Paolo Petrocelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Petrocelli presso UNESCO a Parigi

Paolo Petrocelli (Roma, 15 ottobre 1984) è un manager, accademico e giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ha conseguito un Dottorato di Ricerca in Economia, Marketing e Creatività presso l’Università IULM di Milano e un Executive MBA presso la SDA Bocconi School of Management;[1] è diplomato in violino presso il Conservatorio Santa Cecilia di Roma,[2] laureato in Lettere presso l'Università Sapienza di Roma e in Musica presso la Middlesex University di Londra. Petrocelli è stato ricercatore presso la Yale University[3] e il MIT Media Lab.[4]

Diplomazia Culturale e Diplomazia Musicale[modifica | modifica wikitesto]

In qualità di ambasciatore della diplomazia culturale e della diplomazia musicale,[5][6][7] serve in ruoli istituzionali nazionali ed internazionali, impegnandosi nella realizzazione di progetti di cooperazione culturale tra Europa, Medio Oriente, Africa, Asia e Stati Uniti[8].

È fondatore e presidente di EMMA for Peace (Euro-Mediterranean Music Academy), organizzazione non governativa per la promozione della diplomazia musicale tra Europa e Medio Oriente (presidente Onorario, M°Riccardo Muti)[9] e coordinatore del programma di diplomazia culturale del Summit Mondiale dei Premi Nobel per la Pace.[10]

Petrocelli è inoltre co-fondatore e presidente onorario dell'Associazione Italiana Giovani per l'UNESCO,[11][12][13] la più grande organizzazione giovanile[14][15] a livello internazionale[16][17] all'interno del sistema UNESCO,[18] di cui è stato presidente dal 2014 al 2019.[19]

Dal 2019, è advisor culturale della band britannica Coldplay.[20]

Dal 2020, è membro ufficiale del Forbes Nonprofit Council [21][22] e Direttore per l'Italia di Sound Diplomacy.[23][24]

È coordinatore del programma professionale di diplomazia culturale e cooperazione internazionale presso l'Istituto per gli studi di politica internazionale.[25]

Consigli di Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2014, su nomina del presidente della Regione Lazio, entra nel consiglio di amministrazione[26][27][28] della Fondazione Teatro dell’Opera di Roma.[29][30]

Nel 2015, la fondazione Monte dei Paschi di Siena lo nomina membro del consiglio di amministrazione della fondazione Accademia Musicale Chigiana di Siena[31][32]ed il ministro dell’Istruzione, dell'Università e della Ricerca lo nomina membro del consiglio di amministrazione del Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia, in qualità di esperto MIUR.[33][34]

Dal 2020, è membro del consiglio direttivo dell'Associazione per l'Economia della Cultura[35] e membro onorario del consiglio di amministrazione dell'Orchestra di Stato dell'Armenia.[36]

Carriera Accademica[modifica | modifica wikitesto]

Docente universitario a contratto di management culturale e musicale presso la Libera università internazionale degli studi sociali Guido Carli, la John Cabot University[37], l'Accademia Teatro alla Scala,[38] la Business School del Sole24Ore,[1] il Conservatorio di Musica di Adria.[39]

È autore di saggi musicologici [40] e pubblicazioni sull'economia e la gestione del settore culturale.[41][42][43]

È fondatore e ideatore di Opera Futura, il primo osservatorio italiano indipendente dell’opera lirica.[44]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • The Resonance of a Small Voice: William Walton and the Violin Concerto in England between 1900 and 1940, Newcastle upon Tynem, Cambridge Scholars Publishing, 2010. ISBN 9781443817219.
  • Il fascino di una voce fievole: William Walton e il concerto per violino e orchestra in Inghilterra tra il 1900 e il 1940, Roma, Aracne, 2012. ISBN 9788854847828.
  • The Evolution of Opera Theatre in the Middle East and North Africa, Newcastle upon Tynem, Cambridge Scholars Publishing, 2019. ISBN 9781527539785.
  • I teatri d'opera in Medio Oriente e Nord Africa, Roma, Carocci Editore, 2019. ISBN 9788843098569.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b PAOLO PETROCELLI, su 24ORE Business School. URL consultato il 18 giugno 2020.
  2. ^ Giornale dello Spettacolo, https://giornaledellospettacolo.globalist.it/musica/2019/06/08/il-pd-bussetti-ha-messo-al-conservatorio-un-geriatra-con-nonna-e-prozio-nel-curriculum-2042596.html. URL consultato il 17 novembre 2019.
  3. ^ Paolo Petrocelli | Beinecke Rare Book & Manuscript Library, su beinecke.library.yale.edu. URL consultato il 15 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 2 ottobre 2018).
  4. ^ (EN) The Future of Opera Houses, MIT Media Lab, Boston, USA, su Paolo Petrocelli. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  5. ^ Paolo Petrocelli: ambasciatore del multiculturalismo di Roma, su lavocedinewyork.com. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  6. ^ (EN) Paolo Petrocelli, su UNAOC Fellowship. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  7. ^ (EN) Paolo Petrocelli | Nobel Peace Summit, su nobelpeacesummit.com. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  8. ^ (EN) Paolo Petrocelli, su The Dallas Opera. URL consultato il 17 novembre 2019.
  9. ^ Music Diplomacy: una piattaforma per la diplomazia musicale, su Amadeus, 6 maggio 2020. URL consultato il 18 giugno 2020.
  10. ^ (EN) Paolo Petrocelli | Nobel Peace Summit, su nobelpeacesummit.com. URL consultato il 17 luglio 2020.
  11. ^ (EN) Paolo Petrocelli, su UNESCO, 20 ottobre 2017. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  12. ^ (EN) Unesco Giovani | Associazione Italiana Giovani per l'UNESCO, su unescogiovani.it. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  13. ^ Nasce il Comitato Giovani UNESCO. Intervista al presidente Paolo Petrocelli, su Rai Teche. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  14. ^ "Unesco Edu", alla Camera le "buone pratiche" dei giovani guidati da Petrocelli, su AgCult, 5 dicembre 2017. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  15. ^ di Carmine Zaccaro, Testimonianze italiane, intervista a Paolo Petrocelli, su Linkiesta, 25 luglio 2012. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  16. ^ Con il presidente dei Giovani dell'Unesco per parlare di valorizzazione del Patrimonio delle aree interne, su attivaree.fondazionecariplo.it. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  17. ^ Unesco giovani: energie e competenze per la cultura e l’arte, su italia-informa.com. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  18. ^ Associazione Italiana Giovani per l'UNESCO, su ispionline.it.
  19. ^ Maria Novella Topi, Unesco giovani: a Trieste concluso Youth Forum dedicato al rapporto scienza-ambiente, su OnuItalia, 8 aprile 2019. URL consultato il 18 giugno 2020.
  20. ^ La diplomazia musicale per fare la differenza: parla Paolo Petrocelli • Le Salon Musical, su Le Salon Musical, 31 maggio 2020. URL consultato il 18 giugno 2020.
  21. ^ (EN) Paolo Petrocelli, su Forbes Councils. URL consultato il 18 giugno 2020.
  22. ^ Paolo Petrocelli, Founder of EMMA for Peace, accepted into Forbes Nonprofit Council, su PRWeb. URL consultato il 18 giugno 2020.
  23. ^ «La musica ha bisogno di competenze, la società di artisti impegnati», su www.reset.it. URL consultato il 17 luglio 2020.
  24. ^ Sound Diplomacy arriva in Italia e lancia la campagna #BetterMusicCities, su diregiovani.it, 15 luglio 2020. URL consultato il 17 luglio 2020.
  25. ^ ispi.master@ispionline.it, PROFESSIONAL CERTIFICATE "DIPLOMAZIA CULTURALE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE", su ISPI, 12 maggio 2020. URL consultato il 17 luglio 2020.
  26. ^ TEATRO DELL’OPERA: LA REGIONE NOMINA IN CDA FRANCESCA CHIALA’ E PAOLO PETROCELLI, su Regione Lazio. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  27. ^ Opera Roma: Zingaretti, in cda Chialà e Petrocelli - Cultura, su ANSA.it, 19 dicembre 2013. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  28. ^ Opera di Roma, cda al completo: arrivano i nomi di Comune e Regione, su RomaToday. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  29. ^ (EN) Forbes, https://www.forbes.com/sites/liviahengel/2019/04/11/romes-opera-house-is-the-citys-silver-lining/#4a3e792e14a4. URL consultato il 17 novembre 2019.
  30. ^ (EN) Amadeus Magazine, https://amadeusmagazine.it/rubrica-news/mandati-in-scadenza-e-nomine-nelle-principali-istituzioni-musicali-di-palermo/. URL consultato il 17 novembre 2019.
  31. ^ Fondazione Monte dei Paschi di Siena., Raccolta d'arte senese., 2009, OCLC 888716098. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  32. ^ Dagospia, https://www.dagospia.com/rubrica-29/cronache/quot-ma-io-avevo-zio-musicista-quot-geriatra-nominato-205350.htm. URL consultato il 17 novembre 2019.
  33. ^ consiglio di amministrazione, su www.conservatoriovenezia.net. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  34. ^ Open, https://www.open.online/2019/06/07/geriatra-diventa-presidente-del-conservatorio-di-palermo-sul-curriculum-cita-la-nonna-e-lo-zio-musicista/. URL consultato il 17 novembre 2019.
  35. ^ Organi societari – Economia della cultura, su economiadellacultura.it. URL consultato il 18 giugno 2020.
  36. ^ (RU) ARMENIAN STATE SYMPHONY ORCHESTRA | Sergey Smbatyan | Yerevan |, su ASSO. URL consultato il 18 giugno 2020.
  37. ^ (EN) I nostri docenti, su www.johncabot.edu. URL consultato il 15 febbraio 2019 (archiviato dall'url originale il 16 febbraio 2019).
  38. ^ Master - faculty, su Accademia Teatro Alla Scala. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  39. ^ Paolo Petrocelli, su Conservatorio di Musica Antonio Buzzolla. URL consultato il 18 giugno 2020.
  40. ^ Opera a Baghdad, su Linkiesta. URL consultato il 17 novembre 2019.
  41. ^ Il fascino di una voce fievole. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  42. ^ Cambridge Scholars Publishing. The Resonance of a Small Voice, su www.cambridgescholars.com. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  43. ^ Nuova rivista musicale italiana, Edizioni Rai Radiotelevisione Italiana., 2008. URL consultato il 15 febbraio 2019.
  44. ^ Opera Futura: un osservatorio per la lirica di domani, su Amadeus, 10 giugno 2020. URL consultato il 18 giugno 2020.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN120830104 · ISNI (EN0000 0001 1008 2888 · SBN IT\ICCU\LIGV\011968 · Europeana agent/base/127728 · LCCN (ENno2011001621 · WorldCat Identities (ENlccn-no2011001621
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie