Partita Alapin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Partita Alapin
abcdefgh
8
Chessboard480.svg
a8 torre del nero
b8 cavallo del nero
c8 alfiere del nero
d8 donna del nero
e8 re del nero
f8 alfiere del nero
g8 cavallo del nero
h8 torre del nero
a7 pedone del nero
b7 pedone del nero
c7 pedone del nero
d7 pedone del nero
f7 pedone del nero
g7 pedone del nero
h7 pedone del nero
e5 pedone del nero
e4 pedone del bianco
a2 pedone del bianco
b2 pedone del bianco
c2 pedone del bianco
d2 pedone del bianco
e2 cavallo del bianco
f2 pedone del bianco
g2 pedone del bianco
h2 pedone del bianco
a1 torre del bianco
b1 cavallo del bianco
c1 alfiere del bianco
d1 donna del bianco
e1 re del bianco
f1 alfiere del bianco
h1 torre del bianco
8
77
66
55
44
33
22
11
abcdefgh
Mosse1.e4 e5
2.Ce2
Codice ECOC20
Evoluzione diApertura di gioco aperto

La partita Alapin è un'apertura di gioco aperto degli scacchi, che prende il nome dal maestro russo Semën Zinov'evič Alapin (1856-1923), caratterizzata dalle mosse:

  1. e4 e5
  2. Ce2

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Con questa mossa di cavallo il Bianco si prepara a sostenere un'eventuale avanzata dei pedoni f2 e/o d2.[1] I difetti di questa apertura sono che il cavallo così posizionato va ad interferire con il normale sviluppo dell'alfiere di re del Bianco e chiude la diagonale anche alla donna.[2][3]

Alcune idee del Bianco possono essere lo sviluppo dell'alfiere in fianchetto e, come detto, la spinta f4. In ogni caso il Nero potrà proseguire indisturbato lo sviluppo dei propri pezzi, ad esempio con 2…Cc6 o 2…Cf6, pertanto la partita Alapin è un impianto poco giocato a grandi livelli e, come molte aperture di gioco aperto scarsamente utilizzate ha codice ECO C20.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Scacchi Portale Scacchi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di scacchi