Paola Frassinetti (santa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santa Paola Frassinetti
Paola frassinetti.jpg
 

Religiosa

 
Nascita3 marzo 1809
Morte11 giugno 1882
Venerata daChiesa cattolica
Beatificazione8 giugno 1930 da papa Pio XI
Canonizzazione11 marzo 1984 da papa Giovanni Paolo II
Ricorrenza11 giugno

Paola Frassinetti (Genova, 3 marzo 1809Roma, 11 giugno 1882) fu una religiosa italiana, fondatrice della congregazione delle Suore di Santa Dorotea: nel 1984 è stata proclamata santa da papa Giovanni Paolo II.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Terzogenita di Giovanni Frassinetti e Angela Viale, rimase precocemente orfana di madre e iniziò a dedicarsi ancora bambina alla cura della famiglia: ricevette la sua educazione in casa, dal fratello maggiore Giuseppe, poi sacerdote nella parrocchia di San Pietro di Quinto, che poi seguirà nelle parrocchie dove egli verrà inviato a svolgere il suo servizio pastorale.

Presto inizia a progettare di fondare un istituto religioso e, il 12 agosto 1834, nel santuario di San Martino in Albaro, pronuncia i voti insieme a sette compagne: la Congregazione delle suore di Santa Dorotea, dedita all'educazione della gioventù, si diffonde rapidamente anche all'estero (fondò case anche in Portogallo e Brasile).

Nel 1841 si trasferì a Roma, dove nel 1844 papa Gregorio XVI le affidò la direzione del Conservatorio di Santa Maria del Rifugio, presso la Chiesa di Sant'Onofrio al Gianicolo, meglio noto come Conservatorio Torlonia.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

Beatificata da papa Pio XI l'8 giugno 1930, è stata canonizzata da Giovanni Paolo II l'11 marzo 1984: è pertanto venerata come santa dalla Chiesa cattolica che ne celebra la memoria l'11 giugno.

Il suo corpo incorrotto è visibile sotto l'altare della Cappella delle Dorotee in via Salita Sant'Onofrio n. 38 - Roma.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN67256823 · ISNI (EN0000 0000 6630 1843 · SBN IT\ICCU\CFIV\128397 · LCCN (ENno00072132 · GND (DE118535080 · CERL cnp00549418