Paolo Doni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Doni
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 2001
Carriera
Giovanili
 ????-1984 Genoa
Squadre di club1
1984-1985 Imperia Imperia 32 (1)
1985-1987 SPAL SPAL 49 (3)
1987-1990 Messina Messina 92 (3)
1990-1993 Piacenza Piacenza 57 (0)
1993-1997 Massese Massese 91 (4)
1997-1998 Viareggio Viareggio 28 (0)
1998-2000 Sestrese Sestrese  ? (?)
2000 Entella Entella  ? (?)
2000-2001 Gaviese Gaviese  ? (?)
Carriera da allenatore
2000 Entella Entella
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Paolo Doni (Genova, 6 novembre 1965) è un ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Giocava come stopper[1], ruolo in cui sfruttava le sue doti di tempismo l'abilità nel gioco aereo[2].

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili del Genoa, debutta in campionato giocando la stagione 1984-1985 in prestito all'Imperia[2], con cui non evita la retrocessione nel Campionato Interregionale. Doni viene quindi ingaggiato dalla Spal, con cui disputa da titolare due campionati di Serie C1[3][4] e attira l'attenzione del Messina, che lo acquista per la stagione 1987-1988[5]. Disputa tre stagioni in cadetteria con la maglia peloritana, mettendo anche a segno il gol decisivo nello spareggio-salvezza contro il Monza nella stagione 1989-1990[6].

Dopo lo spareggio, si trasferisce al Piacenza, insieme al compagno di squadra Guido Di Fabio[1]. In Emilia vince il campionato di Serie C1 1990-1991 e conquista la salvezza nel successivo torneo di Serie B, al termine del quale non viene riconfermato[7]. Si accasa quindi alla Massese, con cui disputa quattro campionati tra Serie C1 e Serie C2, prima di concludere la carriera professionistica ottenendo una salvezza con il Viareggio, sempre in Serie C2[8].

Prosegue poi l'attività in diverse squadre dilettantistiche tra Liguria e Piemonte: nel 1998 passa alla Sestrese, nel Campionato Nazionale Dilettanti[9]. Nel gennaio 2000 si trasferisce all'Entella[10], di cui diventa anche capitano[11] e successivamente allenatore nell'aprile dello stesso anno[10]. Chiude la carriera nella stagione 2000-2001, con la Gaviese, della quale è ancora capitano[12]; nel corso dello spareggio salvezza contro la Moncalvese entra in coma per un trauma cranico causato da uno scontro di gioco[12], riprendendosi alcuni giorni più tardi[13].

In totale conta 120 presenze e 3 reti in Serie B con le maglie di Messina e Piacenza.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Campionato italiano di Serie C1: 1

Piacenza: 1990-1991

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Rosa 1990-1991 Storiapiacenza1919.it
  2. ^ a b I nuovi nerazzurri, La Stampa, 20 luglio 1984, pag.20 - sez.Liguria
  3. ^ Stagione 1985-1986 Almanaccospal.it [collegamento interrotto]
  4. ^ Stagione 1986-1987 Almanaccospal.it [collegamento interrotto]
  5. ^ Stagione 1987-1988 Messinastory.it
  6. ^ Profilo su Messinastory.it
  7. ^ Acquisti e cessioni 1992-1993 Storiapiacenza1919.it
  8. ^ "Ma c'è chi ci ha voluto male", Paolo Doni all'attacco di chi ha remato contro, Il Tirreno, 9 giugno 1998
  9. ^ Rinnovata la squadra dei verdestellati, La Stampa, 8 giugno 1998
  10. ^ a b Allievi si dimette. Entella, 5° mister, La Stampa, 7 aprile 2000, pag.51
  11. ^ Falaguerra nel finale, l'Entella gioisce, La Stampa, 10 aprile 2000, pag.42
  12. ^ a b Grave giocatore Gaviese. La Moncalvese sotto choc, La Stampa, 29 maggio 2001, pag.49
  13. ^ Il risveglio di Doni, dopo la paura, La Stampa, 30 maggio 2001, pag.37

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]