Partito dei Conservatori e dei Riformisti Europei

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partito dei Conservatori e dei Riformisti europei
(EN) European Conservatives and Reformists Party
ECR Party logo.png
PresidenteItalia Giorgia Meloni
VicepresidentePolonia Radosław Fogiel
Spagna Jorge Buxadé
StatoUnione europea Unione europea
Sede4 rue du Trône
1000 Bruxelles, Belgio
AbbreviazioneECR
Fondazione1º ottobre 2009
IdeologiaConservatorismo nazionale[1]
Liberalismo economico[1]
Euroscetticismo
Sovranismo
CollocazioneDestra[1][2]/Estrema destra[3][4]
Gruppo parl. europeoGruppo dei Conservatori e dei Riformisti Europei
Affiliazione internazionaleUnione Democratica Internazionale
Seggi
56 / 705
(2019)
TestataThe Conservative
Organizzazione giovanileGiovani Conservatori Europei
Sito webecrparty.eu

Il Partito dei Conservatori e dei Riformisti Europei (in inglese European Conservatives and Reformists Party; acronimo ECR Party), noto dal 2009 al 2016 come Alleanza dei Conservatori e dei Riformisti Europei (AECR) e dal 2016 al 2019 come Alleanza dei Conservatori e dei Riformisti in Europa (ACRE), è un partito politico europeo di destra euroscettico.[5]

Il partito è stato fondato il 1º ottobre 2009 dopo la creazione del Gruppo dei Conservatori e dei Riformisti Europei al Parlamento europeo a seguito delle elezioni europee del 2009;[6] è stato riconosciuto ufficialmente dal Parlamento europeo nel gennaio del 2010.[7] Presidente del partito è Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia.

A livello internazionale è vicino all'Unione Democratica Internazionale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 i Conservatori britannici e il Partito Democratico Civico ceco, che in seno al Parlamento europeo aderivano al Gruppo del Partito Popolare Europeo - Democratici Europei, avevano lanciato il Movimento per la Riforma Europea, associazione europea di centro-destra, conservatrice e moderatamente euroscettica. A seguito delle elezioni europee del 2009, tali soggetti politici formarono in Eurocamera, insieme ai polacchi di Diritto e Giustizia e ad altri cinque partiti, il Gruppo dei Conservatori e dei Riformisti Europei. Sulla scia della nascita di tale gruppo parlamentare europeo, il 1º ottobre 2009 quasi tutti gli aderenti al gruppo hanno dato vita al partito politico europeo Alleanza dei Conservatori e dei Riformisti Europei, riconosciuto ufficialmente dal Parlamento europeo nel gennaio del 2010. Al partito hanno poi aderito anche alcuni partiti politici di stati non facenti parte dell'Unione europea.

Nel settembre del 2020 Giorgia Meloni è eletta presidente del partito, succedendo all'europarlamentare ceco Jan Zahradil.[8]

Ideologia[modifica | modifica wikitesto]

La dichiarazione di Reykjavík del 21 marzo 2014 definisce la base ideale e programmatica su cui si fonda la sua azione:

• Il Partito dei Conservatori e dei Riformisti Europei (ECR) promuove la giustizia sociale, la sovranità nazionale, la democrazia parlamentare e diffonde i valori della tradizione nazionale, liberale e popolare del Continente.

• Il Partito ECR crede in un'Europa di nazioni indipendenti e libere che lavorano unitamente per ottenere vantaggi reciproci, mantenendo ciascuna la propria identità e integrità, rifiutando velleitari progetti federalisti e sussidiari, impegnandosi nella direzione di una riduzione della burocrazia e di una puntuale trasparenza nelle istituzioni e nell'utilizzo dei fondi comunitari.

• Il Partito ECR è impegnata a promuovere l'uguaglianza di tutte le democrazie europee, indipendentemente dalle loro dimensioni e indipendentemente da quali associazioni internazionali aderiscano e sostiene la necessità delle relazioni di sicurezza transatlantica in una NATO moderna e rafforzata delle proprie prerogative.

• Il Partito ECR ha un atteggiamento severo sulle questioni riguardanti la giustizia, la legalità, la sicurezza e il controllo dell'immigrazione clandestina, puntando all'eliminazione degli abusi di procedure di asilo.

• Il Partito ECR è consapevole che le società aperte poggiano sulla dignità e sull'autonomia dell'individuo, che aspira legittimamente ad essere libero dalla coercizione statale. La libertà dell'individuo include la libertà di religione e culto, la libertà di parola e di espressione, la libertà di movimento e di associazione, la libertà di contratto e di lavoro e la libertà dalla tassazione oppressiva, arbitraria o punitiva.

• Il Partito ECR riconosce l'uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge, indipendentemente dall'etnia, dal sesso o dalla classe sociale. Respinge ogni forma di estremismo, autoritarismo e razzismo.

• Il Partito ECR riconosce il ruolo delle associazioni civili, dei sindacati, degli altri corpi intermedi che riempiono lo spazio tra l'individuo e il governo, ritenendo prioritario valorizzare il ruolo della famiglia nella società.

• Il Partito ECR riconosce la legittimità democratica dello Stato-nazione.

• Il Partito ECR è impegnata nella diffusione, nel contesto di un imprescindibile Stato di diritto, del libero scambio, della concorrenza aperta in Europa e nel mondo, di una regolamentazione minima, della proprietà privata, di un fisco equo, di sgravi fiscali, di servizi pubblici efficienti.

