Papaoutai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Papaoutai
Papaoutai video.jpeg
Screenshot tratto dal video del brano
ArtistaStromae
Tipo albumSingolo
Pubblicazione13 maggio 2013
Durata3:51
Album di provenienzaRacine carrée
GenereElettropop[1]
Power pop
FormatiDownload digitale
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[2]
(vendite: 15 000+)
Stati Uniti Stati Uniti[3]
(vendite: 500 000+)
Dischi di platinoBelgio Belgio (3)[4]
(vendite: 90 000+)
Danimarca Danimarca[5]
(vendite: 90 000+)
Italia Italia (2)[6]
(vendite: 100 000+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[7]
(vendite: 20 000+)
Svizzera Svizzera (2)[8]
(vendite: 60 000+)
Stromae - cronologia
Singolo precedente
(2010)
Singolo successivo
(2013)
Logo
Logo del disco Papaoutai

Papaoutai (Papa où t'es, [papautɛ], lett. "Dove sei papà?") è un singolo del musicista belga Stromae. La canzone è stata pubblicata il 13 maggio 2013 in Belgio come singolo estratto dal suo secondo album Racine carrée (2013). Il brano ha raggiunto il 1º posto in Belgio e in Francia, e in Belgio è stato il più venduto dell'anno.[senza fonte]

Video musicale[modifica | modifica wikitesto]

Nel video viene mostrato un bambino che cerca di interagire con il padre (interpretato da Stromae) che siede su una poltrona con un'espressione che ricorda quella di un manichino mentre gli altri bambini danzano insieme ai propri padri. Nel finale il bambino si siede a fianco del padre assumendo la stessa rigida posizione. Il video ha ricevuto oltre 850 milioni di visualizzazioni (a novembre 2021) ed è anche il video in lingua francese più visto di sempre su YouTube.[9]

Significato[modifica | modifica wikitesto]

Il controverso significato del video rimase nascosto fino a quando Stromae lo rivelò in un'intervista: il video è una sorta di interpretazione da parte dell'artista della sua infanzia vissuta in mancanza del padre, ucciso nel genocidio del Ruanda,[10] quindi: Il significato della canzone Papaoutai, deriva dal dolore provato dal cantautore dopo aver scoperto la morte di suo padre durante una guerra civile. La canzone è quindi una sorta di appello al padre defunto.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Papaoutai – 3:51
  2. Papaoutai (Extended) – 6:18
  3. Papaoutai (Mystique Remix) – 5:01
  4. Papaoutai (Nicolaz Remix) – 5:52
  5. Papaoutai (Liam Summers Remix) – 4:04

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2013-2014) Posizione
massima
Austria[11] 3
Belgio (Fiandre)[12] 3
Belgio (Vallonia)[13] 1
Canada[14] 70
Finlandia[15] 4
Francia[16] 1
Germania[17] 6
Italia[18] 10
Paesi Bassi[19] 2
Repubblica Ceca[20] 10
Spagna[21] 36
Svizzera[22] 4

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2013) Posizione
Austria[23] 44
Belgio (Fiandre)[24] 9
Belgio (Vallonia)[25] 1
Francia[26] 4
Paesi Bassi[27] 6
Svizzera[28] 22
Classifica (2014) Posizione
Italia[29] 36

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ allmusic.com, https://www.allmusic.com/album/papaoutai-mw0002546901.
  2. ^ (DE) Stromae - Papaoutai – Gold & Platin, su IFPI Austria. URL consultato il 18 marzo 2021.
  3. ^ (EN) Stromae - Papaoutai – Gold & Platinum, su Recording Industry Association of America. URL consultato il 18 marzo 2021.
  4. ^ (NL) GOUD EN PLATINA - singles 2013, su Ultratop. URL consultato il 18 marzo 2021.
  5. ^ (DA) Papaoutai, su IFPI Danmark. URL consultato il 9 novembre 2021.
  6. ^ Papaoutai (certificazione), su FIMI. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  7. ^ (NL) Goud/Platina, su nvpi.nl, NVPI. URL consultato il 12 gennaio 2021.
  8. ^ (DE) Edelmetall, su Schweizer Hitparade. URL consultato il 18 marzo 2021.
  9. ^ (EN) Papaoutai - Stromae, su Vevo. URL consultato il 16 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 9 giugno 2013).
  10. ^ (EN) Scott Sayare, Stromae: Disillusion, With a Dance Beat, in The New York Times, 14 ottobre 2013. URL consultato il 16 luglio 2021.
  11. ^ (DE) Stromae - Papaoutai, su austriancharts.at, austriancharts.com. URL consultato il 2 giugno 2014.
  12. ^ (NL) Stromae - Papaoutai, su ultratop.be. URL consultato il 2 giugno 2014.
  13. ^ (FR) Stromae - Papaoutai, su ultratop.be. URL consultato il 2 giugno 2014.
  14. ^ (EN) Stromae Albums & Songs Chart History, su billboard.com, Billboard. URL consultato il 2 giugno 2014.
  15. ^ (EN) Stromae - Papaoutai, su finnishcharts.com. URL consultato il 2 giugno 2014.
  16. ^ (FR) Stromae - Papaoutai, su lescharts.com. URL consultato il 2 giugno 2014.
  17. ^ (DE) Stromae - Papaoutai, su officialcharts.de, Media Control Charts. URL consultato il 2 giugno 2014.
  18. ^ Classifica Italiana, su fimi.it.
  19. ^ (NL) Stromae - Papaoutai, su dutchcharts.nl. URL consultato il 2 giugno 2014.
  20. ^ (CS) Hitparáda - RADIO TOP100 Oficiální, su ifpicr.cz, IFPI. URL consultato il 2 giugno 2014.
  21. ^ (EN) Stromae - Papaoutai, su spanishcharts.com. URL consultato il 2 giugno 2014.
  22. ^ (EN) Stromae - Papaoutai, su hitparade.ch. URL consultato il 2 giugno 2014.
  23. ^ (DE) JAHRESHITPARADE SINGLES 2013, su austriancharts.at, austriancharts.com. URL consultato il 2 giugno 2014.
  24. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN 2013, su ultratop.be. URL consultato il 2 giugno 2014.
  25. ^ (FR) RAPPORTS ANNUELS 2013, su ultratop.be. URL consultato il 2 giugno 2014.
  26. ^ (FR) FRANCE : QUI A VENDU LE PLUS DE SINGLES EN 2013 À CE JOUR ?, su ozap.com, Pure Mèdias. URL consultato il 2 giugno 2014.
  27. ^ (NL) JAAROVERZICHTEN - SINGLE 2013, su dutchcharts.nl. URL consultato il 2 giugno 2014.
  28. ^ (EN) SWISS YEAR-END CHARTS 2013, su swisscharts.com, hitparade.ch. URL consultato il 2 giugno 2014.
  29. ^ CLASSIFICHE ANNUALI 2014 "TOP OF THE MUSIC" FIMI-GfK: UN ANNO DI MUSICA ITALIANA, su fimi.it. URL consultato il 19 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica