Passioni (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il serial televisivo italiano del 1989, vedi Passioni (telenovela).
Passioni
Titolo originalePassioni
PaeseItalia
Anno1993
Formatoserie TV
Generedrammatico, sentimentale
Episodi33
Durata50 min. (episodio)
Lingua originaleItaliano
Crediti
RegiaFabrizio Costa
SoggettoPatrizia Pistagnesi
Franco Tatò
SceneggiaturaGiovanni Simonelli
Interpreti e personaggi
FotografiaPier Luigi Santi
MontaggioJenny Loutfy
MusicheAmedeo Tommasi
ScenografiaLuciano Spadoni:
CostumiRoberta Guidi Di Bagno
Casa di produzioneSilvio Berlusconi Communications e Titanus
Prima visione
Data19 gennaio 1993
Rete televisivaCanale 5

Passioni è una serie televisiva italiana del 1993, diretta da Fabrizio Costa e andata in onda su Canale 5.

Tra i protagonisti, figurano Gigi Proietti, Giorgio Albertazzi, Virna Lisi e Giulia Boschi.[1][2]

Il primo episodio, fu trasmesso martedì 19 gennaio 1993.[2][3] Inizialmente in onda in prima serata[3][4], fu successivamente spostato in seconda serata[4]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il serial è incentrato sulle vicende della ricca famiglia Boldano (Hilbeck e Lisi), la cui storia è condizionata da un passato amore adulterino del capostipite (anonimo tedesco) per Jurema (Omaggio), una donna che si ritirerà in clausura, e per il figlio di lei (Flaherty), allevato come proprio della famiglia, in realtà frutto della relazione della donna con Alberto Lender (Albertazzi), eterno rivale dei Boldano. Sulla trama principale si innestano avvenimenti drammatici – tradimenti, malattie, tracolli finanziari – che aiutano i Boldano a ritrovare la perduta unità familiare.

Dati d'ascolto[modifica | modifica wikitesto]

I primi episodi registrarono una media di 5.000.000 di telespettatori.[4] Successivamente, però, gli ascolti andarono progressivamente calando[4] e, per questo motivo, la messa in onda della fiction fu spostata in seconda serata[4].
Nella nuova collocazione, il serial registrò comunque una lusinghiera media di 3.000.000 di telespettori.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grasso, Aldo - Scaglioni, Massimo, Le Garzantine - Enciclopedia della Televisione, Garzanti, Milano, 2002, pp. 515 - 516
  2. ^ a b Internet Movie Database: Passioni
  3. ^ a b Grasso, Aldo - Scaglioni, Massimo, op. cit., p. 515
  4. ^ a b c d e f Grasso, Aldo - Scaglioni, Massimo, op. cit., p. 516

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione