Parco nazionale Yanachaga-Chemillén

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Parco nazionale
Yanachaga Chemillén
Parque nacional Yanachaga-Chemillén
On Pampa of Quebrada Yanachaga at an altitude of 3000 m - ZooKeys-235-051-g009B.jpeg
Tipo di area Parco nazionale
Codice WDPA 12213
Class. internaz. Categoria IUCN II: parco nazionale
Stati Perù Perù
Regioni regione di Pasco
Superficie a terra 122.000 ha
Provvedimenti istitutivi Decreto supremo n. 068-86-AG, 29 agosto 1986
Gestore Instituto Nacional de Recursos Naturales
The Yanachaga-Chemillén National Park (in red) with three field stations - ZooKeys-235-051-g002.jpeg

Il parco nazionale Yanachaga Chemillén (in spagnolo: parque nacional Yanachaga-Chemillén) è un parco nazionale del Perù, nella regione di Pasco. È stato istituito nel 1986 e occupa una superficie di 122.000 ha[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Flora[modifica | modifica wikitesto]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

Tra i mammiferi segnalati all'interno del parco vi sono il capibara (Hydrochoerus hydrochaeris), il giaguaro (Panthera onca), il puma (Puma concolor), l'ocelot (Leopardus pardalis), lo yaguarondi (Puma yagouaroundi),la scimmia lanosa bruna (Lagothrix lagotricha), il paca (Cuniculus paca), l'orso dagli occhiali (Tremarctos ornatus), il pudu settentrionale (Pudu mephistophiles), il cervo dalla coda bianca (Odocoileus virginianus), la volpe delle Ande (Pseudalopex culpaeus) e la moffetta delle Ande (Conepatus chinga).[2]

L'avifauna è rappresentata da oltre 500 specie tra cui il tucano becconero (Ramphastos ambiguus), il galletto di roccia andino (Rupicola peruviana) e il guan zampescure (Penelope obscura).[2]

Tra i rettili meritano una menzione il caimano dagli occhiali (Caiman crocodilus) e il caimano nano di Cuvier (Paleosuchus palpebrosus)[2], e tra gli anfibi la rana Ctenophryne barbatula, endemismo puntiforme della riserva.[3] .

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Yanachaga-Chemillén National Park, in World Database on Protected Areas. URL consultato il 25 luglio 2016.
  2. ^ a b c (ES) Yanachaga Chemillén. Observacion Flora, Fauna, sernanp.gob.pe. URL consultato il 23 luglio 2016.
  3. ^ (EN) Edgar Lehr, 2008, Ctenophryne barbatula, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2016.2, IUCN, 2016. URL consultato il 25 luglio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]