Paolo Giordano (giornalista)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paolo Giordano (Alessandria, 7 luglio 1966) è un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Lavora al quotidiano Il Giornale come esperto di musica pop e di musica leggera.[1]

Il 22 novembre del 1999 è stato il primo giornalista occidentale ad entrare a Kabul dopo l'embargo dell'ONU.

Dal 2000 è inviato al Festival di Sanremo.

Nel 2004 ha anche scritto con Maria Fida Moro, politica e figlia di Aldo Moro, e con altri autori il libro La nebulosa del caso Moro sul sequestro dello statista democristiano ucciso dalle Brigate Rosse nel 1978.

Per due edizioni (2005 e 2006) ha fatto parte della giuria di Music Farm, il reality show di Rai 2 condotto da Simona Ventura.[1]

Nel 2008 ha fatto parte della Commissione Artistica del concorso Sanremolab che ha consentito ad Arisa e Simona Molinari di partecipare al Festival di Sanremo.[1]

Fino al 2014 è stato direttore di Area Sanremo.

Dal 2010 è "commissario esterno" nel programma Amici di Maria De Filippi su Canale 5.[1]

Nel 2013 è stato presidente della giuria che ha decretato il 50% del voto italiano all'Eurovision Song Contest.[2]

A maggio 2014 è stato speaker alla quattordicesima edizione dell'International Journalism Festival di Perugia, organizzato da Arianna Ciccone.[1]

Nel 2015 è stato autore e conduttore del programma di Radiodue Pop Up.[1]

A novembre 2016 ha pubblicato con Marcello Giannotti il libro Vasco, Fabrizio e i Beatles spiegati a mio figlio edito da Arcana.

È ospite opinionista di molti talk show televisivi, tra i quali Porta a Porta su Raiuno, Mattino 5 su Canale 5 e Vita in diretta su Raiuno

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f Paolo Giordano, tutte le curiosità sul giornalista italiano e opinionista!, in Donna Glamour Magazine, 20 settembre 2017. URL consultato il 1º marzo 2018.
  2. ^ Eurovision Song Contest 2013, ecco la giuria italiana, Eurofestival NEWS

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN107109537 · ISNI (EN0000 0000 7721 6900 · GND (DE140406514 · WorldCat Identities (EN107109537