Paolo Buonvino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Paolo Buonvino (Scordia, 29 marzo 1968) è un musicista e compositore italiano.[1]

Paolo Buonvino
Buonvino 2020.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenereColonna sonora
Musica classica
Musica contemporanea
Pop
Rock
Musica elettronica
Periodo di attività musicale1995 – in attività
Strumentopianoforte
Album pubblicati33
Sito ufficiale

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato e cresciuto a Scordia, un piccolo centro in provincia di Catania, si diploma in pianoforte presso il Conservatorio Francesco Cilea di Reggio Calabria e studia Discipline della Musica presso l'Università di Bologna.

Inizialmente assistente musicale di Franco Battiato, si dedica al teatro scrivendo musiche di scena per varie compagnie. Compone Francesco: la notte, il sogno, l'alba (1995), opera multimediale per soprano, tenore, basso, voci recitanti, orchestra, coro, computer e tastiere; Epiklesis (1996), messa per soprano, coro, orchestra, computer e tastiere.

Musiche per film[modifica | modifica wikitesto]

Inizia l'attività di compositore di colonne sonore con il film televisivo La piovra 8 - Lo scandalo (1997, Rai) di Giacomo Battiato.

Nel 1998 è autore della colonna sonora di Ecco fatto di Gabriele Muccino, con il quale lavora l'anno successivo in Come te nessuno mai e poi ancora nel 2001 ne L'ultimo bacio e nel 2003 in Ricordati di me. Ha inoltre lavorato con registi quali Michele Placido, Giovanni Veronesi, Paolo Virzì, Carlo Carlei, Carlo Verdone, Roberto Faenza, Stefano Incerti e altri. Nel 2008, in collaborazione con Emanuele Bossi, realizza le musiche per la fortunata fiction Il commissario Manara e 4 Padri Single prodotto da Gabriele Muccino. Nel 1999 alla 56ª mostra internazionale di Venezia gli viene assegnato il premio Rota per le musiche di Come te nessuno mai. Al Festival International de Luchon (2002) riceve il premio per la migliore colonna sonora con il film Le jeune Casanova. Dopo aver ricevuto altre sette candidature, nel 2008 vince il premio David di Donatello per il miglior musicista per il film Caos calmo. Nel 2009 riceve a Taormina il Nastro d'argento alla migliore colonna sonora per il film Italians di Giovanni Veronesi.

Collaborazioni discografiche[modifica | modifica wikitesto]

Ha al suo attivo collaborazioni musicali e discografiche con vari artisti, tra i quali Franco Battiato, Carmen Consoli, Patrizia Laquidara, Elisa, Fiorella Mannoia, Negramaro, Dolores O'Riordan, Jovanotti, Skin e Andrea Bocelli.

Nel luglio 2021 esce Taranta Reimagined[2] , progetto discografico di contaminazione tra musica popolare e musica elettronica[3] , prodotto dalla Sugar Music e distribuito dalla Universal Music. Il disco vede delle originali interpretazioni di Jovanotti, Mahmood, Gianna Nannini e Diodato registrate durante l'edizione 2020 della Notte della Taranta.

Colonne sonore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rassegna stampa Paolo Buonvino | MYmovies, su www.mymovies.it. URL consultato il 23 dicembre 2020.
  2. ^ Jovanotti, Gianna Nannini, Diodato, Mahmood insieme in "Taranta Reimagined", su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 30 luglio 2021.
  3. ^ Con Mahmood e Jovanotti la taranta incontra la sperimentazione, su la Repubblica, 23 luglio 2021. URL consultato il 30 luglio 2021.
  4. ^ Il Fantasma di Corleone (2004), di Marco Amenta - CinemaItaliano.info, su CinemaItaliano.info. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  5. ^ La musica di Buonvino tra cinema e tecnologia - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  6. ^ Il segreto della premiata ditta Ficarra&Picone, su l'Espresso, 28 settembre 2020. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  7. ^ Nino Luca, «Io il nuovo Morricone? Magari...», su Corriere della Sera. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  8. ^ Blog | Silvio Forever (tranquilli, è un film), su Il Fatto Quotidiano, 25 febbraio 2011. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  9. ^ (EN) Happily Ever After shouldn't hold together, but it does, with unexpected depths, su nationalpost. URL consultato il 3 dicembre 2020.
  10. ^ UN UCCELLO MOLTO SERIO di Lorenza Indovina - Foggia Film Festival 2013, su www.foggiafilmfestival.it. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  11. ^ Concetta Suriana, Fratelli unici: la colonna sonora del film, su Cinematographe.it, 26 ottobre 2018. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  12. ^ "La scuola più bella del mondo", la strana coppia Rocco Papaleo e Christian De Sica: 5 cose da sapere, su Panorama, 13 novembre 2014. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  13. ^ "Anita B.", un film per raccontare il coraggio della memoria, su la Repubblica, 16 dicembre 2013. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  14. ^ Valerio Cappelli, Michele Placido, donne e lavoro «7 minuti», un film difficile, su Corriere della Sera, 21 ottobre 2016. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  15. ^ Diane Kurys, Vianney e Patrick Chesnais, Ma mère est folle, Alexandre Films, Nexus Factory, Umedia, 5 dicembre 2018. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  16. ^ Valeria Bruni Tedeschi porta a Venezia casa sua: «Vi presento i miei, tra soldi e drammi», su www.ilmessaggero.it. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  17. ^ Venezia 2020. Al Lido il film “Fatima, l’ultimo mistero”, su www.avvenire.it, 9 settembre 2020. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  18. ^ Sky TG24, 'Burraco fatale': il trailer del nuovo film con Claudia Gerini, su tg24.sky.it. URL consultato il 13 febbraio 2021.
  19. ^ (EN) Una Mamma Imperfetta 2, su Indigo Film. URL consultato il 18 maggio 2021.
  20. ^ Sotto copertura 2, la serie tv che racconta la cattura di Zagaria, su Panorama, 16 ottobre 2017. URL consultato il 2 dicembre 2020.
  21. ^ 'Tutto può succedere 2', la famiglia ti sorprende sempre, su la Repubblica, 11 aprile 2017. URL consultato il 2 dicembre 2020.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN224107983 · ISNI (EN0000 0003 5995 9542 · LCCN (ENno2003084406 · GND (DE140602291 · BNF (FRcb14481486z (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no2003084406