Pat Curcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pat Curcio
Nazionalità Canada Canada
Italia Italia
Altezza 178 cm
Peso 86 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex ala destra)
Ritirato 2002 - giocatore
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Giovanili
1991-1992 Ottawa 67's 28 1 4 5
1992-1993 Prince Albert Raiders 1 0 0 0
Squadre di club0
1992-1993 Dallas Freeze 32 12 17 29
1993-1994 Dayton Bombers 11 1 2 3
1993-1994 Charlotte Checkers 3 1 0 1
1993-1994 Huntsville Blast 16 2 9 11
1994-1995 Saginaw Wheels 30 12 15 27
1994-1995 Brantford Smoke 10 1 3 4
1995-1996 Devils Milano 32 12 39 51
1996 Herisau 1 0 0 0
1996-1997 Ravensburg 20 9 14 23
1996-1999 Hannover Scorpions 125 13 39 52
2001-2002 ESV Bayreuth 4 0 3 3
Allenatore
2006-2007 Pickering Panthers Head Coach
2007-2009 London Knights Asst. Coach
2009-2010 Utah Grizzlies Asst. Coach
2010-2011 S.S. Marie Greyhounds Asst. Coach
2012-2014 San Francisco Bulls Head Coach
2014-2015 Milano Rossoblu Head Coach
2015 Valpellice Head Coach
2015-2017 Lugano Asst. Coach
2017 Bolzano Head Coach
Dirigente
2012-2014 San Francisco Bulls General Manager
2012-2014 San Francisco Bulls Presidente
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º novembre 2015

Patrick "Pat" Curcio (Toronto, 6 settembre 1973) è un allenatore di hockey su ghiaccio, dirigente sportivo ed ex hockeista su ghiaccio canadese naturalizzato italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Curcio, messosi in luce nella lega giovanile Ontario Hockey League, esordì nell'hockey professionistico con i Dallas Freeze in Central Hockey League (1992-1993).[1]

Dopo un anno passò in ECHL, dove in una sola stagione vestì le maglie di tre squadre: Dayton Bombers, Charlotte Checkers e Huntsville Blast. Nel 1994-1995 giocò in Colonial Hockey League, dividendosi tra Saginaw Wheels e Brantford Smoke.[1]

Dalla stagione successiva si trasferì in Europa. Dapprima fu in Italia, dove nella stagione 1995-1996 vestì la maglia dei Devils Milano, squadra che attraversava una grave crisi, che la portò a chiudere la stagione all'ultimo posto, con conseguente retrocessione e spostamento della squadra a Courmayeur.[2] Dopo una brevissima parentesi nella Lega Nazionale B, si trasferì in Germania: dapprima nella seconda serie (EV Ravensburg), poi in Deutsche Eishockey Liga dove disputò l'ultima parte della stagione 1996-1997 e le due successive stagioni con gli Hannover Scorpions, appendendo i pattini al chiodo al termine della stagione 1998-1999.[1][2]

Nella stagione 2001-2002 giocò alcuni incontri con l'ESV Bayreuth nella terza serie tedesca.[1]

Allenatore e dirigente[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2006 iniziò ad allenare. Fu primo allenatore dei Pickering Panthers nella lega giovanile Ontario Provincial Junior A Hockey League (oggi Ontario Junior Hockey League) per la stagione 2006-2007.[3]

Fu poi assistente allenatore dei London Knights in Ontario Hockey League (dal 2007 al 2009), degli Utah Grizzlies in ECHL (2009-2010) e dei Sault Ste. Marie Greyhounds nuovamente in OHL (2010-2011).[3]

Nel settembre 2011 annunciò la nascita di una squadra, fondata assieme alla moglie Elouise, che avrebbe riportato l'hockey su ghiaccio professionistico nella città di San Francisco dopo quindici anni di assenza: i San Francisco Bulls.[4] Nel successivo mese di novembre fu confermata l'iscrizione in ECHL.[5] Della squadra Curcio fu presidente, general manager ed allenatore.[4][5]

I Bulls furono iscritti alla ECHL a partire dalla stagione 2012-2013, e chiusero il loro primo anno riuscendo a raggiungere i play-off, eliminati al primo turno dagli Alaska Aces.[6] Nel gennaio 2014, tuttavia, falliti i tentativi di vendere la squadra, Curcio fu costretto a scioglierla.[2][7]

