Paolo Di Orazio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Paolo Di Orazio (Roma, 5 luglio 1966) è uno scrittore, fumettista e batterista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Scrittore horror splatterpunk, disegnatore, illustratore e batterista del gruppo rock demenziale Latte & i Suoi Derivati, nasce a Roma il 5 luglio 1966.

Sul finire degli anni sessanta, suo padre è rappresentante per la UTET. Questo comporta il vantaggio di crescere in una casa con atlanti illustrati di anatomia umana e animale, medicina generale, e soprattutto I Quindici, edizione 1967. Tra fiabe illustrate e tavole scientifiche, è rapito in età prescolare dalle immagini artistiche e quelle di anatomia umana. Grazie anche a un notevole flusso domestico di periodici a fumetti (Topolino, Il Monello, Diabolik), impara a leggere tra un fumetto e l'altro prima di iniziare le scuole. Quando in edicola scopre Kriminal, il mix del fascino per l'anatomia scheletrica e per il fumetto determina il suo destino. Da quel giorno, tutto ciò che in edicola mostra in copertina un teschio fumettato deve essere suo. E tutto ciò che è horror entra nelle sue letture, dal fumetto alla narrativa alla musica. Nel 1984, frequenta il laboratorio "Phantasmagorie" per sceneggiatura e disegno a fumetti, diretto dal suo futuro editore Francesco Coniglio. Nel 1986, diventa collaboratore fisso per un service editoriale, dove impara il mestiere redazionale, dalla scrittura dei testi al coordinamento. Per quasi due anni scrive racconti, corrispondenza finta, realizza fotoromanzi tagliando a moviola pellicole hard, interviste inventate per 11 mensili porno da edicola Epp-Tattilo.

Nel 1988, Francesco Coniglio fonda la Acme con Guido Silvestri e gli affida la guida di Splatter, accostandogli Roberto Dal Prà per lo scouting autori. Il successo immediato della rivista gli suggerisce di creare una rubrica della posta Non aprite quella posta, adottando un dialogo specifico coi lettori che solidifica in breve un rapporto speciale coi sostenitori di Splatter, firmandosi "PDO". Nel 1990, Splatter e la raccolta di racconti Primi delitti in supplemento finiscono tra le mani di un genitore che, per mettere ai ripari la moralità del figlio, decide di denunciare la rivista. Ne scaturisce un processo e una interrogazione parlamentare trasversale al premier Giulio Andreotti[1]. Lo scandalo finisce su tutti i giornali, inclusi l’Espresso e L'Osservatore Romano, e sia la rivista che il libro diventano un successo nazionale. Primi delitti arriva a vendere 12mila copie.

Vita professionale[modifica | modifica wikitesto]

Scrittore e disegnatore[modifica | modifica wikitesto]

Ha pubblicato fumetti, romanzi e racconti per Acme, Granata Press, Radio Rai, Castelvecchi, Addictions, Urania, Beccogiallo, Nicola Pesce Editore, Aurea, Rizzoli, Cut-Up Publishing, Coniglio editore, Clair De Lune, Bietti, Tiramolla, Cattivik e la rivista americana Heavy Metal. Tra il 1989 e il 1991 e tra il 2013 e il 2014 dirige la rivista a fumetti Splatter e sempre nel biennio 1989-1991 anche le testate di Mostri, Splatter Poster, Nosferatu, Zio Tibia la clinica dell'orrore (Acme 1989-91). Nel biennio 2010-2011 dirige il mensile Shinigami (Kawama) e nel 2015 diventa active member della Horror Writers Association (HWA). Il suo racconto La vendemmia dalla raccolta Madre Mostro, tradotta in inglese in Hell per l'ebook Dark Gates viene inserito nella "Full Rec List" mondiale dei racconti Best Horror of the Year redatta da Ellen Datlow[2].

Insieme ad Alessandro Manzetti e Stefano Fantelli, è responsabile della rinascita dell'horror italiano attraverso operazioni in libro che mettono assieme autori italiani ed internazionali.

