Patricio Noriega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Patricio Noriega
Patricio Noriega 2011 (cropped).jpg
Dati biografici
Paese Argentina Argentina
Altezza 185 cm
Peso 119 kg
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Argentina Argentina
Australia Australia (dal 1998)
Ruolo Pilone
Ritirato 2003
Carriera
Attività giovanile
1982-1990 Hindú
Attività provinciale
2001-2003 N. Galles del Sud 1 (0)
Attività di club¹
1991-1995 Hindú
2000-2001 Stade français
Attività in franchise
1996-2000 Brumbies 53 (35)
2002-2003 Waratahs 13 (5)
Attività da giocatore internazionale
1991-1995
1998-2003
Argentina Argentina
Australia Australia
25 (10)
24 (0)
Attività da allenatore
2004 Brumbies Under-21
2005-2006 Hindú
2007 Argentina A
2008-2009 Lomas
2009-2012 Australia Australia All. avanti
2012-2014 Racing Métro 92 All. avanti
2014-2015 Bayonne
2015-2016 Grenoble All. avanti
2016 Narbona
2016- Racing 92 All. mischia
Palmarès internazionale
Vincitore RugbyWorldCup.svg Coppa del Mondo 1999

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Statistiche aggiornate al 2 settembre 2018

Ernesto Patricio Noriega (Buenos Aires, 22 ottobre 1971) è un ex rugbista a 15 e allenatore di rugby a 15 argentino, internazionale per l'Argentina dal 1991 al 1995 e per l'Australia dal 1998 al 2003; con gli Wallabies si laureò campione del mondo nel 1999, unico rugbista argentino ad avere mai vinto la Coppa. Dal 2016 è l'allenatore della tecnica individuale in mischia nella squadra francese del Racing 92.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativo di Buenos Aires, Noriega iniziò a giocare a rugby a 11 anni, quando entrò nelle giovanili dell'Hindú, club della provincia bonaerense[1]; l'esordio in prima squadra avvenne a fine 1990 per un'amichevole[1] e, l'anno successivo, giunse il debutto ufficiale in campionato[1].

Sempre nel 1991 giunse l'esordio nei Pumas, ad Asunción contro il Paraguay nel corso del Campionato sudamericano di quell'anno, che l'Argentina si aggiudicò.

Quattro anni più tardi fece parte della rosa dei convocati dell'Argentina alla Coppa del Mondo di rugby 1995 in Sudafrica: il suo ultimo incontro con la selezione biancoceleste fu una sconfitta contro l'Italia (25-31) a East London, singolarmente maturata grazie alla meta decisiva dell'italiano Diego Domínguez, che in precedenza aveva anch'egli vestito la maglia dei sudamericani.

In quel periodo Noriega era rimasto senza impiego e lavorava saltuariamente[2]; a settembre 1995 ricevette la proposta di diventare professionista in Australia nelle file di una formazione di Canberra, i Brumbies, appena costituita insieme al neonato Super Rugby[2]; due mesi più tardi accettò la proposta e qualche settimana più tardi fece parte della formazione dei Brumbies che prese parte al Super 12 1996, il primo campionato professionistico dell'Emisfero Sud.

Dopo tre anni di permanenza in Australia Noriega fu idoneo a rappresentare tale Paese secondo le regole dell'IRB e, nel novembre 1998, esordì con la maglia degli Wallabies in un test match di fine anno a Parigi contro la Francia, divenendo così il secondo argentino, dopo Enrique "Topo" Rodríguez, a militare nella selezione giallo-verde; un anno più tardi fece parte della rosa australiana alla Coppa del Mondo di rugby 1999 in Galles, laureandosi campione del mondo — il primo e a tutt'oggi unico argentino[1] — pur senza mai essere stato schierato in corso di competizione.