Il 31 luglio 2014 divenne allenatore dell'Hockey Milano Rossoblu.[2] Alla sua prima stagione portò la squadra alla finale di Coppa Italia e riportò Milano alla semifinale scudetto che mancava dalla stagione 2007-2008. Un anno più tardi passò alla guida dell'HC Valpellice. Dopo pochi mesi però fu scelto come nuovo vice di Doug Shedden sulla panchina dell'HC Lugano nella Lega Nazionale A svizzera.[8] Al termine della stagione, il suo contratto venne rinnovato per un'ulteriore stagione.[9]

Shedden e Curcio sono stati esonerati il 16 gennaio del 2017, sostituiti rispettivamente da Greg Ireland e Jussi Silander.[10]

Nel giugno del 2017 prese il posto di Tom Pokel sulla panchina dell'Hockey Club Bolzano.[11] La sua esperienza in Alto Adige durò solo pochi mesi: complici gli scarsi risultati, la dirigenza lo sollevò dall'incarico già nel mese di novembre,[12][13][14] sostituendolo con il finlandese Kai Suikkanen.[15][16]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (ENSV) Pat Curcio Career Statistics, su eliteprospects.com. URL consultato il 1º agosto 2014.
  2. ^ a b c d Pat Curcio, un "diavoletto" in rossoblù, su hockeytime.net, 31 luglio 2014. URL consultato il 10 agosto 2014.
  3. ^ a b (ENSV) Pat Curcio Team Staff History, su eliteprospects.com. URL consultato il 1º agosto 2014.
  4. ^ a b (EN) Minor league hockey team coming to San Francisco, San Francisco Examiner, 20 settembre 2011. URL consultato il 1º agosto 2014 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2012).
  5. ^ a b (EN) Pro Hockey Returns to San Francisco After More Than 15 Years, SFGate, 29 novembre 2011. URL consultato il 1º agosto 2014 (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2012).
  6. ^ (EN) Prewiew of conference semifinals of Kelly Cup Playoffs, su echl.com, 18 aprile 2013. URL consultato il 1º agosto 2014 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2015).
  7. ^ (EN) San Francisco Bulls hockey team ceases operations, SFGate, 27 gennaio 2014. URL consultato il 1º agosto 2014.
  8. ^ Pat Curcio affiancherà Doug Shedden, rsi.ch, 1º novembre 2015. URL consultato il 1º novembre 2015.
  9. ^ Lugano: ufficializzati il rinnovo di Curcio e l’ingaggio di Gardner, su hockeytime.net, 18 aprile 2016. URL consultato il 18 aprile 2016.
  10. ^ Esonerati Shedden e Curcio, su ticinonews.ch, 16 gennaio 2017. URL consultato il 17 gennaio 2017.
  11. ^ L'HCB Alto Adige Alperia ha il suo nuovo allenatore: Par Curcio alla guida dei Foxes, su hcb.net, 15 giugno 2017. URL consultato il 15 giugno 2017.
  12. ^ HC Bolzano, è finita l'era Curcio, su altoadige.it, 28 novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.
  13. ^ Bolzano, esonerato Pat Curcio, su hockeytime.net, 28 novembre 2017. URL consultato il 28 novembre 2017.
  14. ^ Bolzano, coach Curcio paga con esonero il novembre nero, su sportevai.it, 28 novembre 2017. URL consultato il 28 novembre 2017.
  15. ^ Il finlandese Kai Suikkanen è il nuovo allenatore del Bolzano il quale, il 20 aprile 2018, ha portato i Foxes alla vittoria della EBEL League, su altoadige.it, 28 novembre 2017. URL consultato il 28 novembre 2017.
  16. ^ Kai Suikkanen nuova guida del Bolzano, su hockeytime.net, 28 novembre 2017. URL consultato il 29 novembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Pat Curcio (giocatore), su Eliteprospects.com. Modifica su Wikidata
  • (EN) Pat Curcio (staff), su Eliteprospects.com. Modifica su Wikidata
  • (EN) Pat Curcio, su Eurohockey.com, European Ice Hockey Online AB. Modifica su Wikidata