Paolina Visintainer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santa Paolina del Cuore Agonizzante di Gesù
Santa Paolina.jpg
Santa Paulina do Coração Agonizante de Jesus
 

Religiosa

 
NascitaVigolo Vattaro, Austria-Ungheria, 16 dicembre 1865
MorteSan Paolo, Brasile, 9 luglio 1942
Venerata daChiesa cattolica
BeatificazioneFlorianópolis il 18 ottobre 1991 da Papa Giovanni Paolo II
CanonizzazioneRoma, 19 maggio 2002 da Papa Giovanni Paolo II
Ricorrenza9 luglio

Paolina del Cuore Agonizzante di Gesù Visintainer, al secolo Amabile Lucia Wisinteiner (Vigolo Vattaro, 16 dicembre 1865San Paolo del Brasile, 9 luglio 1942), è stata una religiosa trentina fondatrice (assieme a Virginia Nicolodi) della congregazione delle Piccole suore dell'Immacolata Concezione: è stata proclamata santa, la prima in Trentino, da Giovanni Paolo II nel 2002.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Casa natale a Vigolo Vattaro (TN)
Statua di Santa Paolina a Nova Trento, Santa Catarina, Brasile

Amabile Visintainer (il cognome fu italianizzato in Visintainer, dopo l'annessione Trentino all'Italia, ma anche Wiseintainer o Wiseinteiner in alcuni documenti)[quali documenti?] nacque a Vigolo Vattaro, il 16 dicembre 1865, secondogenita dei 14 figli di Napoleone Visintainer e Anna Domenica Pianezzer. A seguito della crisi economica che affliggeva il Trentino nel 1875, emigrò in Brasile con i sui figli, i nonni materni e insieme a tanti altri trentini, nello Stato di Santa Catarina, dove suo padre ed altri capifamiglia fondarono il paese di Vigolo nell'attuale comune di Nova Trento. Qui Amabile, all'età di 14 anni, insieme all'amica Virginia Nicolodi, figlia del socio del padre per la macinazione del granoturco in un mulino, cominciarono a occuparsi dell'assistenza ai malati, della catechesi ai fanciulli e della manutenzione della chiesetta di San Giorgio. Nel 1888, vi fu un cambio nel clero di Nova Trento; padre Servanzi fu sostituito da padre Marcelle che confermò le giovani amiche nel loro apostolato.[1]

Il 12 luglio 1890, con l'amica, accolse e assistette Angela Viviani, che era gravemente malata di cancro. Nacque così nell'ospedaletto di san Vigilio, il primo germoglio della nuova congregazione delle Piccole Suore dell'Immacolata Concezione, approvata dal vescovo locale, il padre gesuita Luigi Rossi, che il 25 agosto 1895 diede l'abito religioso alle tre prime suore; con la professione religiosa Amabile prese il nome di Suor Paolina del Cuore Agonizzante di Gesù, mentre Virginia divenne Suor Matilde dell'Immacolata Concezione. Per far sì che la piccola comunità sopravvivesse, suor Paolina fece nascere una piccola industria della seta.[1]

Nel 1903 divenne superiora generale delle prime due comunità e si trasferì a San Paolo del Brasile dove, eletta superiora generale a vita, guidava la Congregazione con semplicità e saggezza, organizzando scuole, ospedali, laboratori, educandati, dedicandosi totalmente ai poveri. Mostrò eroica obbedienza e umiltà quando nel 1909 fu invitata dall'Arcivescovo Mons. Duarte Leopoldo e Silva a lasciare la guida della Congregazione e a trasferirsi a Bragança Paulista. Richiamata a San Paolo nel 1918 continuò nella casa madre una vita di umiltà e di preghiera come semplice suora. Papa Pio XI concesse nel 1933 all'istituto il "decreto di lode", ricordando Suor Paolina come "Veneranda Madre Fondatrice". Negli ultimi anni di vita sopportò con serenità la sofferenza causata dal diabete; oltre a ciò, una ferita a un dito della mano destra andò in gangrena, e si dovette amputare dapprima il dito e in seguito il braccio.[1] Prima di morire totalmente cieca, il 9 luglio 1942, ebbe la gioia di vedere approvata dalla Santa Sede la Congregazione nel 1933 e di celebrarne il 50° di fondazione nel 1940.

Santa Paolina - Ricostruzione facciale forense

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Paolo II, che ne riconobbe le virtù l'8 febbraio 1989 e già l'ebbe proclamata beata a Florianópolis il 18 ottobre 1991, la elevò alla gloria dei santi il 19 maggio 2002 a Roma, dando al Trentino [2] e al Brasile [3] la loro prima santa. Viene ricordata il giorno 9 luglio.

Le sue reliquie possono essere venerate dal 1967 all'interno della casa generalizia della congregazione a San Paolo in Brasile.[1] In occasione della beatificazione vennero realizzate tre reliquie con le falangi della mano sinistra che vennero donate a papa Giovanni Paolo II (oggi conservata nel Duomo di Trento [4]), al convento dove aveva vissuto la Santa e ai suoi discendenti Albert Visintainer e famiglia di Mount Carmel, in Pennsylvania, negli Stati Uniti (oggi visibile nel St. Pauline Visintainer Center [5] a Kulpmont, in Pennsylvania). Un osso femorale è custodito nella chiesa di Vigolo Vattaro, in Trentino.[6] Il 22 gennaio del 2006 è stato inaugurato a Nova Trento, nella frazione di Vigolo, il Santuário de Santa Paulina [7], dove viene esposta la reliquia dell'osso del braccio di Santa Paolina insieme al busto della ricostruzione facciale ottenuta con tecniche forensi.[8]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d S. PAOLINA del CUORE AGONIZZANTE di GESÙ (1865-1942) Archiviato il 12 aprile 2016 in Internet Archive. su Paginecattoliche.it
  2. ^ Col coraggio di Abramo su VitaTrentina
  3. ^ Angela Bastos, Canonização de Santa Paulina, a primeira santa brasileira, completa 10 anos, su diariocatarinense.clicrbs.com.br, 18 maggio 2012. URL consultato il 17 giugno 2018.
  4. ^ Trento - La reliquia di S.Paolina (una falange della mano sinistra) custodita in Cattedrale, su vitatrentina.it. URL consultato il 17 giugno 2018.
  5. ^ St Pauline Center and Campus, su saintpauline.org. URL consultato il 17 giugno 2018.
  6. ^ Casa Natale di Santa Paolina, su vigolana.com. URL consultato il 17 giugno 2018.
  7. ^ Santuário de Santa Paulina, su santuariosantapaulina.org.br. URL consultato il 17 giugno 2018.
  8. ^ Luca Bezzi e Cicero Moraes, 2018

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Célia B. Cadorin. Essere per gli altri - Cronistoria di Madre Paolina del Cuore Agonizzante di Gesù. Ed. Tipolitografia Bolognani. 1989.
  • Guido Lorenzi. La Beata Madre Paolina - fra carisma e obbedienza. Ed. Ancora, Milano. 1991.
  • (PT) Gesiel Júnior. Madre Paulina - Uma santa passou por Avaré. 2002.
  • Piccola storia di una grande Santa. Vita Trentina Ed., Trento, 2002.
  • Luca Bezzi e Cicero Moraes, Il sorriso perduto di Santa Paolina Visintainer, in Luca Bezzi, Nicola Carrara e Marcello Nebl (a cura di), Imago Animi, volti dal passato, Cles, Comune di Cles, 2018, pp. 64-67, ISBN 978-88-97760-55-9.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN88773469 · ISNI (EN0000 0004 3983 3579 · LCCN (ENn95026655