Patricia Petibon

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Patricia Petibon (2009)

Patricia Petibon (Montargis, 27 febbraio 1970) è un soprano francese.

Patricia Petibon è un soprano di coloratura. Artista eclettica, è nota per il suo repertorio di musica barocca, inizialmente incentrata su quella francese, al quale aggiunge un repertorio classico con Mozart e un repertorio moderno con Francis Poulenc. Molto a suo agio nei ruoli amorosi, d'ingenua perversa, contadina o di giovani eccentriche, ha affrontato nel 2010 uno dei ruoli più complessi dell'opera del XX secolo, cupo e tragico, agli antipodi del suo registro abituale, Lulu di Alban Berg.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Patricia Petibon ha studiato al Conservatorio di Parigi, ove ha ottenuto un primo premio nel 1995.

Al Teatro alla Scala di Milano nel 1995 è Dafne/Enone in La descente d'Orphée aux enfers di Marc-Antoine Charpentier con Les Arts Florissants diretta da William Christie e nel 2009 è Morgana nella prima rappresentazione di Alcina.

All'Opéra National de Paris nel 1996 è L'Amour/Une matelote/Une prêtresse/Une bergère in Hippolyte et Aricie di Rameau con Les Arts Florissants diretta da Christie, nel 1998 Poussette di Manon, nel 2000 Phani/Zima in Les Indes galantes, nel 2001 Dalinda in Ariodante, nel 2004 Soeur Constance ne I dialoghi delle Carmelitane con Dawn Upshaw ed Anja Silja diretta da Kent Nagano, nel 2007 Olympia ne Les contes d'Hoffmann con Rolando Villazón e nel 2012 Donna Anna in Don Giovanni.

Nel 1997 è Blonde nella prima rappresentazione registrata nel Centre vocale baroque del Théâtre de Poissy di Die Entführung aus dem Serail diretta da Christie.

Ha cantato con i direttori d'orchestra William Christie, John Eliot Gardiner, Marc Minkowski, Nikolaus Harnoncourt, Daniel Harding, lo scenografo Bob Wilson e con il Concentus Musicus Wien.

Ha inciso opere di Lully, Charpentier, Rameau, Landi, Couperin, Haendel, Gluck, Mozart, Haydn, Copland, Caldara, Bernstein, Barber, Debussy, Méhul, Jommelli, Offenbach, Delibes, Poulenc e di Nicolas Racot de Grandval.

Al Wiener Staatsoper nel 2000 è Olympia in Les contes d'Hoffmann e nel 2006 Sophie in Der Rosenkavalier con Elīna Garanča.

A Salisburgo nel 2001 è Dalinda in Ariodante con Anne Sofie von Otter, nel 2009 è Despina in Così fan tutte con i Wiener Philharmoniker, canta in un concerto e nella Messa in Do minore K 427 e nel 2010 è la protagonista di Lulu.

Al Grand Théâtre di Ginevra nel 2001 è Olympia ne Les contes d'Hoffmann con José van Dam, nel 2007 Ginevra in Ariodante con Joyce Didonato e nel 2010 è Lulu e tiene un recital.

Nel 2008 è Schwester Constance nella prima rappresentazione televisiva dal Théâtre Municipal di Strasburgo de I dialoghi delle Carmelitane.

Nel marzo del 2008 ha interpretato Camille in Zampa di Hérold all'Opéra-Comique.

Al Gran Teatre del Liceu di Barcellona nel 2010 è Lulu e nel 2013 è Giunia in Lucio Silla di Mozart.

Nel 2012 è Susanna ne Le nozze di Figaro a Aix-en-Provence e Gilda in Rigoletto al Nationaltheater (Monaco di Baviera).

Nel 2013 tiene un recital all'Opéra Royal de Versailles e canta il brano Somewhere (da West Side Story) nell'album Oblivion dei Philharmonics per la Deutsche Grammophon che in Austria ha ottenuto il Disco d'oro.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Solista[modifica | modifica wikitesto]

  • Airs baroques français, con Patrick Cohën-Akenine, Les Folies françoises (2002)
  • Les Fantaisies de Patricia Petibon (2004)
  • French Touch (2004)
  • Amoureuses (2008) Deutsche Grammophon
  • Petibon, Rosso (Arie barocche italiane) - Marcon/Venice Baroque Orch., 2009 Deutsche Grammophon
  • Petibon, Nouveau Monde. Arie e canzoni barocche - Marcon/La Cetra, 2012 Deutsche Grammophon
  • Petibon, La belle excentrique. Mélodies e chansons francesi - Manoff/Lévi/Verly/Py/La Marca, 2013 Deutsche Grammophon

Opera/operetta/oratorio[modifica | modifica wikitesto]

Messe[modifica | modifica wikitesto]

Ospite[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29728953 · ISNI (EN0000 0001 1049 6079 · Europeana agent/base/162779 · LCCN (ENno95041901 · GND (DE134979478 · BNF (FRcb14001087v (data) · BNE (ESXX1752617 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no95041901