Paragnosta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il termine paragnosta ha origini greche; deriva da parà (vicino) e gnosis (conoscenza, cognizione). Indica pertanto una persona che possiederebbe la capacità di conoscere cose attraverso canali non convenzionali di conoscenza, per lo più attraverso fenomeni ESP di retrocognizione (comunemente intesa come chiaroveggenza rivolta al passato).

Il paragnosta, messo a contatto con un oggetto (cd. oggetto induttore), riuscirebbe a raccontarne la storia pur senza conoscere nulla dell'oggetto stesso. A fini di verifica,se si vuole effettuare questo genere di esperimenti con oggetti della cui storia il paragnosta non possa aver avuto alcuna conoscenza se non quella che gli deriva dalle sue capacità chiaroveggenti.

L'oggetto induttore[modifica | modifica sorgente]

Può accadere che un “paragnosta” venga invitato dai familiari di una persona scomparsa per rintracciarla, magari per mezzo di una mappa.

Alcuni soggetti, toccando un oggetto appartenuto ad una persona, riuscirebbero a ricostruire la storia del suo proprietario. Potrebbe trattarsi di un bottone o di un frammento degli abiti, nei quali il proprietario avrebbe lasciato tracce psichiche della propria emotività e personalità.

Ad esempio il noto sensitivo Uri Geller asserisce di riuscire a localizzare giacimenti di petrolio e di metalli preziosi semplicemente attraverso l'aria, volando a bassa quota a bordo di un piccolo aereo e tenendo la mano fuori dal finestrino.

Le teorie sulla capacità del paragnosta[modifica | modifica sorgente]

Nella letteratura pseudoscientifica, sono descritti casi in cui un oggetto può rappresentare un "appoggio", un "aiuto" per raggiungere lo stato psicologico adatto alla retrocognizione.
A fronte delle numerose ipotesi avanzate, una delle più accreditate sembra essere la teoria spiritista, la quale afferma che un oggetto o un fatto storico lasciano delle tracce immateriali legate alle persone o ai luoghi coinvolti. Il passato allora continuerebbe ad esistere come una scia impercettibile nel presente (teoria dell'Inconscio collettivo di Carl Gustav Jung).

Altra ipotesi accreditata è quella della Quarta Dimensione, che porrebbe il passato ed il futuro nell'unica dimensione temporale: il paragnosta, attraverso l'oggetto induttore o attraverso l'ipnosi (ma anche spontaneamente) riuscirebbe a leggere il passato ed il futuro come se fossero impressi su un'unica pagina.

Alcuni paragnosti famosi[modifica | modifica sorgente]

  • Jim Jones, tristemente famoso per la mattanza di Jonestown, in Guyana, quando egli avvelenò (in un suicidio di massa) centinaia di fedeli (18 novembre 1978).
  • Gerard Croiset, noto(?) per le sue presunte precognizioni (che gli si sarebbero presentate come la continuazione di vicende passate, che lui sosteneva fosse in grado di percepire sotto forma di visioni o di simboli personalizzati).