• Il Partito ECR sostiene anche i principi della Dichiarazione di Praga del marzo 2009 e il lavoro dei Gruppo dei Conservatori e dei Riformisti Europei nel Parlamento europeo e dei gruppi affini sulle altre assemblee europee.[9]

Adesioni[modifica | modifica wikitesto]

Stati UE[modifica | modifica wikitesto]

Stato Partito Nome in lingua originale Europarlamentari
Bulgaria Bulgaria Movimento Nazionale Bulgaro Българско национално движение
2 / 17
Croazia Croazia Partito Conservatore Croato Hrvatska Konzervativna Stranka -
Sovranisti Croati Hrvatski Suverenisti
1 / 12
Germania Germania Riformatori Liberal-Conservatori Liberal-Konservative Reformer
1 / 96
Italia Italia Fratelli d'Italia Fratelli d'Italia
8 / 76
Lettonia Lettonia Alleanza Nazionale Nacionālā Apvienība
2 / 8
Lituania Lituania Azione Elettorale dei Polacchi in Lituania Lietuvos lenkų rinkimų akcija
1 / 11
Lussemburgo Lussemburgo Partito Riformista di Alternativa Democratica Alternativ Demokratesch Reformpartei -
Polonia Polonia* Diritto e Giustizia Prawo i Sprawiedliwość
24 / 52
Rep. Ceca Rep. Ceca Partito Democratico Civico Občanská Demokratická Strana
4 / 21
Romania Romania Partito Alternativa Giusta Alternativa Dreaptă -
Slovacchia Slovacchia Libertà e Solidarietà Sloboda a Solidarita - SaS
1 / 14
Spagna Spagna Vox Vox
4 / 59
Svezia Svezia Democratici Svedesi Sverigedemokraterna
3 / 21

* Gli europarlamentari polacchi della IX legislatura Patryk Jaki, Beata Kempa e Adam Bielan sono membri a titolo personale del Partito dei Conservatori e dei Riformisti Europei.

Extra UE e partner regionali[modifica | modifica wikitesto]

Stato Partito Nome in lingua originale
Albania Albania Partito Repubblicano d'Albania Partia Republikane e Shqipërisë
Armenia Armenia Armenia Prospera Բարգավաճ Հայաստան կուսակցություն
Azerbaigian Azerbaigian Partito del Fronte Popolare di Tutto l'Azerbaigian Bütöv Azərbaycan Xalq Cəbhəsi Partiyası
Bielorussia Bielorussia Fronte Popolare Bielorusso Партыя БНФ
Israele Israele Likud הַלִּיכּוּד
Macedonia del Nord Macedonia del Nord VMRO - Partito Popolare ВMPO–Народна Партија
Regno Unito Regno Unito Partito Unionista dell'Ulster Ulster Unionist Party
Serbia Serbia È abbastanza Dosta je bilo / Доста је било
Stati Uniti Stati Uniti Partito Repubblicano Republican Party

Ex membri[modifica | modifica wikitesto]

Nelle istituzioni europee[modifica | modifica wikitesto]

Organizzazione Istituzione Numero di seggi
Unione europea Consiglio europeo
02 / 27
Commissione europea
01 / 27
Parlamento europeo
56 / 705

I partiti membri dell'ECR esprimono ministri nei governi nazionali di quattro Stati membri: Lettonia (governo Kariņš), Polonia (governo Morawiecki II), Slovacchia (governo Heger) e Repubblica Ceca (governo Fiala). Sono pertanto rappresentati nel Consiglio dell'Unione europea.

Consiglio europeo[modifica | modifica wikitesto]

2 dei 27 Capi di Stato o di governo membri del Consiglio europeo appartengono all'ECR:

Commissione Europea[modifica | modifica wikitesto]

Commissione von der Leyen (IX legislatura, dal 1º dicembre 2019)

Commissario/a Incarico e competenza[10] Stato membro Partito nazionale
Janusz Wojciechowski Commissario per l'agricoltura Polonia Polonia PiS

Parlamento europeo[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Gruppo dei Conservatori e dei Riformisti Europei.

Nel Parlamento europeo il Partito dei Conservatori e dei Riformisti Europei è rappresentato dal gruppo omonimo, che nella IX legislatura conta 63 eurodeputati. Oltre agli europarlamentari appartenenti al Partito dei Conservatori e dei Riformisti, il gruppo è costituito da 3 membri del Movimento Politico Cristiano d'Europa, 3 membri della Nuova Alleanza Fiamminga (che aderiscono al partito ALE) e un politico indipendente. Presidenti del gruppo sono il polacco Ryszard Legutko e l'italiano Raffaele Fitto. Nella prima metà della IX legislatura il gruppo non esprime alcun Vicepresidente del Parlamento.

Comitato delle Regioni[modifica | modifica wikitesto]

Nel Comitato europeo delle regioni l'ECR è rappresentato dal gruppo omonimo. Dopo la creazione del gruppo al Parlamento europeo nel 2009 e del partito ACRE nel 2010, il 10 aprile 2013 fu fondato con gli auspici dell'ACRE anche il gruppo ECR al Comitato delle Regioni, guidato dal britannico Gordon Keymer. Il gruppo fu annunciato ufficialmente il 11–12 aprile nel corso della 100ª plenaria del Comitato delle regioni. Al 2021 il presidente del gruppo è Władysław Ortyl, Presidente del Voivodato della Precarpazia. Al gruppo aderiscono politici regionali e locali da Bulgaria, Danimarca, Finlandia, Italia, Lituania, Paesi Bassi, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria; vi appartengono anche esponenti di partiti di destra non membri all'ECR, come la Lega in Italia e il Partito Popolare Danese.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN7529147907515479210004 · GND (DE1118750411 · WorldCat Identities (ENviaf-7529147907515479210004