Passaparola (programma televisivo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Passaparola
PaeseItalia
Anno1999-2008
Generegame show
Edizioni8
Puntate1553 (al 27 gennaio 2008)[1]
Durata60 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
Conduttore
IdeatoreAndrew O'Connor, Rebecca Thornhill e Mark Maxwell-Smith (format originale)
Regia
AutoriAndreini & Di Stefano, Alessandra Appiano, Alvise Borghi, Francesco Buscemi, Filippo Cipriano, Davide Cottini, Ilenia Ferrari, Francesco Leoni, Stefano Mastrosimone, Mario Pellicano, Gory Pianca, Elisabetta Simeoni, Federico Trabucco, Laura Vargiu
MusicheLuca Orioli
Scenografia
  • Eugenio Falascone (1999-2003)
  • Claudio Brigatti (2003-2008)
CostumiLuca Sabatelli
Fotografia
  • Pino Boscolo e Franco Fratus (1999-2003)
  • Riccardo Barbaglio (2003-2008)
Coreografie
ProduttoreRiccardo Comini
Produttore esecutivo
  • Luca Giberna (1999-2000)
  • Roberta Braghi (2000-2003)
  • Carlo Gorla (2003-2008)
Casa di produzioneRTI ed Einstein Multimedia
Rete televisivaCanale 5

Passaparola è stato un gioco televisivo italiano, andato in onda su Canale 5 nella fascia preserale dal lunedì al sabato, dall'11 gennaio 1999 al 27 gennaio 2008 e condotto da Gerry Scotti (a parte un periodo, dal 1º marzo al 26 giugno 1999, in cui il ruolo di presentatore fu affidato a Claudio Lippi, a causa dell'impegno di Gerry Scotti a Striscia la notizia).

La formula[modifica | modifica wikitesto]

La messa in onda della prima edizione di Passaparola inizia lunedì 11 gennaio 1999 alle 18:35 su Canale 5.

È un programma basato fondamentalmente sulla conoscenza delle parole della lingua italiana e sulla cultura generale. Il programma è sempre andato in onda dallo studio 10 del Centro di produzione Mediaset di Cologno Monzese fatta eccezione per l'edizione 2007-2008 trasmessa dallo studio 14[2].

Il confronto tra i due concorrenti avviene a squadre, ognuna composta da tre persone di cui due personaggi famosi (nella prima puntata hanno partecipato Lorella Cuccarini e Pippo Franco per la squadra rossa e Sandra Mondaini ed Amadeus per quella blu).

Sono alcuni personaggi dello spettacolo, dello sport o altro, ad accompagnare i concorrenti nel loro percorso fino all'ultimo gioco. Nella prima fase del quiz i concorrenti devono disputare e superare varie prove (moltissimi i giochi alternatisi, l'unico rimasto invariato fino alla penultima serie è quello delle "parole impossibili") allo scopo di accumulare tempo (espresso in secondi) utile per affrontare la prova finale, la cosiddetta "ruota delle lettere", dove per ogni concorrente sono disposte lungo un percorso circolare 21 domande a cui si risponde con un singolo termine, aventi come iniziale della risposta le lettere dell'intero alfabeto. Si tratta di un percorso contro il tempo dalla A alla Z nel tentativo di completare il numero più alto di risposte per diventare campione e tornare nella puntata successiva per poi, forse, completare l'intera ruota e vincere l'ambitissimo montepremi, cosa successa molto raramente proprio a causa della difficoltà insita in questo gioco-chiave per l'intera trasmissione.

Il primo concorrente nella storia del programma a concludere la ruota finale fu Stefano Ciorba nella prima edizione del febbraio 1999.

Il 6 settembre 2004 Passaparola diventa un torneo di sedici giocatori che si affrontano a coppie: una prima serie di partite riduce il numero dei concorrenti a otto, quindi le coppie si affrontano in partite di andata e ritorno fino alla finale che incorona il campione, che partecipa anche al torneo successivo. La concorrente Paola Dassori di Voghera vince i due primi tornei, raggiunge le semifinali nel terzo ed i quarti di finale nel torneo conclusivo del 25 dicembre dello stesso anno, detto "Torneo di Natale", al quale vengono invitati i campioni del passato.

