Paolo Conti (calciatore 1950)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Paolo Conti
Paolo Conti calciatore 1950.jpg
Paolo Conti alla Roma nel 1973-1974
Nazionalità Italia Italia
Altezza 185[1] cm
Peso 84[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Portiere
Ritirato 1988
Carriera
Giovanili
non conosciuta Robur Riccione
Squadre di club1
1968-1970 Riccione 65 (-?)
1970-1972 Modena 50 (-50)
1972-1973 Arezzo 32 (-23)
1973-1980 Roma 175 (-171)
1980-1981 Verona 31 (-21)
1981-1983 Sampdoria 39 (-29)
1983-1984 Bari 34 (-20)[2]
1984-1988 Fiorentina 2 (-?)
Nazionale
1976 Italia Italia U-21 1 (0)
1977-1979 Italia Italia 7 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 13 aprile 2008

Paolo Conti (Riccione, 1º aprile 1950) è un ex calciatore italiano, di ruolo portiere.

Nel 1980 ha conquistato una Coppa Italia con la maglia della Roma, squadra in cui ha trascorso gli anni più brillanti della propria carriera. Con la nazionale italiana ha preso parte, da riserva, al mondiale 1978.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Muove i primi passi della carriera nel Riccione in Serie D, per poi approdare al Modena e successivamente all'Arezzo in Serie B. La svolta nella sua carriera è legata al passaggio alla Roma, nella quale si alterna inizialmente ad Alberto Ginulfi per poi divenire stabilmente titolare. Durante tale permanenza, nella stagione 1974-1975 fu il portiere meno battuto del campionato, concedendo solo 15 reti e precedendo Dino Zoff e Pietro Carmignani, battuti quell'anno 19 volte.[3]

Durante il campionato 1979-1980, viene scalzato dall'emergente Franco Tancredi, e al termine della stagione lascia la squadra. Prosegue quindi la carriera in Serie B, dapprima con il Verona e poi con la Sampdoria, ottenendo con quest'ultima la promozione nella massima serie, per poi approdare al Bari in Serie C1.

Torna in Serie A nella stagione 1984-1985 con la Fiorentina quale riserva, prima di Giovanni Galli, poi di Marco Landucci, fino alla chiusura della carriera, nel 1988. Ha totalizzato 193 presenze in Serie A.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Conti (in piedi, secondo da destra) in nazionale nel 1978

Esordisce in nazionale nel 1977, nella vittoria per 1-0 contro il Belgio, e viene convocato per il mondiale 1978, facendo da secondo a Dino Zoff. In maglia azzurra disputa complessivamente 7 partite, tutte amichevoli, scendendo in campo per l'ultima volta nel 1979.

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Ritiratosi, è divenuto procuratore sportivo.[4][5]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
21/12/1977 Liegi Belgio Belgio 0 – 1 Italia Italia Amichevole -
25/01/1978 Madrid Spagna Spagna 2 – 1 Italia Italia Amichevole -
23/09/1978 Firenze Italia Italia 1 – 0 Turchia Turchia Amichevole -
21/12/1978 Roma Italia Italia 1 – 0 Spagna Spagna Amichevole -
24/02/1979 Milano Italia Italia 3 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole -
13/06/1979 Zagabria Jugoslavia Jugoslavia 4 – 1 Italia Italia Amichevole -
26/09/1979 Firenze Italia Italia 1 – 0 Svezia Svezia Amichevole -
Totale Presenze 7 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Roma: 1979-1980
Bari: 1983-1984 (girone B)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 4 (1987-1988), Panini, 28 maggio 2012, p. 35.
  2. ^ Paolo CONTI, su solobari.it.
  3. ^ Mimmo Carratelli, La grande Storia del Napoli, Gianni Marchesini Editore, p. 199, ISBN 978-88-88225-19-7.
  4. ^ Domenico Marcella, Paolo Conti: con i dirigenti di oggi il calcio non non cambierà mai, su ilgiornaleoff.ilgiornale.it, 3 settembre 2015.
  5. ^ Giorgio Dell'Arti, Biografia di Paolo Conti, su cinquantamila.it, 21 dicembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]