Paola Gambara Costa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paola Gambara Costa O.F.S.
NascitaVerolanuova 3 marzo 1463
MorteBinasco 24 gennaio 1515
Venerata daChiesa cattolica
Beatificazione14 agosto 1845 da papa Gregorio XVI
Ricorrenza24 gennaio
Paola Gambara Costa
Nobildonna
Stemma
Nascita Verolanuova, 3 marzo 1463
Morte Binasco, 24 gennaio 1505
Dinastia Gambara
Padre Pietro Gambara
Madre Taddea Martinengo
Consorte Lodovico Antonio Costa
Figli Gian Francesco
Religione cattolica

Beata Paola Gambara Costa (Verolanuova, 3 marzo 1463Binasco, 24 gennaio 1515) è stata una nobildonna e beata italiana, terziaria francescana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata Paola Gambara essendo figlia di Pietro Gambara, appartenente a una nobile famiglia, e di Taddea Martinengo,[1] , all'età di 12 anni nel 1485 sposò il conte Lodovico Antonio Costa. Non ebbe una vita facile con suo marito. All'età di 15 anni, rimase incinta e nel 1488 diede alla luce suo figlio, Gian Francesco. Da quel momento in poi trascorse il suo tempo in preghiera. Nel 1504 Ludovico cambiò, a causa di una malattia della sua amante. Paola perdonò tutto a suo marito e si prese cura della rivale malata. Nel 1506 anche Ludovico Antonio si ammalò e la moglie lo assistette fino alla guarigione.[2]

Paola morì all'età di 42 anni.

Nel 1845 papa Gregorio XVI confermò il suo culto come beata.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pompeo Litta, Famiglie celebri d'Italia. Gambara di Brescia, Torino, 1835.
  2. ^ Beata Paola Gambara Costa, in Santi, beati e testimoni - Enciclopedia dei santi, santiebeati.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]