Parrocchie di Barbados

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parrocchie di Barbados

Le parrocchie di Barbados costituiscono la suddivisione territoriale di primo livello del Paese e sono pari a 11.

Lista[modifica | modifica wikitesto]

Localizzazione Parrocchia Popolazione
(2010)
Superficie
(km2)
Barbados Christ Church.svg Christ Church 54 336 57
Barbados St Andrew.svg Saint Andrew 5 139 36
Barbados St George.svg Saint George 19 767 44
Barbados St James.svg Saint James 28 498 31
Barbados St John.svg Saint John 8 963 34
Barbados St Joseph.svg Saint Joseph 6 620 26
Barbados St Lucy.svg Saint Lucy 9 758 36
Barbados St Michael.svg Saint Michael 88 529 39
Barbados St Peter.svg Saint Peter 11 300 34
Barbados St Philip.svg Saint Philip 30 662 60
Barbados St Thomas.svg Saint Thomas 14 249 34

Evoluzione storica[modifica | modifica wikitesto]

La denominazione di parrocchie deriva dalla presenza storica della religione anglicana sull'isola. Le dimensioni e i confini di tali ripartizioni erano determinate sulla base dei confini delle piantagioni di cotone, canna da zucchero e tabacco presenti durante il periodo coloniale sull'isola.

A partire dallo sbarco dei coloni inglesi nel 1629 a James Town furono create le sei originarie parrocchie, che erano:

In seguito, nel 1645, le concessioni terriere in Barbados aumentarono, portando ad una riconfigurazione dei confini delle sei parrocchie originali, che vennero inoltre ulteriormente suddivise, in modo che un numero ulteriore di cinque parrocchie si aggiunse alle preesistenti:

Questa modifica portò il numero delle parrocchie a quello attuale, da allora immutato. In maniera del tutto analoga a quella di una parrocchia inglese, ciascuna delle circoscrizioni aveva una sua chiesa o una cattedrale che fungeva da capoluogo della parrocchia stessa. Inoltre, ciascuna di esse eleggeva assemblee locali fino all'abolizione delle stesse avvenuta nel 1967. Attualmente questa suddivisione sta tuttavia perdendo significato, man mano che progetti di sviluppo urbano interessano zone confinanti, rendendo di fatto impossibile parlare di una vera discontinuità.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]