Musicista[modifica | modifica wikitesto]

Come batterista, inizia nel 1976. Al suo attivo ha oltre 2.000 esibizioni live in tutta Italia, dai club ai centri sociali, ai teatri (Olimpico, Auditorium Conciliazione), alle carceri di Rebibbia, scuole, università, ristoranti e addirittura un ospedale (inaugurazione). Fino a due concerti del Primo Maggio (1996 e 2004), e alla grande arena Fiesta-Rock in Roma raccogliendo in dieci date 120mila persone. Trasmissioni tv di culto come Le Iene, Maurizio Costanzo Show, Galagoal, Jammin, Domenica In, Sanremo Giovani '96, Quelli che il calcio, Parla con me. Dirette radiofoniche Rai come Viva la radio, e per altri network tra cui Radio Deejay e dozzine di emittenti locali di tutta Italia. Co-fondatore della band Latte & i Suoi Derivati, nel 1991, assieme a Claudio Gregori (inventore del nome, il cui acronimo LSD è del tutto casuale). Dopo 24 anni di attività e 1700 concerti, appaiono nel cinepanettone Un Natale stupefacente.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa e saggistica[modifica | modifica wikitesto]

Racconti[modifica | modifica wikitesto]

  • Noz, l'inferno sulla pelle (Cattivik n.1, Acme 1989, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Il parassita del dottor Valdesky (Cattivik n.2, Acme 1989, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Il senzabocca (Cattivik n.3, Acme 1989, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Putrea di patate (Cattivik n.4, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • L'ascensorista (Cattivik n.5, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Fitozoe (Cattivik n.6, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Meccanopapero alieno (Cattivik n.7, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Frullàtor (Cattivik n.8, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Flittèno (Cattivik n.10, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Sanguidrosuga (Cattivik n.11, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Vomitella (Cattivik n.12, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • L'epivermide (Cattivik n.13, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Il Turbomassacratore (Cattivik n.14, Acme 1990, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Lo scimpazzòide (Cattivik n.17, Acme 1991, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • La notte dei morbi viventi (Cattivik n.18, Acme 1991, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Jena Caustica (Cattivik n.19, Acme 1991, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Alla faccia del mostro (Cattivik n.20, Acme 1991, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Burro di aracnidi (Cattivik n.23, Acme 1991, L'angolo della bestia, i racconti di Zio Tenia)
  • Appuntamento a Carfax (Radio Rai, 1992, audioracconti)
  • Quattro secondi in Passi nel delirio. Psicopatologia dei racconti (Addictions, 2000)
  • Lacrime Antiche in La Stagione della Follia (Edizioni Il Foglio, 2002)
  • L'uomo che divorava isteria in Malefica (Edizioni Il Foglio, 2003)
  • Fantasmi con la testa in In fondo al nero (Urania, 2003)
  • La donna di Modigliani in Peccati veniali. Racconti di passioni romantiche ed erotismo perverso (Coniglio Editore, 2004)
  • Nelle tasche, una danza in Psycho Ghost (Prospettiva Editrice, 2005)
  • Stretching del pene in La manutenzione della carne (Coniglio Editore, 2006)
  • Lo Scarico in Da Arkham alle stelle (Bottero Edizioni, 2008)
  • Federica da Siena in Qualcuno ha morso il cane. Racconti di doppia vita (Coniglio Editore, 2009)
  • Il prossimo in La sete. Quindici vampiri italiani (Coniglio Editore, 2009)
  • Chi sei sei sei? in Stirpe infernale (2012, Bietti)
  • Non fu terribile in Apocalisse 2012 (2012, Bietti)
  • Le galline hanno gli occhi in Il buio dentro (Kipple Officina Libraria, 2015) Con Alessandro Manzetti, Nicola Lombardi, Richard Laymon
  • CarouselRaiser in Danze eretiche (Independent Legions Publishing, 2015) Con Caleb Battiago, Poppy Z. Brite, Richard Laymon
  • Il padre della bambola in Mar Dulce. Acqua. Amore. Morte. (Cut-Up Publishing, 2016) Con Caleb Battiago, Peter Straub, Stefano Fantelli

Storie a Fumetti e Illustrazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Rompicapo (Fichissimo, Epp 1987, testi e disegni)
  • Gastrofobia (Fichissimo, Epp 1987, testi e disegni)
  • Il proteinomane (Fichissimo, Epp 1987, testi e disegni)
  • Il succhiapolvere (Fichissimo, Epp 1987, testi e disegni)
  • Non aprite quella patta (Fichissimo, Epp 1988, disegni)
  • Primi delitti. Caramelle (Splatter n.1. Acme 1989, riduzione di Vincenzo Perrone e Marco Soldi)
  • Primi delitti. Poldo & Wile Coyote (Splatter n.3. Acme 1989, riduzione di Vincenzo Perrone e Marco Soldi)
  • Primi delitti. Silenzio (Splatter n.5. Acme 1989, riduzione di Vincenzo Perrone e Marco Soldi)
  • Primi delitti. Il tacchino vuole giocare (Splatter n.12. Acme 1990, riduzione di Vincenzo Perrone e Marco Soldi)
  • Passaggio obbligato (Splatter 18, Acme 1990, testi e disegni)
  • Clonazion’ (Cattivik, Acme 1989, soggetto e sceneggiatura)
  • La notte degli zombi (Cattivik, Acme 1989, soggetto e sceneggiatura)
  • Il mostro delle fogne (Cattivik, Acme 1989, soggetto e sceneggiatura)
  • Il porco mannaro (Cattivik, Acme 1990, soggetto e sceneggiatura)
  • Primi delitti (Antologia a fumetti. Supplemento Splatter, Acme 1990. 001 ed., 2009)
  • Lei Station (selfcomics.com, 2000, testi e disegni)
  • Ruskin the devouring (Heavy Metal 2001, soggetto e sceneggiatura)
  • Six seconds in hell (Heavy Metal 2001, soggetto e sceneggiatura)
  • Tamous (Heavy Metal 2001, soggetto con S. Tenuta e sceneggiatura)
  • Resistenze (Beccogiallo, 2007, sceneggiatura)
  • Cani per nessun gregge. I ragazzi di Padre Mauro (Zero Tolleranza, Beccogiallo, 2008, sceneggiatura)
  • Homeliah. I ragazzi di Padre Mauro (Global Warming, NDA Press, 2009, sceneggiatura)
  • Distorsionsprogramm kinder. I ragazzi di Padre Mauro (Sherwood Comix, NPE 2010, sceneggiatura)
  • Il bambino dei moschini (001, 2007. Clair de Lune, 2009. Ded’A 2009. Aurea, 2013 su Garfield, sceneggiatura)
  • Hell me please, Catrin la necronauta (Shinigami n.1. Kawama, 2010, sceneggiatura)
  • Damar Furcas (Shinigami n.1. Kawama, 2010, sceneggiatura)
  • Aiutami, io sono l'uomo senza braccio (Shinigami n.1. Kawama, 2010, sceneggiatura)
  • Questo non è un dentista (Shinigami n.1. Kawama, 2010, sceneggiatura)
  • Il pomeriggio dei morti viventi (Shinigami n.1. Kawama, 2010, sceneggiatura)
  • Magracadabra, Catrin la necronauta (Shinigami n.2. Kawama, 2011, sceneggiatura)
  • Branco Baldo Show. I ragazzi di Padre Mauro (Shinigami n.2. Kawama, 2011, sceneggiatura)
  • Tuhailaids (Shinigami n.2. Kawama, 2011, sceneggiatura)
  • Transylvana (Shinigami n.2. Kawama, 2011, sceneggiatura)
  • La necroteca, Catrin la necronauta (Shinigami n.2. Kawama, 2011, sceneggiatura)
  • Nata il giorno in cui hanno assassinato Kennedy (Shinigami n.3. Kawama, 2011, sceneggiatura)
  • Containers (Shinigami n.3. Kawama, 2011, sceneggiatura)
  • Chiamata neurale urgente (Shinigami n.3. Kawama, 2011, sceneggiatura)
  • Il Meglio di Splatter (Rizzoli Lizard, antologia 2014)
  • Come uccidere la nonna (Splatter»n.1, ESH 2013, sceneggiatura)
  • Il silenzio arrota i denti nel buio (Splatter n.1, ESH 2013, sceneggiatura)
  • Little Mortal Annie (Splatter n.1, ESH 2013, sceneggiatura)
  • Speidy (Splatter n.1, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Ho telefonato all'inferno e mi hanno risposto (Splatter n.2, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Divora il prossimo tuo (Splatter n.2, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Comma profondo (Splatter n.2, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Atom Heart Fu**er (Splatter n.2, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Megatedh - Bear of the Dark, Night of Living Dad (Splatter n.2, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Fottuto blues di una stella appesa al chiodo (Splatter n.4, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Io sono la forca (Splatter n.4, ESH 2014, soggetto e dialoghi)
  • I Vaticani (Splatter n.4, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Metajo Orlando (Splatter n.5, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Selfie Service (Splatter n.6, ESH 2014, sceneggiatura)
  • Alla fine della notte (di Stefano Fantelli, Eus, 2015, illustrazioni)
  • Eden Underground (di Alessandro Manzetti, Crystal Lake Publishing, 2015, illustrazioni)
  • Mamatilda su The Monster, The Bad and The Ugly (Kipple Officina Libraria, 2016, soggetto (con Alessandro Manzetti, disegni e illustrazioni)
  • Mar Dulce. Acqua. Amore. Morte. (Cut-Up Publishing, 2016, illustrazioni)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]