Il 12 settembre 2005 Passaparola subisce un profondo restyling. Nella prima fase si determina lo sfidante tra 90 persone di cui 5 "teste di serie" con un meccanismo ad imbuto che prevedeva domande con due opzioni di risposta, tre opzioni e quella finale in cui su sei opzioni due sono corrette e chi sbaglia viene eliminato, poi, i sei finalisti che possono essere uno dei 5 "uomini d'oro" o una persona del pubblico devono rispondere a una determinata domanda la cui risposta inizia con una lettera in cui se danno la risposta corretta vanno avanti e se sbagliano o rispondono fuori tempo (3 secondi per rispondere) vengono eliminati (la "mano lesta", in cui vi erano anche ospiti famosi). Il concorrente che rimane superstite tra i sei finalisti va a sfidare il campione in carica. Nella fase finale, lo sfidante e il campione in carica si affrontano nella consueta prova della ruota, che però prevede una "prova d'appello" di 30 secondi, cioè la possibilità di ritornare su alcune parole che risultano mancanti dopo un giro normale o correggere le domande a cui si è data una risposta sbagliata. Chi indovina più parole diveniva campione; qualora se ne indovinino un certo numero o tutte si vincono dei premi e si diventa campioni in carica. In caso di pareggio tra sfidante e campione, anche dopo la "prova d'appello" vince sempre il campione. La formula si è spesso rivelata difficile da completare ed una sola persona di una certa fama è arrivata a sfidare il campione in carica di una puntata (Fabio Betto), una nota giornalista sportiva: Lucia Blini. Il gioco termina il 7 gennaio 2006 con la finale tra Ferdinando Sallustio e Roberto Mariani.

Avendo indovinato tutti 19 risposte nello stesso tempo (avanzano a entrambi 3 secondi) per loro è il momento dello "Spareggio".

Poiché alla fine della prima busta dello spareggio la situazione è ancora di parità, Gerry Scotti prende una decisione: dato che al vincitore andranno 50.000 euro e al perdente 10.000, il premio viene equamente diviso tra i due campioni (30.000 a testa).

Passaparola torna in onda il 16 dicembre 2007 nella fascia oraria dell'access prime time (dalle 20:40 alle 21:30) e vede anche il ritorno del campione Ferdinando Sallustio dopo quasi due anni. Il 13 gennaio 2008 Sallustio viene sconfitto da Fabio Paesani, avvocato di Rimini, e termina così il suo primato di presenze nel programma (ben 115)[3]. Questa edizione si conclude il 27 gennaio.

Nel corso delle otto edizioni preserali della trasmissione hanno giocato anche molti altri personaggi dello spettacolo, come Giobbe Covatta, Cristina D'Avena, Giorgio Ginex, Rosanna Vaudetti, Matilde Brandi, Franco Oppini, Gigi Marzullo, Daniela Goggi, Bruno Lauzi, Luisa Corna, Sandra Milo, Evaristo Beccalossi, Peppe Quintale, Lunetta Savino, Franco Fasano, Ambra Angiolini, Marco Balestri, Cristina Parodi, Tiberio Timperi, Enzo Iacchetti, Guido Nicheli, Leo Gullotta, Natasha Stefanenko, Elisabetta Canalis, Alvin, Paolo Bonolis, Luca Laurenti, Claudio Lippi, Simona Izzo, Stefano Masciarelli, Daniele Piombi, Fiordaliso, Antonio Zequila, Beppe Braida, Flavia Vento, Pierluigi Collina, Roberta Capua, Marco Liorni, Jerry Calà, Federica Moro, Stefania Orlando, Laura Freddi, Paolo Calissano, Alba Parietti, Luciano Rispoli, Alessandro Cecchi Paone, Michele Mirabella, Daniele Bossari, Elenoire Casalegno, Adriana Volpe, Maurizio Mosca e Iva Zanicchi.

La sigla[modifica | modifica wikitesto]

La prima sigla, usata dall'11 gennaio 1999 al 25 dicembre 2004 con il titolo di Ullallà (il cui testo è di Alvise Borghi, Riccardo Di Stefano e Flavio Andreini e la musica è di Danilo Aielli e Maurizio Perfetto), è interpretata da Maria Dal Rovere con le letterine e coreografata da Brian Bullard.

Anche la seconda sigla, usata dal 12 settembre 2005 al 7 gennaio 2006 con il titolo di Stasera tocca a te (i cui autori sono ancora una volta Alvise Borghi, Riccardo Di Stefano, Flavio Andreini, Danilo Aielli e Maurizio Perfetto), è interpretata dalla cantante con le letterine e coreografata da Sonja Zacchetti.

Le prove[modifica | modifica wikitesto]

Paroliere musicale[modifica | modifica wikitesto]

In questo gioco il concorrente deve completare il titolo di una canzone datagli dai suoi compagni, vince chi ne ha indovinate di più. (es. io me ne... di Claudio Baglioni, il concorrente deve dire ANDREI)

Parole in gabbia[modifica | modifica wikitesto]

In questo gioco tutte le definizioni da indovinare avevano un elemento uguale come il prefisso o il suffisso (es. le risposte finiscono tutte con ...OLA, "Ci vanno i bambini dal lunedì al venerdì" e la risposta è "SCUOLA").

Promossi o bocciati[modifica | modifica wikitesto]

In questo gioco, i concorrenti di una squadra dovevano riuscire a rispondere correttamente a 12 domande con due opzioni di risposta. Potevano commettere solamente un errore, perché al secondo si veniva bocciati (appariva una scritta BOCCIATO nera sull'immagine del viso del concorrente) e non si poteva più partecipare al round. Più giocatori rimanevano promossi più punti prendeva la squadra.

Le "Parole Impossibili"[modifica | modifica wikitesto]

In questo round ai giocatori venivano mostrate 8 parole piuttosto complesse e assai poco usate nella lingua italiana, ma comunque presenti nel vocabolario; il loro compito era quello di abbinare il significato (dato dal presentatore man mano che si indovinava) alla parola esatta (es. "CALABRACHE" doveva essere associato alla definizione "Gioco di carte") in 60 secondi. Se s'indovinava si andava avanti, se si sbagliava si ricominciava da capo.

La squadra che riusciva ad indovinare tutte le otto parole portava in cassa moltissimi punti.

La ruota finale[modifica | modifica wikitesto]

In questo gioco finale, i concorrenti dopo aver indossato delle cuffie, dovevano indovinare 21 definizioni dalla A alla Z con la possibilità di passare nel caso essi non sapessero la risposta, nel tempo che hanno conquistato nel corso della puntata. Se il giocatore, al termine del tempo, avrà indovinato tutte e 21 le risposte avrebbe vinto il jackpot della puntata, altrimenti, vinceva un premio di consolazione se aveva superato dei livelli intermedi. Inoltre, colui che avrà indovinato il maggior numero di risposte veniva decretato campione e tornava di diritto nella puntata successiva. In caso di parità, venivano contati i secondi avanzati oppure se tutti e due i giocatori avevano finito il tempo, venivano fatte delle domande di spareggio dove al primo errore, veniva decretato campione l'avversario.

Cast[modifica | modifica wikitesto]

La trasmissione è stata condotta da Gerry Scotti sin dalla prima edizione del 1999, nella quale, però, il conduttore si alternava con Claudio Lippi. Dalla prima e fino all'edizione 2001-2002 Scotti è stato affiancato dall'ex velina Alessia Mancini.

Le letterine sono state una delle chiavi del grande successo di Passaparola. Si trattava di ragazze che avevano il compito di allietare le varie parti del programma, dalla presentazione dei giochi agli stacchetti ballati.

Maria Dal Rovere, cantante ed attuale direttrice del Coro Arcobaleno di Caorle, ha cantato la sigla iniziale e finale, pur non facendo parte delle letterine.

È da segnalare che oltre alle letterine, nelle prime due edizioni erano presenti anche due ragazzi, i letterini (Marco Floris e Stefano Pelagatti), che avevano il ruolo di segnapunti (Floris per la squadra blu e Pelagatti per la squadra rossa), mentre nella terza edizione tale compito è stato svolto da altre due ragazze, Florina Miu per la squadra rossa e Iuliana Ierugan per la squadra blu; le due erano chiamate letterone (per via dell'altezza e delle forme più prorompenti rispetto alle altre ragazze); a partire dalla quarta edizione il ruolo di segnapunti è stato affidato anch'esso alle letterine.

Ospite fisso della trasmissione era il pupazzo Ullallà, che ha preso il nome dal titolo della sigla della trasmissione (che è interpretata, appunto, da Maria Dal Rovere), animato dal Gruppo 80 con la voce di Alessandra Karpoff. Ci furono pure due edizioni estive: nel 2002 con "Il meglio di Passaparola" e nel 2003 con "Passaparola Estate".

Un ruolo particolare lo ha avuto il "Gadano", un personaggio misterioso che non si è mai mostrato fisicamente ma ha attirato grandi simpatie con il suo strano accento genovese/napoletano, con il modo di porgere i suoi indovinelli agli ospiti famosi stando nascosto prima in un libro e poi in una casa da cui spuntava solo una mano verde e, in alcune edizioni, con il riservare delle brutte sorprese in caso di errore nella risposta. Inizialmente il personaggio era chiamato "Gadano nano", poi il nome venne cambiato dopo alcune settimane.

Fondamentale il supporto della band, capitanata dal maestro Luca Orioli, che ha suonato e cantato dal vivo tutti gli stacchetti e tutti i brani utilizzati per i giochi musicali (tra i musicisti ricordiamo Fabio Coppini, mentre tra i tanti cantanti che si sono alternati ricordiamo Sara Bernabini, che nel 2006 lascia Canale 5 per passare su Italia 1, dove con Giorgio Vanni ha cantato la sigla di "Keroro"). Infine vanno menzionati i due giudici. Il loro protagonismo e inimmaginabile successo si deve a Gerry Scotti che li ha fatti diventare popolari coinvolgendoli continuamente nei commenti ai giochi e prendendoli bonariamente in giro. Il successo ottenuto li ha spinti anche a scrivere degli "stupidari di Passaparola", ovvero raccolte delle stupidaggini uscite dalla bocca di personaggi famosi durante le migliaia di giochi registrati per la trasmissione.

Giudici di gara[modifica | modifica wikitesto]

Dall'11 gennaio 1999 al 27 gennaio 2008 i giudici di gara sono sempre stati Alvise Borghi e Riccardo Di Stefano. Saltuariamente nei periodi 10 settembre 2001-15 giugno 2002, 9 settembre 2002-28 giugno 2003, 29 settembre 2003-5 giugno 2004, lo stesso Borghi per motivi personali o impegni familiari fu sostituito dai "Supplenti" Francesco Leoni, Davide Cottini e Filippo Cipriano.

Ascolti[modifica | modifica wikitesto]

I risultati migliori si sono avuti nell'annata 2000-2001 (11 settembre 2000-4 agosto 2001) con oltre 5 milioni di telespettatori di media per uno share del 29% (dati Auditel). Le edizioni successive hanno visto un calo progressivo. Da allora, Canale 5 decise di alternare sempre più spesso la trasmissione di Passaparola con quella di Chi vuol essere milionario? fino alla chiusura definitiva del primo, il 7 gennaio 2006. Il quiz ottenne comunque una media di quattro milioni di telespettatori e il 23% di share.[senza fonte]

Esportazione del format[modifica | modifica wikitesto]

Passaparola è una trasmissione televisiva italiana tratta dal format britannico The Alphabet Game, trasmesso nel biennio 1996–1997 su BBC1. La versione italiana è stata realizzata da Luca Giberna.

