Parco regionale di Gianola e del Monte di Scauri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco regionale di Gianola e del Monte di Scauri
Tipo di areaparco regionale
Codice EUAPEUAP0188
StatiItalia Italia
RegioniLazio
ProvinceLatina
ComuniFormia, Minturno
Superficie a terra292 ha
Superficie a mare17 ha
Provvedimenti istitutiviLegge della Regione Lazio n° 15 del 13/02/1987
GestoreConsorzio Parco regionale Suburbano di Gianola e del Monte di Scauri
Formia-mare.jpg

Il parco regionale di Gianola e del Monte di Scauri è un'area naturale protetta situata all'estremo sud del Lazio. L'area ha un'estensione complessiva di 309 ettari, compresi 17 ettari di area protetta a mare[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il parco fu istituito nel 1987 con legge della regione Lazio n. 15 come "parco Suburbano di Gianola e Monte di Scauri", nei Comuni di Formia e Minturno. Dal 2003 (L.R. 2/2003) fa parte del più ampio parco regionale Riviera di Ulisse, che comprende anche il parco Urbano di Monte Orlando a Gaeta, e il monumento naturale Promontorio Villa di Tiberio e Costa Torre Capovento di punta Cetarola, a Sperlonga.

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Il parco ospita diverse specie di alberi come la quercia da sughero, il leccio, la roverella e il lentisco. Tra le specie di piante si trovano ginestre, cisti, eriche, gladioli e altre piante della folta macchia mediterranea.

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La fauna ha un ciclo vitale regolare. Il parco ospita diverse specie di serpenti, ramarri, uccelli e farfalle. Nel 2009 si è verificata la prima nidificazione dell'assiolo nel parco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, Elenco ufficiale delle aree protette (EUAP)[collegamento interrotto] 5º Aggiornamento approvato con Delibera della Conferenza Stato Regioni del 24 luglio 2003 e pubblicato nel Supplemento ordinario n. 144 alla Gazzetta Ufficiale n. 205 del 4 settembre 2003.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]