Paradize

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paradize
ArtistaIndochine
Tipo albumStudio
Pubblicazione14 maggio 2002
Dischi1
Tracce13
GenereNew wave
EtichettaColumbia
ProduttoreIndochine, Oli de Sat, Phil Delire
FormatiCD, download digitale
Indochine - cronologia
Album precedente
(2001)
Album successivo
(2004)
Singoli
  1. Punker
    Pubblicato: 2002
  2. J'ai demandé à la lune
    Pubblicato: 2002
  3. Mao Boy
    Pubblicato: 2002
  4. Le grand Secret
    Pubblicato: 2002
  5. Marilyn
    Pubblicato: 2003
  6. Un singe en hiver
    Pubblicato: 2003

Paradize è il nono album del gruppo musicale francese Indochine, pubblicato il 14 maggio 2002 dalla Columbia Records.

Ha venduto più di un milione di copie. È considerato il più grande successo della band.[1] L'album è dedicato alla memoria di Stéphane Sirkis.[2]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Questo è l'album che segna la resurrezione di Nicola Sirkis con i suoi Indochine. Gli anni novanta sono stati molto duri per il cantante sia perché gli Indochine perdono tutti i membri originari della band, e dall'abbandono di Dominique Nicolas, avvenuto nel 1994, si avvicendano tantissimi altri compositori a fianco dei fratelli Sirkis senza avere successo, e sia per la perdita del fratello gemello nel 1999.

Dopo i buoni risultati del tour di Dancetaria, Nicola si appresta a scrivere quello che sarebbe dovuto essere l'ultimo album degli Indochine. La z al posto della s vuole proprio significare che Nicola Sirkis, e la sua band, è arrivato alla fine della sua carriera, e che quello sarà il suo ultimo album. Per la scrittura delle musiche si avvale dell'aiuto di Oli de Sat, collaboratore del gruppo in precedenza ma mai nelle vesti di compositore. Le sue influenze musicali come i Nine Inch Nails o Marilyn Manson portano un'aria di modernità alle musiche. Tutti i testi sono scritti da Sirkis, ad esclusione di Paradize, Le nuit des fées, Comateen 1 e Dark (che scrive con altri autori) e di J'ai demandé à la lune e Un singe en hiver. J'ai demané à la lune diventa un duetto che Nicola canta con una bambina, Pauline Léonet, figlia di un suo amico e coautore di alcuni pezzi della band.

Electrastar è un omaggio di Sirkis al fratello scomparso nel 1999.[3] In Le grand Secret duetta con l'ex-bassista delle Hole, Melissa Auf der Maur. Sul video di Marilyn appare nuovamente l'ex-moglie di Nicola, Gwen B, che è la ragazza che esce dalla vasca piena di latte. Inoltre per la prima volta si vede quello che i fan chiamano un Indokiss, ovvero il bacio che Nicola Sirkis da a Boris Jardel all'inizio del video. Un singe un hiver è il pezzo di chiusura dell'album e racconta la carriera di Nicola e preannuncia la decisione di abbandonare le scene.[3]

A seguito del grande successo riscontrato dall'album, il più grande di tutta la carriera degli Indochine,[1] Nicola decide di continuare. I sei singoli estratti dall'album vendono complessivamente 1.500.000 copie. La tournée fa il tutto esaurito, e per celebrare il successo live della band esce il DVD e il live 3.6.3.[3]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Paradize – 4:49 (testo: Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  2. Electrastar – 5:30 (testo: Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  3. Punker – 2:50 (Nicola Sirkis)
  4. Mao Boy! – 5:42 (testo: Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  5. J'ai demandé à la lune – 3:29 (Mickael Furnon)
  6. Darkerque – 5:48 (testo: Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  7. Like a Moster – 3:56 (testo: Nicola Sirkis – musica: Jérome Soligny)
  8. Le grand Secret (feat. Melissa Auf der Maur) – 5:50 (testo: Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  9. Le nuit des fées – 4:58 (testo: Gérard Manset, Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  10. Marilyn – 5:55 (testo: Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  11. Le Manoir – 5:05 (testo: Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  12. Popstitute – 4:00 (testo: Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  13. Dark – 4:37 (testo: Rudy Leonet, Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  14. Comateen 1 – 6:07 (testo: Camille Laurens, Nicola Sirkis – musica: Nicola Sirkis, Olivier Gérard)
  15. Un singe en hiver – 3:46 (Jean Luis Murat)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le site officiel d'Indochine, su indo.fr.
  2. ^ Indochine interview, su zicline.com.
  3. ^ a b c Le hors série Rolling Stone spécial INDOCHINE, su rollingstone.fr (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2010).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock