Paprika (film 1991)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paprika
Paprika Film.jpg
Debora Caprioglio in una scena del film
Titolo originale Paprika
Paese di produzione Italia
Anno 1991
Durata 104 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico, erotico
Regia Tinto Brass
Soggetto John Cleland
Sceneggiatura Tinto Brass,
Bernardino Zapponi
Produttore Augusto Caminito
Produttore esecutivo Giuseppe Auriemma
Fotografia Silvano Ippoliti
Montaggio Tinto Brass
Musiche Riz Ortolani
Scenografia Paolo Biagetti
Costumi Jost Jakob
Trucco Claudia Shone,
Dirk Naastepad
Interpreti e personaggi

Paprika è un film (liberamente tratto dal romanzo Fanny Hill di John Cleland) del 1991 diretto da Tinto Brass e interpretato da Debora Caprioglio.

Il regista ripropose con questo film l'opportunità del ripristino delle case di tolleranza, tema puntualmente dibattuto dall'opinione pubblica italiana; i detrattori presero spunto dal film per dimostrare quanto la piaga dello sfruttamento fosse comunque presente.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1948, Mimma decide di lavorare in una casa di tolleranza per un breve periodo, la cosiddetta "quindicina", per aiutare economicamente il fidanzato Nino e sposarsi, assumendo così il nome d'arte "Paprika" dopo avere assaggiato un gulasch.
Quando scopre che Nino è in realtà un lestofante che vuole solo sfruttarla, non le resta che proseguire nel mestiere, considerata poi la schedatura giudiziaria per tutte le prostitute, frequentando diverse case dentro e fuori l'Italia, conoscendo i più diversi personaggi, sia benevoli che sordidi, fino a quando, poco prima dell'avvento della legge Merlin che dispone la chiusura di tutte le case di tolleranza, riesce a sistemarsi sposando il conte Bastiano, un anziano e ricco cliente.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Da sottolineare la presenza delle attrici Tiziana D'Arcangelo e Nina Soldano, già figuranti nel varietà RAI Indietro tutta di Renzo Arbore; la seconda interpreta una giornalista che svolge un'inchiesta su ciò che accade all'interno delle case chiuse, una scena che rappresenta uno dei momenti più erotici, trasgressivi e coinvolgenti di tutto il film.

Nel cast erano originariamente inclusi anche Luca Lionello e il pornoattore Roberto Malone ma le loro scene furono tagliate in fase di montaggio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]