Pasturago

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pasturago
frazione
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Città metropolitanaProvincia di Milano-Stemma.svg Milano
ComuneVernate-Stemma.png Vernate
Territorio
Coordinate45°19′35″N 9°04′39″E / 45.326389°N 9.0775°E45.326389; 9.0775 (Pasturago)Coordinate: 45°19′35″N 9°04′39″E / 45.326389°N 9.0775°E45.326389; 9.0775 (Pasturago)
Altitudine100 m s.l.m.
Abitanti
Altre informazioni
Cod. postale20080
Prefisso02
Fuso orarioUTC+1
TargaMI
Nome abitantipasturaghesi
PatronoCosma e Damiano
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pasturago
Pasturago

Pasturago è una frazione del comune italiano di Vernate posta ad est del centro abitato, verso Binasco. Costituì un comune autonomo fino al 1870.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pasturago era un piccolo centro abitato del milanese di antica origine, e confinava con Conigo a nord, Binasco e Casarile ad est, Soncino a sud, e Vernate, Coazzano e Rosate ad ovest. Al censimento del 1751 la località fece registrare 225 residenti, e risultava sede di parrocchia.

In età napoleonica, nel 1805, la popolazione era salita a 290 unità, ma nel 1809 il Comune di Pasturago fu soppresso ed annesso a Binasco[2], recuperando comunque l'autonomia nel 1816 in seguito all'istituzione del Regno Lombardo-Veneto, seppur venendo spostato in Provincia di Pavia.[3]

L'abitato conobbe una leggera crescita tipica di un villaggio agricolo, facendo registrare 312 anime nel 1853, salì a 648 nel 1859, anno in cui i Savoia lo riportarono in Provincia di Milano. Il municipio fu definitivamente soppresso il 9 giugno 1870 su decreto di Vittorio Emanuele II, venendo annesso coi suoi 336 abitanti a Vernate.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R.D. 9 giugno 1870, n. 5722
  2. ^ Decreto 4 novembre 1809 a
  3. ^ Notificazione 12 febbraio 1816
  4. ^ Comune di Pasturago

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]