis-ski.com. URL consultato il 22 agosto 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]