Passaggi Festival

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Passaggi Festival
LuogoFano
Anni2013 - oggi
FrequenzaAnnuale
Fondato daGiovanni Belfiori
Dategiugno
GenereFestival letterario
OrganizzazionePassaggi Cultura A.p.s.
Sito ufficialewww.passaggifestival.it/

Passaggi Festival è un evento culturale, presieduto da Nando dalla Chiesa, che si svolge a Fano nell'ultima settimana di giugno. È dedicato in particolare alla saggistica, con spazio anche per la narrativa non italiana la poesia, e si compone di presentazioni librarie, mostre d’arte, laboratori per bambini, corsi di formazione, reading musicali e di poesia, spettacoli. Tutte le iniziative del Festival sono ad ingresso gratuito. Nell'edizione 2021 la manifestazione ha registrato oltre 30.000 presenze.[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Passaggi Festival nasce nel 2013 dal progetto del giornalista Giovanni Belfiori (direttore della manifestazione), mentre il nome è stato ideato dallo storico Claudio Novelli.

Passaggi Festival ha il patrocinio del Ministero per i beni e le attività culturali (dal 2013 al 2022)[2] e del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (nel 2016 e 2017). Nel 2015 si è aggiunto il patrocinio del Centro nazionale del libro e la lettura.

Il Premio giornalistico Andrea Barbato che, in accordo con la famiglia Barbato, dal 2014 si svolge all’interno del festival, è sotto la tutela dell'Ordine dei giornalisti.

Dal 2017 è attiva la collaborazione con l'Università degli Studi di Camerino.

Dal 2018 il festival è organizzato in collaborazione con Rai News24, Rai Cultura, Rai Radio 3, Rai Teche.[3]

Luoghi e rassegne[modifica | modifica wikitesto]

Passaggi Festival si compone di diverse rassegne distribuite nel centro storico e sul lungomare della città di Fano.

In Piazza XX Settembre si svolge la rassegna di saggistica "Libri in piazza" e al Pincio le rassegne dedicate a un pubblico più giovane, come la rassegna di saggistica e varia "Fuori Passaggi. Music&Social" e la rassegna di graphic novel "Passaggi fra le nuvole". L'ex Chiesa di San Francesco ospita la rassegna di narrativa italiana e straniera "Europa/Mediterraneo", la rassegna di poesia "Passaggi diVersi" e, dalla decima edizione, la rassegna di teatro e recitazione "Ad alta voce".

Nella Mediateca Montanari MeMo si svolgono, oltre che laboratori per bambini e bambine, le rassegne "Chiedersi perché, la filosofia per bambini e bambine" e ‘"Piccoli asSaggi, la saggistica per diventare grandi".[4]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Sono due i premi attributi ogni anno da Passaggi Festival: il Premio Passaggi, assegnato a personalità che si sono distinte per l'attività di saggistica o per la loro figura morale, e il Premio Andrea Barbato per il giornalismo.[5]

Nel 2014 Passaggi Festival ha anche attribuito all'artista Tullio Pericoli il Premio speciale Passaggi d’arte 2014.

Dal 2022 entra a far parte del programma di Passaggi Festival anche il "Premio Franco Fortini"[6], dedicato alle raccolte di poesia.

Premio Passaggi

Premio Andrea Barbato[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Redazione, Oltre 30mila presenze a Passaggi festival 2021: i numeri di un’edizione indimenticabile, su viverefano.com, 27 giugno 2021. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  2. ^ r.desimone, Patrocini concessi nel 2018, su beniculturali.it. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  3. ^ passaggifestival.it, https://www.passaggifestival.it/chi-siamo/passaggi-festival-della-saggistica/.
  4. ^ Passaggi Festival della saggistica 2020 - Filosofia, su Rai Cultura. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  5. ^ Premi Passaggi Festival a Piero Angela e Liliana Segre - Marche, su ANSA.it, 6 maggio 2018. URL consultato il 18 gennaio 2019.
  6. ^ Sky TG24, Il Premio Fortini 'trova casa' a Passaggi Festival, su ansa.it. URL consultato il 25 febbraio 2022.
  7. ^ passaggifestival.it, https://www.passaggifestival.it/tutti-libri-passaggi-festival-fano/.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura