Paolo Vinci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Vinci
Dati biografici
Paese Stati Uniti Stati Uniti
Familiari Eugenio Vinci
Francesco Vinci
Piero Vinci (fratelli)
Rugby a 15 Rugby union pictogram.svg
Union Italia Italia
Ruolo Tre quarti centro
Ritirato 1938
Carriera
Attività di club¹
1928-29S.S. Lazio6 (3)
1929-30A.S. Roma? (?)
1930-37Rugby Roma49 (?)
1937-38A.S. Roma? (?)
Attività da giocatore internazionale
1929-1933Italia Italia3 (3)

1. A partire dalla stagione 1995-96 le statistiche di club si riferiscono ai soli campionati maggiori professionistici di Lega
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito

Paolo Vinci, talvolta menzionato come Vinci II (New York, 6 febbraio 1908), è stato un rugbista a 15 italiano, tre quarti centro di S.S. Lazio, A.S. Roma e Rugby Roma e 3 volte internazionale per l'Italia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paolo nasce a New York, negli Stati Uniti d'America, figlio dell'ambasciatore italiano Adolfo Vinci. È il secondo di quattro fratelli: Eugenio, Francesco e Piero; insieme sono noti come i fratelli Vinci e soprannominati i Quattro moschettieri, pionieri del rugby a 15 in Italia e fondatori della sezione rugby della Polisportiva S.S. Lazio. Nel 1929 confluì insieme a tutti gli altri giocatori nella nascente A.S. Roma, seguendo un'analoga iniziativa già fatta nel calcio; questa Società durò appena un anno: il 21 ottobre 1930, in una residenza di famiglia in via di Villa Torlonia 10, insieme al padre Adolfo, ai tre fratelli e ad un gruppo di amici e giocatori ex S.S. Lazio, tra i quali: Goffredo ed Ernesto Nathan, Giorgio Riganti, Franco Chiaserotti, Armando Nisti, Bruno Romei, Aldo Rusticali, Carlo Raffo, Giuseppe Bigi e Romolo Marcellini, fondarono la Rugby Roma.[1]

Paolo gioca a livello di club con S.S. Lazio, A.S. Roma e Rugby Roma, cedendo nelle finali scudetto 1928-29[2] e 1930-31 rispettivamente contro Ambrosiana e Amatori Milano; nelle stagioni di Divisione Nazionale 1934-35 e 1936-37 si laurea Campione d'Italia con la Rugby Roma, vincendo il primo e il secondo scudetto della storia del club romano.

Il 20 maggio 1929, allo Stadio dell’Esposizione del Montjuïc di Barcellona, l'Italia fa il suo esordio internazionale nel primo test match ufficiale della sua storia contro la Spagna; davanti ai Reali di Spagna e circa 100 000 spettatori, accorsi per assistere alla prima partita della storia delle due nazionali. Paolo è nel XV titolare con la maglia nº 12 insieme a Francesco e Piero, mentre Eugenio subentrerà dalla panchina; la partita terminò 9-0 in favore degli spagnoli.

Il 29 maggio 1930, a Milano, disputa, contro la Spagna, quella che sarà la rivincita della prima partita internazionale dell'Italia a Barcellona; il match viene vinto col punteggio di 3-0, grazie alla sua meta.

Il 12 febbraio 1933 disputa l'ultimo test match ufficiale, con la maglia azzurra, contro la Cecoslovacchia.

Nel 1951, insieme al fratello Francesco, nella tradizione di famiglia, fondarono una nuova squadra: la Rugby Lazio che, nei colori della maglia bianca e azzurra, si differenziava dalla Lazio del 1927, bianca e celeste.[3]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per la gloria del nome. Gli 80 anni della Rugby Roma, su alessandrofusco.com. URL consultato il 27 agisti 2019.
  2. ^ La finalissima del 1.º Campionato italiano di rugby, su dlib.coninet.it, Il Littoriale, 15 giugno 1929, pp. 1-2. URL consultato l'11 settembre 2019.
  3. ^ DOMANI A ROMA LA PRESENTAZIONE DELLA MOSTRA DEDICATA AI FRATELLI VINCI, su ilmuseodelrugby.it. URL consultato il 27 agisti 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]