Paolo Doni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Doni
Paolo Doni.jpg
Paolo Doni con la maglia del Messina (1989)
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 2001
Carriera
Giovanili
????-1984 Genoa
Squadre di club1
1984-1985 Imperia 32 (1)
1985-1987 SPAL 49 (3)
1987-1990 Messina 92 (3)
1990-1993 Piacenza 57 (0)
1993-1997 Massese 91 (4)
1997-1998 Viareggio 28 (0)
1998-2000 Sestrese ? (?)
2000 Entella ? (?)
2000-2001 Gaviese ? (?)
Carriera da allenatore
2000Entella
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Paolo Doni (Genova, 6 novembre 1965) è un ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come stopper[1], ruolo in cui sfruttava le sue doti di tempismo l'abilità nel gioco aereo[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili del Genoa, debutta in campionato giocando la stagione 1984-1985 in prestito all'Imperia[2], con cui non evita la retrocessione nel Campionato Interregionale. Doni viene quindi ingaggiato dalla Spal, con cui disputa da titolare due campionati di Serie C1[3][4] e attira l'attenzione del Messina, che lo acquista per la stagione 1987-1988[5]. Disputa tre stagioni in cadetteria con la maglia peloritana, mettendo anche a segno il gol decisivo nello spareggio-salvezza contro il Monza nella stagione 1989-1990[6].

Dopo lo spareggio, si trasferisce al Piacenza, insieme al compagno di squadra Guido Di Fabio[1]. In Emilia vince il campionato di Serie C1 1990-1991 e conquista la salvezza nel successivo torneo di Serie B, al termine del quale non viene riconfermato[7]. Si accasa quindi alla Massese, con cui disputa quattro campionati tra Serie C1 e Serie C2, prima di concludere la carriera professionistica ottenendo una salvezza con il Viareggio, sempre in Serie C2[8].

Prosegue l'attività in diverse squadre dilettantistiche tra Liguria e Piemonte: nel 1998 passa alla Sestrese, nel Campionato Nazionale Dilettanti[9]. Nel gennaio 2000 si trasferisce all'Entella[10], di cui diventa anche capitano[11] e successivamente allenatore nell'aprile dello stesso anno[10]. Chiude la carriera nella stagione 2000-2001, con la Gaviese, della quale è ancora capitano[12]; nel corso dello spareggio salvezza contro la Moncalvese entra in coma per un trauma cranico causato da uno scontro di gioco[12], riprendendosi alcuni giorni più tardi[13].

In totale conta 120 presenze e 3 reti in Serie B con le maglie di Messina e Piacenza.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Piacenza: 1990-1991

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]