Paolo Berizzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paolo Berizzi

Paolo Berizzi (Bergamo, 11 agosto 1972) è un giornalista e scrittore italiano, inviato speciale del quotidiano la Repubblica, dove lavora dal 2000.

È conosciuto soprattutto per le sue inchieste sul neofascismo. In seguito a minacce e ad atti intimidatori vive sotto scorta dal primo febbraio 2019.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in filosofia all’Università degli Studi di Milano. Inizia l’attività giornalistica a 17 anni, durante gli studi liceali. Giornalista professionista dal 2000, anno in cui, dopo numerose esperienze in altre testate giornalistiche e radiofoniche, viene assunto a la Repubblica, il giornale dove lavora tuttora. Dal 2009 è inviato speciale. Scrive di cronaca e politica ed è autore di numerose inchieste, interviste esclusive e scoop che gli hanno valso premi e riconoscimenti in Italia e all'estero. Per la Repubblica si è occupato a lungo, tra i vari temi, di contraffazione e sofisticazione alimentare, lavoro nero e caporalato, terrorismo di matrice islamica, criminalità organizzata, devianza giovanile, droga, narcotraffico. Ma è conosciuto soprattutto per il suo quasi ventennale lavoro di indagine sul neofascismo.

Il 25 luglio 2016, il Consiglio di disciplina territoriale dell’O.D.G. della Lombardia, ha sanzionato Berizzi per la violazione dell'art. 2 L.69/63 e art. 1 del Testo unico dei doveri del giornalista. L'articolo di Berizzi a cui si fa riferimento, “Il bimbo di quattro anni che fa il saluto fascista: i genitori lo correggano o lo cacceremo dall’asilo”, è stato pubblicato su “Repubblica” il 12 maggio 2015. Nel testo della sanzione si legge che "Paolo Berizzi non è riuscito a convincere questo Collegio di avere fatto tutto quanto è richiesto ad un cronista diligente per verificare una notizia prima di pubblicarla. Egli, di fatto, si è basato sulle dichiarazioni rilasciate da una sola persona, dichiarazioni che non hanno avuto alcun tipo di riscontro".

In seguito alle minacce di morte e agli atti intimidatori ricevuti da gruppi neofascisti vive sotto scorta dal primo febbraio 2019[1]

Tv[modifica | modifica wikitesto]

Partecipa da anni, come ospite, a programmi televisivi (Otto e mezzo, Tagadà, In Onda, Linea Notte, Matrix, Piazza Pulita, SkyTg24, Fuori-Tg3, Le Storie-Diario italiano, Quelli che il calcio, Il Rosso e il Nero, Mi manda Rai3, Apprescindere, Codice a Barre, Cominciamo bene) e radiofonici (Radio Rai, emittenti private nazionali).

Progetti[modifica | modifica wikitesto]

È ideatore e promotore, nel 2013, del progetto "Tira Dritto - STOP cocaina" (in collaborazione con il Dipartimento politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri), campagna itinerante di prevenzione e sensibilizzazione lanciata direttamente nei fortini dello spaccio di cocaina. L'iniziativa – seguita dai più importanti media italiani - è basata sul format innovativo del "talkstreet", un dibattito pubblico "di strada" che usa come arma la parola e mira a restituire alla legalità, simbolicamente, per un giorno, quegli angoli di aree urbane roccaforti dei signori della droga. A "Tiradritto" hanno aderito numerosi testimonial del mondo della cultura, dell’arte, dello sport, dello spettacolo, tra cui Roberto Saviano, Roberto Bolle, Carlo Verdone, Kasia Smutniak, Ascanio Celestini e Pierfrancesco Favino.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Libri Paolo Berizzi.jpg
  • Il mio piede destro, con Dario Cresto-Dina, Milano, Dalai editore, 2005.
  • Morte a 3 euro - nuovi schiavi nell’Italia del lavoro, Baldini Castoldi Dalai editore, 2008.
  • Bande Nere, Bompiani, 2009.
  • La Bamba, con Antonello Zappadu, Milano, Dalai editore, 2013.
  • NazItalia, Milano, BaldiniCastoldi, 2018.
  • L'educazione di un fascista, Milano, Feltrinelli, 2020.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN239129987 · ISNI (EN0000 0003 8581 3926 · LCCN (ENno2009061371 · GND (DE121645437X · WorldCat Identities (ENlccn-no2009061371