Dal 10 luglio 2001 al 2005 e dal 18 maggio 2020 il programma è in onda su Antena 3 in Spagna con il nome di Pasapalabra, per poi passare dopo un anno su Telecinco, che lo ha trasmesso fino al 1º ottobre 2019[4]; è andato in onda anche in Francia dal 31 agosto 2009 al 30 giugno 2011 su France 2 con il titolo di En toutes lettres. Il programma, inoltre, è andato in onda anche in Turchia prima su Star TV dal 14 ottobre 2002 all'11 novembre 2005, e successivamente dal 14 maggio 2010 al 30 gennaio 2011 seguendo la versione francese. Dapprima, esso è stato trasmesso sulla rete Kanal 1 in fascia preserale dal 3 luglio 2006 al 14 marzo 2008, e portava lo stesso titolo della versione italiana.

Tale format è stato esportato anche in Portogallo, Colombia, Cile, Argentina e Germania.

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Campioni storici[modifica | modifica wikitesto]

  • Stefano Ciorba
    (primo campione a completare la ruota)
  • Andreina Carfagna
  • Roberto Mariani
  • Ferdinando Sallustio
  • Fabio Betto
  • Piero Mugnaioni
  • Renata Pellegrino
  • Patrizia Bianchetti
  • Fabio Paesani
  • Lorenzo Bello
  • Roberto Gagnor
  • Alessandro Di Matteo
  • Dario Giacomini
  • Giorgio Garlera
  • Alberto Innocenti
  • Erina Scannerini
  • Damiano Latella
  • Daniele Palagi
  • Laura Fausti
  • Giacomo Bernardi
  • Levia Messina
  • Enrico Redaelli
  • Costantino Petrosino
  • Cristina Purgatorio
  • Moira Ranalli
  • Paolo Colombo
  • Lisa Zappa
  • Paola Dassori
  • Mirko Bonari
  • Gian Paolo Travini
  • Costanza Signorini
  • Baldo Gucciardi
  • Domenico Rotella
  • Maria Cristina Micozzi
  • Massimiliano Oldani
  • Antonio Costanzo
  • Massimo Carloni
  • Filomena Nappi
  • Federico Boldrini
  • Pier Paolo Palazzi
  • Nicola Arnò
  • Simone Piccigallo
  • Elio Buccino
  • Silvia Rosio
  • Antonella Villari
  • Giorgio La Rocca
  • Simone Romito
  • Andrea Campagna
  • Vittoria Lai
  • Luigi Cosentino
  • Nicola Pellegrino
  • Claudio Miele
  • Umberto Fiorelli
  • Alessandro Lezza
  • Daniele Ferretti

Letterine di Passaparola[modifica | modifica wikitesto]

  • dall'11 gennaio al 31 luglio 1999

Caterina Murino (poi sostituita da Alessia Fabiani), Alessandra Epis, Deborah Gallo, Elisa Triani, Giulia Montanarini e Luisella Tuttavilla

  • dal 13 settembre 1999 al 29 luglio 2000

Alessia Fabiani, Benedetta Massola, Daniela Bello, Elisa Triani, Kimberly Greene e Vincenza Cacace

  • dall'11 settembre 2000 al 4 agosto 2001

Alessia Fabiani, Benedetta Massola, Cristina Cellai, Daniela Bello, Silvia Toffanin e Vincenza Cacace

  • dal 10 settembre 2001 al 15 giugno 2002

Alessia Fabiani, Alessia Ventura, Daniela Bello, Ilary Blasi, Ludmilla Radčenko e Silvia Toffanin

  • dal 9 settembre 2002 al 28 giugno 2003

Alessia Ventura, Cosmanna Ardillo, Federica Villani, Francesca Lodo, Ilary Blasi e Morena Salvino

  • dal 29 settembre 2003 al 25 dicembre 2004

Caroline Eyrolle, Chiara Cucconi, Delia Degli Innocenti, Giulia Fogliani, Michela Coppa e Vanessa Villafane

  • dal 12 settembre 2005 al 7 gennaio 2006

Anna Gigli Molinari, Caroline Eyrolle, Isabella Uminska, Michela Coppa e Sara Zanier

  • dal 16 dicembre 2007 al 27 gennaio 2008

Anna Gigli Molinari, Elena Doronina e Bianca Sommaruga

Letterini di Passaparola[modifica | modifica wikitesto]

