Paolo Simoni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Simoni
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica d'autore[1]
Pop
Periodo di attività musicale2000 – in attività
StrumentoPianoforte
EtichettaSony Music, Warner Music Italy
Album pubblicati5
Studio5
Sito ufficiale

Paolo Simoni (Comacchio, 8 gennaio 1985) è un cantautore e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Paolo Simoni nasce a Comacchio (FE) l'8 gennaio 1985. Il suo paese natale è Porto Garibaldi, sulla riviera Adriatica.[2]

Sin da piccolo si appassiona di musica e parole. Ha frequentato il Conservatorio di Ferrara dove ha studiato pianoforte e teoria musicale. È allievo del maestro Pasquale Morgante con cui, più tardi, perfeziona lo studio dello strumento e della composizione musicale, e di Iskra Menarini, con cui ha studiato canto moderno.[3]

Gli esordi e il primo album[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2000 si iscrive e partecipa all'Accademia della Canzone di Sanremo.

Nel 2004 consegue il diploma di sassofono presso la Scuola di Musica Moderna di Ferrara. Nello stesso anno si iscrive e vince al Festival di San Marino classificandosi al secondo posto. In questa occasione si esibisce a Milano in piazza Duomo con altri artisti del panorama musicale italiano e nella stessa stagione partecipa al TIM tour. Qui il sodalizio discografico con la Warner Music. La grande familiarità con la musica d'autore italiana lo porta a suonare in vari club e feste come jukebox e in altrettante serate per intrattenere gli amici. L'anno successivo viene invitato al Buskers Festival di Ferrara.[2]

Simoni pubblica il suo primo disco nel 2007, Mala tempora. L'anno successivo arriva tra i finalisti del Premio Tenco per miglior opera prima.[4]

Nel 2009 al Festival degli Autori di Sanremo, è vincitore del premio per il miglior arrangiamento musicale nella sezione Big e nello stesso anno arriva vincitore anche a Musicultura (Premio Recanati) con il brano Fiori su sassi.[5] Ha collaborato con Mauro Pagani per la presentazione del libro "Foto di gruppo con chitarrista". Ha suonato dal vivo con Massimo Ranieri e con Giorgio Conte.[6]

Nel giugno 2010 apre il Tour Stadi 2010 di Luciano Ligabue esibendosi a San Siro e allo Stadio Olimpico.

L'incontro con Lucio Dalla e la partecipazione al Festival[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 2011 pubblica il singolo Crisi. Dall'incontro con Claudio Maioli (manager di Luciano Ligabue) nasce il secondo lavoro discografico intitolato Ci voglio ridere su approdando in Sony Music. L'album contiene anche il brano Io sono io e tu sei tu in cui il cantautore duetta con Lucio Dalla. Il videoclip del brano, registrato con Dalla, viene pubblicato a pochi mesi dalla scomparsa del cantautore bolognese.[7]

Il 3 dicembre 2012 viene comunicata la sua ammissione al Festival di Sanremo 2013 nella categoria Giovani con il brano Le parole. La redazione musical-letteraria del Premio Lunezia decreta il testo de Le parole tra i più belli delle canzoni in gara al Festival di Sanremo 2013 per «la sua capacità di descrivere le potenzialità di questo strumento della fonetica».[8]

Il 14 febbraio 2013 esce Ci voglio ridere su – Le parole Edition (Sony Music), la nuova edizione del disco con il brano del Festival di Sanremo 2013 Le Parole e un secondo inedito dal titolo E perché mai dovrei scendere dalle nuvole? Nel 2013 si esibisce al Blue Note a Milano, al 4 marzo (Ciao Lucio) su Rai 1, al Premio Giorgio Gaber 2013.

Sempre nell'estate 2013 viene selezionato come concorrente nella categoria Giovani per il Summer Festival con il brano Ettore.

Il ritorno in Warner con Si narra di rane che hanno visto il mare[modifica | modifica wikitesto]

Dal 4 aprile 2014 è in rotazione radiofonica il singolo Che stress che vede il ritorno dell'artista in casa Warner Music Italy.[9] A giugno 2014 partecipa tra i Big della seconda edizione del Summer Festival con i brani Che stress e 15 agosto. A maggio 2014 apre il Mondovisione Tour di Luciano Ligabue esibendosi nuovamente a San Siro e allo Stadio Olimpico davanti migliaia di spettatori.[10]

Il 15 luglio 2014 pubblica il quarto album Si narra di rane che hanno visto il mare contenente 9 inediti.[11] Il 17 luglio 2014 pubblica il videoclip di 15 Agosto, secondo singolo estratto da Si narra di rane che hanno visto il mare. Il videoclip racconta per immagini e con sguardo ironico tutti gli stereotipi dell'italiano medio in vacanza in una tipica giornata di Ferragosto.[12]

A novembre 2014 inizia il Club Tour 2014/2015 con una serie di concerti piano e voce in giro per tutta l'Italia.[13]

Nel marzo 2015 apre il Vivavoce Tour di Francesco De Gregori al Palalottomatica di Roma e al Mediolanum Forum di Milano.[14]

Il 5 giugno 2015 esce il nuovo singolo Ci sono donne speciali seguito dal videoclip.[15]

Nel giugno 2015 il cantante partecipa al Summer Festival con il brano Ci sono donne speciali, ottenendo una nomination per il Premio RTL 102.5 - Canzone dell'estate.

Il concept album Noi siamo la scelta[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 aprile 2016 esce il singolo Io non mi privo che anticipa il quinto album Noi siamo la scelta pubblicato il 20 maggio. Si tratta di un concept album che ruota attorno a un tema centrale, quello dei trentenni di oggi che vivono in Italia o che sono emigrati all'estero, in cerca di qualcosa che questo Paese non è in grado di offrire loro.[16] Il videoclip di "Io non mi privo" è stato ambientato nel labirinto del Cai San Pelagio a Due Carrare (PD).[17]

Il 6 giugno 2016 si esibisce all'arena di Verona in occasione dei Wind Music Awards.[18]

Il 28 ottobre 2016 esce il secondo singolo Ci sono cose che ti cambiano, estratto dall'album Noi siamo la scelta.[19]

Simoni autore[modifica | modifica wikitesto]

Simoni è autore del brano Lettera interpretato da Gianni Morandi nell'album D'amore D'autore[20] e di Davvero , brano interpretato da Loredana Bertè nell'album Libertè.[21]

Simoni scrittore[modifica | modifica wikitesto]

Il 7 febbraio 2018 Aliberti editore pubblica Un pesce rosso, due lesbiche e un camper il suo primo romanzo.[22]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2013 partecipa come giurato alla 56ª edizione dello Zecchino d'Oro.[23]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Videoclip[modifica | modifica wikitesto]

  • 2012 - Non sono solo canzonette
  • 2012 - Io sono io e tu sei tu (feat. Lucio Dalla)
  • 2013 - Le parole
  • 2013 - Ettore
  • 2014 - Che stress
  • 2014 - 15 agosto
  • 2015 - Ci sono donne speciali
  • 2016 - Io non mi privo
  • 2016 - Ci sono cose che ti cambiano

Autore per altri e collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Canzone Anno Album di provenienza
Io sono io e tu sei tu (Paolo Simoni feat. Lucio Dalla) 2012 Ci voglio ridere su
Lettera scritta per Gianni Morandi 2017 D'amore D'autore
Davvero scritta per Loredana Bertè 2018 LiBertè

Partecipazioni al Festival di Sanremo[modifica | modifica wikitesto]

Anno - Edizione
(categoria)
Brani
(autori – compositori)
Brano in gara
  • Le parole
    (Paolo Simoni)

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Il Velino.it, Musica, venerdì De Gregori in concerto a Roma. Apre il cantautore Paolo Simoni, su ilvelino.it, 17 marzo 2015. URL consultato l'11 aprile 2015.
  2. ^ a b Paolo Simoni Official WebSite, su Paolo Simoni Official WebSite. URL consultato il 25 marzo 2017.
  3. ^ paolosimoni.it, Biografia autore, su simonichannel.com. URL consultato il 6 aprile 2015.
  4. ^ a b Artisti in concorso al Premio Tenco 2007, su clubtenco.it. URL consultato il 6 aprile 2015.
  5. ^ a b Vincitori Musicultura 2009, su musicultura.it. URL consultato il 6 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 10 aprile 2015).
  6. ^ Mauro Pagani e Massimo Ranieri a "Dallo sciamano allo showman", su guide.supereva.it, 9 novembre 2009. URL consultato il 6 aprile 2015.
  7. ^ MelodicaMente, Io sono io e tu sei tu, il duetto di Lucio Dalla e Paolo Simoni, su melodicamente.com, 12 settembre 2012. URL consultato il 6 aprile 2015.
  8. ^ a b La Stampa (spettacoli), Sanremo, per il Premio Lunezia i testi più belli sono di Malika ed Elio. Paolo Simoni si distingue fra i giovani, su lastampa.it, 10 febbraio 2013. URL consultato il 6 aprile 2015.
  9. ^ All Music Italia, Paolo Simoni torna con il nuovo singolo "Che stress", su allmusicitalia.it, 4 aprile 2014. URL consultato il 6 aprile 2015.
  10. ^ Panorama, Ligabue ritorna negli stadi, su archivio.panorama.it, 31 maggio 2010. URL consultato il 6 aprile 2015 (archiviato dall'url originale il 3 aprile 2015).
  11. ^ TgCom24, Paolo Simoni, coraggioso come le rane, su tgcom24.mediaset.it, 18 luglio 2014. URL consultato il 6 aprile 2015.
  12. ^ Note Spillate, Prima di De Gregori, Paolo Simoni: ecco il nuovo che avanza, su notespillate.com, 17 marzo 2015. URL consultato il 6 aprile 2015.
  13. ^ All Music Italia, Paolo Simoni: voce e piano club-tour (le date), su allmusicitalia.it, 26 novembre 2014. URL consultato il 6 aprile 2015.
  14. ^ La Nuova Ferrara, Simoni a Roma e Milano aprirà i concerti del mito De Gregori [collegamento interrotto], su lanuovaferrara.gelocal.it, 18 marzo 2015. URL consultato il 6 aprile 2015.
  15. ^ Radio Italia, Paolo Simoni: "Ci sono donne speciali" su Radio Italia, su radioitalia.it, 5 giugno 2015. URL consultato il 20 giugno 2015.
  16. ^ Rtl 102.5, "Noi siamo la scelta per non arrendersi", su rtl.it, 19 maggio 2016. URL consultato il 22 maggio 2016.
  17. ^ F&P Group, "È online il video di "Io non mi privo"", su fepgroup.it, 22 aprile 2016. URL consultato il 22 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2017).
  18. ^ Musica: Paolo Simoni all’Arena di Verona per i Wind Music Awards, su www.adnkronos.com. URL consultato il 26 marzo 2017.
  19. ^ «Ci sono cose che ti cambiano», il nuovo video di Paolo Simoni in anteprima su Corriere - Corriere TV, su video.corriere.it. URL consultato il 26 marzo 2017.
  20. ^ Gianni Morandi svela la tracklist e la copertina di “d’amore d’autore”, su Radio Italia. URL consultato l'11 novembre 2017.
  21. ^ Simoni autore per Loredana Bertè | Paolo Simoni Pagina Ufficiale, su Paolo Simoni Pagina Ufficiale. URL consultato il 2 ottobre 2018.
  22. ^ Un pesce rosso, due lesbiche e un camper, in Compagnia Editoriale Aliberti. URL consultato il 5 febbraio 2018.
  23. ^ I 12 brani del56° Zecchino d’Oro, su Antoniano. URL consultato il 26 marzo 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 2009 - Il suono intorno alle parole di Annino La Posta (Zona Edizioni)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie