Partenavia Oscar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Partenavia P.64 Oscar
Partenavia P.64B Oscar 200, Private JP7224799.jpg
Partenavia P.64B Oscar 200, marche I-NUDO
Descrizione
Tipoaereo da turismo
Equipaggio1-2
ProgettistaGiovanni e Luigi Pascale
CostruttoreItalia Partenavia
Data primo volo2 aprile 1965
Data entrata in servizio1967
Sviluppato dalPartenavia P.57 Fachiro
Altre variantiPartenavia P.66
AFIC RSA 200 Falcon
Dimensioni e pesi
Lunghezza7,11 m
Apertura alare9,99 m
Altezza2,60 m
Superficie alare13,40
Passeggeri2-3
Propulsione
Motoreun Lycoming O-360-AIA
a 4 cilindri contrapposti raffreddati ad aria
Potenza180 hp (134 kW)
Prestazioni
Velocità max376 km/h (203 kt)
Velocità di crociera250 km/h (135 kt) a 2 300 m (7 546 ft)
Autonomia1 300 km (702 nmi)
Tangenza5 300 m (17 388 ft)
Notedati relativi alla versione P.64B Oscar 180

i dati sono estratti da Aerei da guerra[1]

voci di aerei civili presenti su Wikipedia

Il Partenavia P.64 Oscar è un aereo da turismo quadriposto monomotore, monoplano ad ala alta, sviluppato dall'azienda aeronautica italiana Partenavia Costruzioni Aeronautiche nei primi anni sessanta e costruito, oltre che dalla stessa, dalla sudafricana AFIC (Pty) Ltd su licenza.

Derivato dal precedente Partenavia P.57 Fachiro, del quale ne era un'evoluzione dalla struttura metallica, era destinato al mercato dell'aviazione generale e del trasporto leggero, riuscendo ad ottenere un buon successo commerciale

Storia del progetto[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1963 i fratelli Giovanni e Luigi Pascale decisero di avviare uno sviluppo del P.57 Fachiro, un quadriposto monomotore da turismo ad ala alta e costruzione mista, in una sua variante completamente metallica. La base di partenza fu un P.57 Fachiro II-f dal quale venne estrapolato il Fachiro III, denominazione iniziale del prototipo, che venne portato in volo per la prima volta il 2 aprile 1965.

Utilizzatori[modifica | modifica wikitesto]

Italia Italia

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Aerei da guerra 1993, Partenavia P 64 Oscar.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) The Illustrated Encyclopedia of Aircraft (Part Work 1982-1985), Orbis Publishing, 1985.
  • (EN) R.W. Simpson, Airlife's General Aviation, Shrewsbury, UK, Airlife Publishing, 1991, ISBN 1-85310-194-X.
  • (EN) John W. R. Taylor, Jane's All The World's Aircraft 1982-83, London, Jane's Yearbooks, 1982, ISBN 0-7106-0748-2.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Partenavia P 64 Oscar, in Aerei da guerra, Ginevra - Novara, Edito Service S.A. - Istituto Geografico De Agostini, 1993.
  • Neil Harrison, Partenavia P.64 Oscar (PDF), in Flight International, Volume 88, Number 2961, 9 dicembre 1965, p. 1012.
  • Paul F. Hatch, Air Forces of the World: Italian State Police (Polizia di Stato), in Air Pictorial, vol. 47, nº 6, June 1985, p. 207.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]