Nel 2000, facendo seguito a un infortunio alla spalla che lo tenne fuori dalla Nazionale, Noriega chiese alla Federazione australiana di essere rilasciato per poter essere messo sotto contratto dai parigini dello Stade français[3]; il giocatore, a causa dei postumi dell'infortunio, ebbe poco spazio in Francia e dopo solo sei mesi tornò in Australia[3], dove nel maggio 2001 firmò un contratto per gli Waratahs di Sydney[4].

Al rientro in Australia fece seguito anche il ritorno in Nazionale, dalla quale Noriega mancava dal 1999: tuttavia i problemi alla spalla tennero il giocatore fuori dal campo di gioco fin da agosto 2003 finché nel marzo 2004 annunciò il suo ritiro[5].

Dopo il ritiro Noriega è divenuto allenatore: il suo primo incarico fu quello di tecnico delle giovanili dei Brumbies[2], poi nel 2005 fu contattato dalla Federazione argentina per tornare ad allenare in patria, e prese la conduzione del suo club originario, l'Hindú[2], che guidò alla vittoria nel Nacional de Clubes in quello stesso anno e alla conquista del campionato URBA nel 2006; dimessosi a fine stagione, nel 2007 assunse la guida dell'Argentina Under-18[6].

Nel biennio 2008-09 allenò il Lomas, sempre nel campionato provinciale di Buenos Aires[7] e, nel 2009, divenne tecnico della mischia della Nazionale australiana[8].

A luglio 2012 si dimise da tale incarico per assumere la conduzione della mischia del Racing Métro 92 di Parigi, in Francia, come collaboratore del tecnico Gonzalo Quesada[9].

Nel 2014, terminato il rapporto con la squadra parigina, fu a Bayonne con un contratto biennale[10] ma, dopo il primo anno, a seguito della retrocessione del club in ProD2, rassegnò le dimissioni dall'incarico[11]. A dicembre 2015 assunse la guida degli avanti del Grenoble rimasti senza allenatore[12], incarico a tempo terminato dopo un mese.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (ES) ¿Quién es Patricio Noriega?, su uimpi.net. URL consultato il 12 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2009).
  2. ^ a b c d (ES) Ramiro Guillot, Entrevista FARGO a Patricio Noriega [collegamento interrotto], in Rugby Fun, 17 agosto 2006. URL consultato il 12 dicembre 2010.
  3. ^ a b (FR) Rugby : Flops des stars étrangères, in L'Équipe, 29 aprile 2009. URL consultato il 14 dicembre 2010.
  4. ^ (EN) Wallaby Test prop Noriega signs for Waratahs [collegamento interrotto], in AAP News, 25 maggio 2001. URL consultato il 14 dicembre 2010.
  5. ^ (EN) Noriega bows out, in ABC, 31 marzo 2004. URL consultato il 19 novembre 2012.
  6. ^ (ES) Noriega dirigirá a los Pumitas, in La Nación, 21 febbraio 2007. URL consultato il 14 dicembre 2010.
  7. ^ (ES) Ramiro Guillot, Un Pato para Lomas, in Rugby Fun, 7 dicembre 2007. URL consultato il 14 dicembre 2010 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2008).
  8. ^ (EN) Noriega named Wallabies scrum coach, in Daily Telegraph, 10 giugno 2009. URL consultato il 14 dicembre 2010.
  9. ^ (EN) Patricio Noriega quits Australia for French role, in The Australian, 10 luglio 2012. URL consultato il 19 novembre 2012.
  10. ^ (ES) Ramiro Guillot, Patricio Noriega, solito y solo en el Bayonne francés, in ESPN, 5 giugno 2014. URL consultato il 20 luglio 2016.
  11. ^ (FR) Pro D2 - Bayonne: Patricio Noriega quitte le staff, Jean Monribot promu capitaine, in Rugby Rama, 27 luglio 2015. URL consultato il 20 luglio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2016).
  12. ^ (ES) Ramiro Guillot, Patricio Noriega y su llegada Grenoble, in ESPN, 18 dicembre 2015. URL consultato il 20 luglio 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]