Partito Democratico (Hong Kong)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partito Democratico
民主黨
LeaderWu Chi-wai
StatoHong Kong Hong Kong
Sede4/F, Hanley House,

776–778 Nathan Road, Kowloon

Fondazione1994
IdeologiaLiberalismo[1]
Collocazionecentro[2] / centro-sinistra[3]
Seggi Consiglio legislativo
7 / 70
Seggi Consigli distrettuali
89 / 479
Organizzazione giovanileGiovani Democratici
Iscritti788 (2015)
Slogan"Giving it all"
Sito webdphk.org/

Il Partito Democratico, noto anche con gli acronimi DP e DPHK (in cantonese: 民主黨T, Màhn jyú dóngY; in mandarino: 民主党S, Mínzhǔ dǎngP; in inglese: The Democratic Party) è un partito politico liberale[4] di centro[2] o centro-sinistra[3] di Hong Kong, istituito nel 1994. Presieduto dal legislatore Wu Chi-wai, è attualmente il terzo partito più grande nel Consiglio legislativo di Hong Kong, con sette seggi e 89 consiglieri distrettuali. È anche il più grande partito a favore della democrazia nell'attuale legislatura.

Il partito fu fondato nel 1994, sorto dalla fusione dei Democratici Uniti di Hong Kong (UDHK) con Meeting Point (MP), e nel 1997 venne descritto come il principale rappresentante politico degli interessi della nuova classe media emergente[5]. Fondati nel 1990, i Democratici Uniti furono il primo grande partito politico che divenne il più grande partito negli ultimi anni della legislatura coloniale, vincendo una vittoria schiacciante nelle prime elezioni dirette mai, guidati da Martin Lee nel 1991[senza fonte]. L'UDHK e il parlamentare successivamente[non chiaro] si fuse nel Partito Democratico per consolidare ulteriormente il blocco pro-democrazia. A causa del suo emergere dal sostegno alle proteste di piazza Tienanmen del 1989 e alla richiesta della fine del governo monopartitico del Partito Comunista Cinese, il partito è stato a lungo visto come "tesoro"[non chiaro] dalle autorità di Pechino.

Il Partito Democratico è diventato il più grande partito nella prima legislatura completamente eletta dopo aver ottenuto un'altra vittoria alle elezioni del Consiglio legislativo del 1995 e ha mantenuto lo status di più grande partito per la democrazia nonostante il lungo declino nei primi decenni del periodo SAR a causa di lotte tra fazioni interne al partito e la natura divisiva del sistema di rappresentazione proporzionale post-consegna. Nelle elezioni del 2004, il partito ha perso il suo status di maggiore partito contro il principale rivale pro-Pechino Alleanza democratica per il miglioramento di Hong Kong (DAB) e ha dovuto affrontare la concorrenza dei nuovi attivisti e gruppi a favore della democrazia emersi dal 2003 su larga scala pro-democrazia dimostrativa.

Il Partito Democratico è considerato moderato nel campo pro-democrazia[6]. Nel 2010, ha raggiunto un accordo con il governo di Pechino sulla proposta di riforma costituzionale, che ha causato disaffezione da parte dei suoi alleati democratici e una scissione all'interno del campo. Nel 2012, il partito ha subito il peggior risultato della sua storia, mantenendo solo sei seggi. Il partito ha ripreso consensi aumentando il suo numero di seggi a sette nelle elezioni del 2016 dopo che tre veterani, Emily Lau, Albert Ho e Sin Chung-kai si sono dimessi per far posto ai membri più giovani del partito[7][8]. Ha visto un ulteriore successo elettorale nelle elezioni del Consiglio distrettuale del 2019, conquistando 91 seggi e diventando contemporaneamente il più grande partito politico nel Consiglio distrettuale. Le relazioni con Carrie Lam si sono interrotte nel maggio 2019 in seguito a discussioni sulla proposta di legge sull'estradizione, alla quale il Partito Democratico si è opposto, che ha causato le proteste di Hong Kong del 2019[9].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Risultati elettorali[modifica | modifica wikitesto]

Elezioni del Consiglio legislativo[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Voti % Seggi

costituenze

geografiche

Seggi

costituenze

funzionali

Seggi

commissione

elettorale

Seggi totali Posizione
1995 385.428 41.87 12 5 2
19 / 60
1998 634.635 42.87 9 4 0
13 / 60
2000 417.873 31.66 9 3 0
12 / 60
2004 445.988 25.19 7 2
9 / 60
2008 312.692 20.63 7 1
8 / 60
2012 247.220 13.65 4 2
6 / 70
2016 199.876 9.22 5 2
7 / 70

Elezioni municipali[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Voti % Seggi

consiglio urbano

Seggi

consiglio regionale

Seggi totali
1995 205.823 36.91
12 / 32
11 / 27
23 / 59

Elezioni dei Consigli distrettuali[modifica | modifica wikitesto]

Elezione Voti % Seggi
1994 157.929 23.01
75 / 346
1999 201.461 24.85
86 / 390
2003 223.675 21.27
95 / 400
2007 175.054 15.38 59 su 405
2011 205.716 17.42
47 / 412
2015 196.068 13.56
43 / 431
2019 362.275 12.36
91 / 452

Note[modifica | modifica wikitesto]

Fonti
  1. ^ Lee, Eliza Wing-Yee (2011). Gender and Change in Hong Kong: Globalization, Postcolonialism, and Chinese Patriarchy. UBC Press. pag. 71
  2. ^ a b (EN) William A. Joseph, Politics in China: An Introduction, Oxford University Press, 2019, p. 522, ISBN 978-0-19-087070-6. URL consultato il 7 luglio 2020.
  3. ^ a b Li, Newman 1997, p. 219.
  4. ^ Lee, Eliza Wing-Yee (2011). Gender and Change in Hong Kong: Globalization, Postcolonialism, and Chinese Patriarchy. UBC Press. p. 71
  5. ^ Li, Newman 1997, p. 217: « During the 1980's many liberal democratic groups formed in Hong Kong to represent the emerging educated middle class. Through the 1980's and into the early 1990's, these groups merged into larger political parties, these interests now generally represented by the larger Democratic Party […] The UDHK merged with the Meeting Point in 1994 to form the Democratic Party».
  6. ^ (EN) Ryan Tang, Who are the 15 arrested Hong Kong pro-democracy leaders?, su SupChina, 22 aprile 2020. URL consultato il 7 luglio 2020.
  7. ^ (EN) Out with the old: Two big-name pan-democrats ousted in tight district council election races, su South China Morning Post, 23 novembre 2015. URL consultato il 7 luglio 2020.
  8. ^ (EN) Hong Kong Democratic Party leader Emily Lau decides not to seek re-election in 2016, su South China Morning Post, 31 dicembre 2015. URL consultato il 7 luglio 2020.
  9. ^ (EN) Hong Kong leader Carrie Lam survives first no confidence vote, as democrats cite 'lies' over extradition row, su Hong Kong Free Press HKFP, 30 maggio 2019. URL consultato il 7 luglio 2020.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Saggi e articoli

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]