Paratoia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paratoia metallica

La paratoia è un sistema regolabile di sbarramento idraulico, che viene posto su un corso d'acqua naturale o su un canale per regolarne il deflusso[1] e quindi la portata.

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Una paratoia disegnata da Leonardo da Vinci

Il termine deriva dal verbo latino parare nella sua accezione di porre un riparo, fermare[1].

Funzionamento[modifica | modifica wikitesto]

Le paratoie funzionano modificando l'area della sezione libera che può essere attraversata dall'acqua.

Sono costituite da una parete mobile, cioè una saracinesca o un diaframma di legno o metallo, generalmente rinforzato da costole o cantonali, che scorre sulle guide verticali di un telaio (gargami). Può essere manovrata manualmente, con l'ausilio di manovelle, pulegge e ingranaggi demoltiplicatori, o meccanicamente, per mezzo di un motore, solitamente elettrico, e di un pistone elettroidraulico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b paratóia, voce del Vocabolario Treccani on-line su www.treccani.it

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ingegneria Portale Ingegneria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ingegneria