Pareiasaurus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Pareiasaurus
Pareiasaurus skeleton.jpg
Stato di conservazione
Fossile
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Sottoclasse Anapsida
Ordine Procolophonomorpha
Famiglia Pareiasauridae
Genere Pareiasaurus

Il pareiasauro (gen. Pareiasaurus) è un grande rettile fossile, vissuto nel Permiano medio e superiore (tra 260 e 255 milioni di anni fa), i cui resti sono stati rinvenuti in Sudafrica.

Corpo massiccio e zampe robuste[modifica | modifica wikitesto]

La corporatura del pareiasauro era incredibilmente tozza, e il corpo era a forma di botte. Le dimensioni dell'animale, con una lunghezza di circa tre metri e un peso di svariati quintali, lo ponevano come uno dei più grandi erbivori della sua epoca. Il cranio era corto e robusto, dotato di una serie di denti adatti a brucare e sminuzzare le foglie, mentre le zampe erano quasi colonnari e sporgevano di poco ai lati del corpo, al contrario di quelle dei suoi antenati, dotati di zampe all'infuori come quelle delle lucertole. Il pareiasauro era a suo modo un animale molto specializzato: le dimensioni, la forma delle zampe e del cranio e lo stile di vita erano ben diversi da quelli dei procolofoni, i suoi parenti più stretti, dall'aspetto simile a quello delle lucertole. Simile al pareiasauro, ma ancora più specializzato, era lo scutosauro (Scutosaurus karpinskii) della Russia.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili