Parco corallino dell'isola di Chumbe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Parco corallino
dell'isola di Chumbe
Chumbe Island Coral Park
Tipo di areaArea marina protetta
StatoTanzania Tanzania
Superficie a terra22 ha
Provvedimenti istitutivi1994
GestoreC.H.I.C.O.P.
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Tanzania
Parco corallinodell'isola di Chumbe
Parco corallino
dell'isola di Chumbe
Sito istituzionale

Coordinate: 6°16′43.63″S 39°10′39.01″E / 6.278786°S 39.177503°E-6.278786; 39.177503

Il parco corallino dell'isola di Chumbe (Chumbe Island Coral Park) è un'area marina protetta privata, istituita nel 1991 e riconosciuta dal governo nel 1994, che comprende l'isola di Chumbe, una piccola isola appartenente all'arcipelago di Zanzibar, e le acque circostanti, note per la loro barriera corallina.

Il parco è in effetti un sistema di aree protette che comprende il Chumbe Reef Sanctuary e la Closed Forest Reserve.[1]

L'area è gestita da una organizzazione privata no profit, anch'essa chiamata "Chumbe Island Coral Park", abbreviato in CHICOP. Il CHICOP si occupa della ricerca scientifica nell'area e della gestione di alcune strutture ecoturistiche.[2]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

L'isola di Chumbe è una piccola isola di appena 22 ettari, situata 12 chilometri a sud-ovest della città di Stone Town. Sull'isola si trovano due edifici storici, una piccola moschea e un faro, entrambi dell'inizio del XX secolo.[3]

Fauna[modifica | modifica wikitesto]

La barriera corallina di Chumbe è una delle meglio conservate della regione, e ospita 370 specie di pesci e oltre 200 specie di madrepore.[4]

Riferimenti nella cultura[modifica | modifica wikitesto]

L'"isola di Lyly", un'isola immaginaria che costituisce una delle principali ambientazioni del romanzo Zanzibar di Giles Foden, è ispirata a Chumbe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chumbe Island Archiviato il 9 maggio 2008 in Internet Archive.
  2. ^ Chumbe Island Management Archiviato il 1º gennaio 2008 in Internet Archive.
  3. ^ Historic buildings Archiviato il 9 maggio 2008 in Internet Archive.
  4. ^ Fiebig S. (1995), Fish Species List and Management Report on the Chumbe Reef Sanctuary.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]