  • dall'11 gennaio 1999 al 29 luglio 2000

Marco Floris e Stefano Pelagatti

Letterone di Passaparola[modifica | modifica wikitesto]

  • dall'11 settembre 2000 al 4 agosto 2001

Florina Miu e Iuliana Ierugan

Pupazzi di Passaparola[modifica | modifica wikitesto]

  • Ullallà
  • Oplà
  • Gadano
  • Baccellina

Ascolti TV[modifica | modifica wikitesto]

Puntata Telespettatori Share
11 gennaio 1999 4.411.000[6] 22,06%[6]
13 settembre 1999 3.012.000[7] 24,15%[7]
7 febbraio 2000 4.831.000[8] 24,08%[8]
14 giugno 2000 3.144.000[9] 26,62%[9]
28 giugno 2000 2.288.000[10] 20,27%[10]
11 settembre 2000 3.070.000[11] 21,80%[11]
14 settembre 2000 3.436.000[12] 24,18%[12]
25 settembre 2000 3.926.000[13] 25,30%[13]
27 settembre 2000 4.061.000[14] 25,97%[14]
3 ottobre 2000 4.644.000[15] 26,73%[15]
4 ottobre 2000 4.276.000[16] 25,58%[16]
9 ottobre 2000 5.243.000[17] 27,96%[17]
10 ottobre 2000 5.630.000[18] 29,47%[18]
11 ottobre 2000 4.552.000[19] 25,73%[19]
30 novembre 2000 5.904.000[20] 27,81%[20]
12 dicembre 2000 5.549.000[21] 27,34%[21]
22 dicembre 2001 3.960.000[22] 22,63%[22]
26 dicembre 2001 3.710.000[23] 19,86%[23]
30 gennaio 2002 5.287.000[24] 26,56%[24]
4 febbraio 2002 5.098.000[25] 25,37%[25]
5 febbraio 2002 5.305.000[26] 26,56%[26]
12 febbraio 2002 4.867.000[27] 25,64%[27]
14 febbraio 2002 5.097.000[28] 26,60%[28]
18 febbraio 2002 5.560.000[29] 28,20%[29]
19 febbraio 2002 4.851.000[30] 25,06%[30]
22 febbraio 2002 5.031.000[31] 27,90%[31]
12 settembre 2002 2.926.000[32] 22,01%[32]
11 novembre 2002 4.291.000[33] 21,36%[33]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L'Eredità diventa il quiz più longevo della tv italiana. Battuta La ruota della fortuna, su davidemaggio.it. URL consultato il 4 giugno 2017.
  2. ^ vedi qui
  3. ^ [1] TGCom, Sallustio battuto
  4. ^ (ES) Telecinco deberá cesar la emisión de «Pasapalabra», su abc.es, 1º ottobre 2019. URL consultato l'11 ottobre2019.
  5. ^ a b c » Era ora in onda… #46 – La storia dei Telegatti (2): 1996-2008 Antonio Genna Blog, su antoniogenna.com. URL consultato il 21 luglio 2018.
  6. ^ a b ASCOLTI TV: CONTI BATTE SCOTTI, E 'STRISCIA' SFIORA I 10 MLN, Adnkronos, 12 gennaio 1999. URL consultato il 22 settembre 2020.
  7. ^ a b ASCOLTI TV: 'VERISSIMO' PARTE CON IL 24% DI SHARE, Adnkronos, 14 settembre 1999. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  8. ^ a b ASCOLTI TV: CANALE 5 VINCE IN SECONDA SERATA E 24 ORE, Adnkronos, 8 febbraio 2000. URL consultato il 23 settembre 2020.
  9. ^ a b ASCOLTI TV: OLTRE 3 MILIONI E MEZZO DI SPETTATORI PER AL BANO, Adnkronos, 15 giugno 2000. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  10. ^ a b ASCOLTI TV: CANALE 5, 2,6 MLN DI SPETTATORI PER ESTATISSIMA SPRINT, Adnkronos, 29 giugno 2000. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  11. ^ a b ASCOLTI TV: IN DODICI MILIONI PER LA FINALE DI MISS ITALIA, Adnkronos, 12 settembre 2000. URL consultato il 23 ottobre 2020.
  12. ^ a b ASCOLTI TV: 'PASSAPAROLA' BATTE 'IN BOCCA AL LUPO', Adnkronos, 15 settembre 2000. URL consultato il 17 settembre 2020.
  13. ^ a b ASCOLTI TV: 'STRISCIA', ESORDIO SUPER. TG5 MEGLIO DEL TG1, Adnkronos, 26 settembre 2000. URL consultato il 23 ottobre 2020.
  14. ^ a b ASCOLTI TV: RECORD PER GRANDE FRATELLO, Adnkronos, 28 settembre 2000. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  15. ^ a b ASCOLTI TV: PASSAPAROLA BATTE IN BOCCA AL LUPO, Adnkronos, 4 ottobre 2000. URL consultato il 17 settembre 2020.
  16. ^ a b ASCOLTI TV: STRISCIA LA NOTIZIA IL PROGRAMMA PIU' VISTO, Adnkronos, 4 ottobre 2000. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  17. ^ a b ASCOLTI TV: RECORD PER 'GRANDE FRATELLO' E 'PASSAPAROLA', Adnkronos, 10 ottobre 2000. URL consultato il 23 ottobre 2020.
  18. ^ a b ASCOLTI TV: RECORD PER 'GRANDE FRATELLO' E 'PASSAPAROLA', Adnkronos, 11 ottobre 2000. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  19. ^ a b ASCOLTI TV: RECORD IN VALORI ASSOLUTI PER GRANDE FRATELLO, Adnkronos, 12 ottobre 2000. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  20. ^ a b ASCOLTI TV: RECORD PER 'GRANDE FRATELLO' E 'PASSAPAROLA', Adnkronos, 1º dicembre 2000. URL consultato il 23 ottobre 2020.
  21. ^ a b ASCOLTI TV: GIORNATA DI RECORD PER LA RAI, Adnkronos, 13 dicembre 2002. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  22. ^ a b ASCOLTI TV: PANARIELLO 'MATTATORE', RAI VINCE GARA DEL SABATO, Adnkronos, 23 dicembre 2001. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  23. ^ a b TV: ASCOLTI, VINCE 'IL PRINCIPE D'EGITTO', Adnkronos, 27 dicembre 2001. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  24. ^ a b TV: ASCOLTI, VINCE SOFFIANTINI CON OLTRE 7 MILIONI, Adnkronos, 31 gennaio 2002. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  25. ^ a b TV: ASCOLTI, 'THE GAME' SUPERA 'PIOVUTO DAL CIELO', Adnkronos, 5 febbraio 2002. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  26. ^ a b TV: ASCOLTI, VINCE PIERO ANGELA, FLOP DI 'CASANOVA', Adnkronos, 6 febbraio 2002. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  27. ^ a b TV: ASCOLTI, OLTRE 6 MLN PER 'INCOMPRESO' SU CANALE 5, Adnkronos, 13 febbraio 2002. URL consultato il 26 ottobre 2020.
  28. ^ a b TV: ASCOLTI, 'INCOMPRESO' PREVALE DI MISURA SU 'CARRAMBA', Adnkronos, 15 febbraio 2002. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  29. ^ a b TV: ASCOLTI, VINCE IL FILM 'C'E' POSTA PER TE', Adnkronos, 19 febbraio 2002. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  30. ^ a b TV: ASCOLTI, VINCE LA FICTION 'PER AMORE', Adnkronos, 20 febbraio 2002. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  31. ^ a b TV: VINCE 'MARAMEO', BUON ESORDIO PER 'INCANTESIMO', Adnkronos, 23 febbraio 2002. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  32. ^ a b TV: ASCOLTI, VINCE 'SUPERQUARK', Adnkronos, 13 settembre 2002. URL consultato il 23 ottobre 2020.
  33. ^ a b ASCOLTI TV: OLTRE NOVE MILIONI SU RAIUNO PER 'MONTALBANO' (2), Adnkronos, 12 novembre 2002. URL consultato il 26 ottobre 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione