Paolo Russo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Russo
Paolo Russo daticamera 2018.jpg

Presidente della 13ª Commissione Agricoltura della Camera dei deputati
Durata mandato 12 maggio 2008 –
14 marzo 2013
Predecessore Marco Lion
Successore Luca Sani

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 9 maggio 1996
Legislature XIII, XIV, XV, XVI, XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
XIII-XV: Forza Italia
XVI: Il Popolo della Libertà
XVII-XVIII: Forza Italia
Circoscrizione Campania 1
Collegio XIII-XIV: Nola
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Forza Italia (dal 2013)
In precedenza:
PSDI (fino al 1994)
FI (1994-2009)
PdL (2009-2013)
Titolo di studio Laurea in Medicina e Chirurgia
Università Università Cattolica del Sacro Cuore
Professione Oculista

Paolo Russo (Marigliano, 22 gennaio 1960) è un politico e scrittore italiano, deputato per Forza Italia dal 1996.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha frequentato l'Università Cattolica del Sacro Cuore e si è laureato alla facoltà di Medicina e Chirurgia. È dirigente della divisione oculistica dell'Azienda ospedaliera dei Colli di Napoli, in aspettativa per il mandato parlamentare. Vive a Marigliano.

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Comincia la sua attività politica nel Partito Socialista Democratico Italiano, ma con la discesa in campo nella politica di Silvio Berlusconi confluisce in Forza Italia, diventandone membro.

È deputato dal 1996. Nella XIV legislatura è stato Presidente della Commissione Parlamentare d'inchiesta sul ciclo dei rifiuti e sulle attività illecite ad esso connesse.

Nella XVI legislatura è stato Presidente della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati.

Nella XVII legislatura è stato eletto deputato nelle file del Pdl.

Il 16 novembre 2013, con la sospensione delle attività del Popolo della Libertà, aderisce a Forza Italia[1][2].

Alle elezioni politiche del 2018 viene rieletto deputato per la sesta volta consecutiva.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

È autore[senza fonte] di un libro su Saragat dal titolo "Giuseppe Saragat. Da Palazzo Barberini alla casa dei moderati".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ XVII Legislatura - XVII Legislatura - Deputati e Organi Parlamentari - Composizione gruppi Parlamentari, su www.camera.it. URL consultato il 23 aprile 2021.
  2. ^ L’addio al Pdl (in frantumi), rinasce Forza Italia, su Corriere della Sera, 16 novembre 2013. URL consultato il 23 aprile 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44335866 · ISNI (EN0000 0001 1442 8954 · LCCN (ENnb2005012192 · BNF (FRcb12149488z (data) · WorldCat Identities (ENlccn-nb2005012192