Passerina caerulea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Beccogrosso azzurro
Blue Grosbeak (1).jpg
Maschio di P. caerulea
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Superclasse Tetrapoda
Classe Aves
Sottoclasse Neornithes
Superordine Neognathae
Ordine Passeriformes
Sottordine Oscines
Infraordine Passerida
Superfamiglia Passeroidea
Famiglia Cardinalidae
Genere Passerina
Specie P. caerulea
Nomenclatura binomiale
Passerina caerulea
Linnaeus, 1758

Il beccogrosso azzurro (Passerina caerulea Linnaeus, 1758) è un uccello della famiglia Cardinalidae[2] diffuso in varie parti del continente americano.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Femmina di P. caerulea

Il beccogrosso azzurro misura circa 17 cm di lunghezza[3] e presenta un accentuato dimorfismo sessuale. Il maschio ha una colorazione azzurro brillante con coda e barre alari marroni e alcune parti del capo di colore nero, mentre la colorazione dell femmina è assai più smorzata, spaziando dai toni del bruno a quelli del marrone.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di una grande varietà di semi (il becco robusto consente anche l'apertura dei semi più duri), insetti e frutti. Nidifica su cespugli o alberi e il nido, a forma di coppa, è costituito da erbe e rametti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È un uccello migratore che passa l'inverno in una vasta area compresa tra Stati Uniti meridionali, Caraibi e America centrale; la nidificazione avviene invece in Messico e in gran parte del territorio statunitense. È piuttosto comune ai margini delle aree boschive.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Butchart, S. & Symes, A., Passerina caerulea, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 23 giugno 2016.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Cardinalidae, in IOC World Bird Names (ver 9.2), International Ornithologists’ Union, 2019. URL consultato il 23 giugno 2016.
  3. ^ Colin Harrison e Alan Greensmith, Uccelli del mondo, Dorling Kindersley.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Colin Harrison e Alan Greensmith, Uccelli del mondo, Dorling Kindersley, ISBN 88-88666-80-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Passerina caerulea, in Avibase - il database degli uccelli nel mondo, Bird Studies Canada.